7 Brasiliani che Hanno Fatto Storia in Italia

La connessione tra il Brasile e l’Italia è notevole, soprattutto attraverso la massiccia immigrazione di famiglie italiane in Brasile alla fine del XIX secolo e all’inizio del XX secolo. Il Brasile è il paese con la maggior presenza di persone di origine italiana al di fuori dell’Italia; si stima che il 15% della popolazione brasiliana discenda da italiani. Nel calcio, questa connessione è altrettanto forte e vivace, ma solitamente segue la direzione opposta, con i brasiliani che si recano in Italia per competere in uno dei campionati più combattuti e fisici al mondo.

Di seguito elencheremo sette giocatori brasiliani che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del calcio italiano.

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle notizie ed esclusiveInstagramFacebook e Twitter.

I 7 Brasiliani

Altafini/Mazzola

José João Altafini, originario della tradizionale città di Piracicaba nell’entroterra di San Paolo, è nato il 24 luglio 1938 e si è distinto fin da giovane per il suo fiuto del gol affinato e la sua tecnica in campo.

Quando era giovane, giocava nelle squadre giovanili del XV de Piracicaba e, facendosi notare, si trasferì al Palmeiras nel 1956, all’età di 17 anni. Con la maglia verde, José João divenne noto nel mondo del calcio e guadagnò il soprannome di Mazzola, a causa della somiglianza fisica con la stella italiana Valentino Mazzola.

In due anni al Palmeiras, il giovane italo-brasiliano mostrò quanto fosse letale in area di rigore, molto opportunista e sembrava essere sempre nel posto giusto al momento giusto.

Al suo debutto per il Palestra Italia, Mazzola segnò 5 gol contro il Noroeste, e grazie a questa grande efficienza e al fiuto del gol, totalizzò 90 gol in 126 partite con il Verdão, guadagnandosi la convocazione nella squadra nazionale per la Coppa del Mondo del 1958.

Durante la Coppa del Mondo, esordì come titolare contro l’Austria segnando due gol nella vittoria del Brasile. Contro l’Inghilterra, tuttavia, non brillò e la selezione pareggiò 0-0, necessitando una vittoria contro la temibile Unione Sovietica per passare al turno successivo.

Vicente Feola, il leggendario allenatore della Selezione del 1958, stupì la stampa cambiando l’orario dell’allenamento precedente il match contro l’Unione Sovietica e apportando diverse modifiche alla squadra. Joel, Dino Sani e Mazzola lasciarono il posto a Zito, Garrincha e Pelé.

Le modifiche ebbero successo e il Brasile vinse 2-0 contro i sovietici. Mazzola giocò ancora contro il Galles nei quarti, ma perse il suo posto a favore del Re Pelé. Alla fine della Coppa del Mondo, il Brasile si laureò per la prima volta campione del mondo.

Nonostante avesse perso il suo posto da titolare, Mazzola fece una grande Coppa e attirò l’interesse del Milan, che lo acquistò dal Palmeiras per 25 milioni di cruzeiros, una somma estremamente alta per l’epoca.

Arrivato ai Rossoneri a soli 19 anni, Altafini segnò 32 gol in 26 partite per il Milan nella sua prima stagione e fu una delle figure chiave per la conquista dello scudetto del 1958/1959.

Dopo la prima stagione straordinaria, Altafini continuò a sfoggiare la sua abilità brasiliana su suolo italiano, segnando gol su gol in vari modi, dall’interno dell’area, da fuori, di testa, di rovesciata. Era un repertorio impressionante per il giovane considerato uno dei migliori giocatori in attività in Italia all’epoca.

Il giovane italo-brasiliano aveva un’unica missione: segnare gol. Riuscì persino a segnare 4 gol in un Derby della Madonnina (Derby di Milano) e altri 4 gol in un Derby contro la Juventus. Altafini è uno dei pochi nella storia del calcio a segnare 5 gol in una partita di Champions League. Con i suoi gol, conquistò i cuori dei tifosi del Milan.

Ancora con il Milan, Altafini fu campione della Serie A nel 1961/1962, vincendo il titolo di capocannoniere del torneo e della Coppa dei Campioni, dove segnò due gol nella finale contro il Benfica di Eusébio e fu il capocannoniere della competizione con 14 gol, un record che fu superato solo nel 2014 quando Cristiano Ronaldo ne segnò 17.

Nonostante il successo con il Milan, la Nazionale Italiana cercò Altafini per convocarlo nella squadra azzurra. Sapendo che avrebbe avuto poche possibilità di tornare a indossare la maglia verde, dato che la Nazionale Brasiliana all’epoca non convocava giocatori che giocavano all’estero, Altafini accettò l’invito della Nazionale Italiana. Tuttavia, con l’Azzurra non ottenne altrettanto successo, venendo addirittura criticato per le sue prestazioni durante la Coppa del Mondo del 1962, in cui il Brasile vinse nuovamente.

Nel 1965, la sua esperienza con il Milan terminò a causa di un disaccordo con l’attaccante Amarildo, e dopo 120 gol in 205 partite, Altafini si congedò dai Rossoneri e si trasferì a Napoli.

Dove rimase per 7 anni, senza ottenere risultati significativi in termini di titoli, sfiorando il titolo nella stagione 1967/1968 con il secondo posto. Tuttavia, il campione continuava a segnare gol e a incantare con le sue prestazioni di alto livello. In totale, segnò 97 gol in 234 partite per i Partenopei.

Nel 1972 tornò nel nord Italia, ma questa volta alla Juventus. A 34 anni, Altafini era una sorta di sostituto di lusso per la Juventus e entrava sempre per cambiare le partite e decidere a favore della Vecchia Signora. Fu addirittura determinante per le vittorie negli Scudetti del 1972/1973 e 1974/1975, segnando 37 gol in 119 partite e portando la sua esperienza nel gruppo.

Dopo 18 anni nel calcio italiano, Altafini lasciò un segno indelebile nella storia dell’Italia e, insieme a Giuseppe Meazza, è il quarto miglior marcatore di sempre della Serie A con 216 gol.

Per gli italiani, Altafini, e per i brasiliani, Mazzola, è stato uno dei primi brasiliani a sfondare e avere successo in Italia. Che giocatore e che figura.

Altafini, giocattore brasiliano che ha fatto storia in Italia
Foto: Reproduzione.

Paulo Roberto Falcão

Il catarinense Paulo Roberto Falcão è conosciuto in tutto il mondo per la sua eleganza in campo. Ha iniziato la sua carriera nell’Internacional di Porto Alegre dopo una brillante campagna nella Coppa São Paulo de Futebol Júnior del 1972, dove l’Inter è arrivato secondo. Falcão, con appena 18 anni, ha attirato l’interesse dell’allenatore Dino Santi ed è stato immediatamente integrato nella squadra professionistica del Gigante da Beira-Rio.

Nella sua prima stagione da professionista nel 1973 si è distinto, soprattutto per la sua tecnica e visione di gioco, nonostante la giovane età. Era un giocatore estremamente cerebrale, un centrocampista che faceva giocare la squadra e che sapeva arrivare come elemento sorpresa per concludere a rete.

Falcão è uno, se non il più grande idolo del club colorato e con l’Inter è stato tricampione brasiliano nel 1975, 1976 e 1979 e pentacampeão gaúcho. Grazie alle sue prestazioni e al suo stile di gioco, è stato una presenza costante nelle convocazioni della Nazionale Brasiliana dal 1976 al 1986.

Dopo aver mostrato tutto il suo stile e la sua qualità in Brasile, Falcão si è trasferito a Roma nel 1980, subito dopo la riapertura ai giocatori stranieri.

Arrivato nella squadra giallorossa, sembrava fatto apposta per giocare lì, si integrò perfettamente nella squadra e divenne rapidamente un elemento fondamentale per i Lupi.

I suoi passaggi sconcertanti, il controllo palla fenomenale con le sue falcate ampie e le sue frequenti incursioni in attacco, oltre alla sua esperienza e leadership in campo, fecero sì che, insieme ai suoi compagni, vincesse la Coppa Italia nel 1980/1981 e nel 1983/1984, oltre al tanto atteso e famigerato titolo del Campionato Italiano nel 1982/1983 che i Lupi aspettavano da più di 4 decadi.

L’adorazione dei tifosi giallorossi per Falcão è così grande che lo hanno soprannominato “Re di Roma”. Pertanto, non si può negare che Paulo Roberto, il Divino, il Re di Roma, Falcão, sia uno dei brasiliani più importanti nella storia del calcio italiano.

Foto: reproduzione

Zico

Arthur Antunes Coimbra, noto come Arthurzinho, Galinho o semplicemente Zico, è nativo della città di Rio de Janeiro e ha iniziato la sua carriera, per la maggior parte trascorsa nel Flamengo, diventandone l’idolo massimo.

Nel suo primo periodo al Flamengo, Zico ha sfoggiato tutto il suo stile in campo. Era un giocatore completo, passava come nessun altro, teneva la palla incollata al piede, segnava gol e era un magistrale battitore di punizioni.

Dal 1971 al 1983, ha disputato 630 partite con il Mengão e segnato 480 gol. È stato sei volte campione carioca, tre volte campione brasiliano, campione della Libertadores e campione del mondo. Zico era uno dei più grandi nomi del calcio dell’epoca. La Udinese non ha risparmiato sforzi per assicurarsi la presenza dell’astro brasiliano.

Il trasferimento di Zico alla Udinese è stato all’epoca una delle maggiori transazioni nel calcio mondiale, con una cifra intorno ai 4 milioni di dollari. Tuttavia, il trasferimento è stato oggetto di polemiche. La Federazione Italiana ha inizialmente annullato il trasferimento di Zico, richiedendo alla Udinese di rendere conto di come avesse ottenuto i fondi per tale investimento.

Ciò ha indignato i tifosi friulani, che hanno protestato affinché Zico giocasse per la Udinese, anche con manifestazioni politiche con lo slogan “Zico o Áustria”, in riferimento al dominio dell’Impero Austro-Ungarico nel XIX secolo sulla regione dove si trova Udine. Grandi sforzi sono stati fatti per concretizzare il trasferimento di Zico, compreso l’intervento del presidente italiano Sandro Pertini.

Nella sua prima stagione alla Udinese, Zico è stato ciò che tutti si aspettavano. Dribblava, forniva assist, segnava gol su punizione e aveva prestazioni storiche. Tuttavia, ciò non è bastato per un buon piazzamento in Serie A. Nella sua prima stagione, Zico ha aiutato la Udinese a classificarsi al 9º posto in Serie A, a soli tre punti dall’accesso alla Coppa UEFA. In questa stagione, Zico ha segnato 19 gol, piazzandosi al secondo posto nella classifica dei cannonieri della Serie A, dietro a Platini che ne ha segnati 20. Tuttavia, Zico ha ricevuto il premio come miglior giocatore del campionato italiano.

Se non fosse stato per un infortunio che lo ha tenuto fuori da alcuni giochi della prima stagione, è probabile che Zico avrebbe portato la Udinese in Coppa UEFA e sarebbe stato il capocannoniere della Serie A italiana. Delle dieci vittorie della Udinese nella competizione, Zico ne ha partecipate a otto, battendo le prime quattro squadre della classifica: Juventus, Roma, Fiorentina e Inter.

Un fatto curioso della sua prima stagione alla Udinese è stato il super gol su punizione contro l’Avellino, in cui Zico era compagno di squadra del centrocampista Franco Causio. Ogni volta che Zico si apprestava a calciare una punizione, Causio restava vicino perché voleva eseguire una giocata studiata. Zico gli chiese di allontanarsi e un giorno, durante una partita contro l’Avellino, la giocata si concretizzò.

In questa partita, c’era un calcio di punizione a circa 30 metri dalla porta, in posizione centrale ma leggermente a destra. Zico si è allontanato, ha finto di calciare ma ha toccato per Causio, che ha rallentato la palla appena sufficientemente per consentire a Zico di calciare forte e incrociato. Il pallone ha preso quota ed è sceso nel momento giusto dietro il portiere, che non ha potuto far nulla.

Anche dopo una prima stagione eccezionale con la Udinese, nella seconda Zico ha sofferto molte lesioni muscolari e non è riuscito a riproporre il suo magnifico gioco, giocando solo 15 partite in Serie A. In questa stagione 1984/1985, la Udinese ha sfiorato la retrocessione.

Così si è conclusa l’esperienza di Zico nel calcio europeo, breve ma con buoni numeri. Complessivamente, Zico ha segnato 57 gol, di cui 17 su punizione.

Molti criticano il passaggio di Zico in Italia, ma i tifosi della Udinese lo amano e lo considerano un idolo, come dimostrano il titolo di cittadino onorario di Udine, il sondaggio del giornale italiano La Repubblica del 2006 che ha designato Zico come il miglior brasiliano a giocare in Italia e l’addio di Zico alla Nazionale Brasiliana nel 1989 a Udine contro la Seleção do Mundo.

Foto: Udinese

Cafu

Marcos Evangelista de Morais, noto come Cafu, è uno dei più grandi terzini destri nella storia del calcio. Nativo di Itaquaquecetuba, nell’entroterra di San Paolo, ha iniziato la sua carriera allo São Paulo Futebol Clube. Con un vigore fisico ammirevole e una straordinaria consapevolezza tattica, Cafu si è trasferito al Zaragoza in Spagna nel 1995, dove è rimasto per poco tempo prima di fare ritorno in Brasile.

Si è poi unito al Juventude grazie a una mossa della Parmalat insieme al Palmeiras, prima di approdare al club alviverde, dove ha trascorso due stagioni ricche di successi, soprattutto nel 1996, facendo parte della storica squadra verde e bianca che ha segnato 100 gol nel Campionato Paulista.

Dopo essersi distinto a livello nazionale, è stato ingaggiato dalla Roma, dove ha giocato dal 1997 al 2003, diventando un “Luppi” insieme a Totti e Aldair.

Nella squadra giallorossa ha ricevuto il soprannome di “Il Pendolino” per la sua intensità in campo e la sua capacità unica di coprire l’intero campo, rappresentando un’arma potente in fase offensiva e un pilastro in fase difensiva.

La sua intensità, dedizione, forza fisica e soprattutto la capacità di esaltare i compagni di squadra in campo sono stati fondamentali per la conquista dello Scudetto nella stagione 2000/2001.

Le sue grandi prestazioni alla Roma hanno permesso a Cafu di partecipare ai Mondiali del 1998 e del 2002 con il Brasile, dove è stato capitano e ha sollevato la Coppa del Mondo.

Nel 2003 si è trasferito al Milan, dove ha scritto ulteriormente la sua storia in Italia. Insieme a una magnifica generazione di giocatori del Milan, Cafu è stato campione di tutto, vincendo il Campionato Italiano, la Supercoppa Italiana, la Supercoppa Europea, la Liga dei Campioni e il Mondiale per club.

La dedizione di Cafu al gioco è un esempio per migliaia di brasiliani, italiani e appassionati di calcio in tutto il mondo. Cafu, senza dubbio, è uno dei più grandi terzini destri nella storia del calcio e uno dei brasiliani che hanno lasciato un segno indelebile in Italia.

Foto: Reuters

Ronaldo

Il Fenomeno Ronaldo Nazário de Lima ha iniziato la sua carriera al Cruzeiro e, dopo essersi distinto nelle stagioni 1993 e 1994 con 56 gol in 58 partite, il giovane dentone è stato ingaggiato dal PSV.

Anche nei Paesi Bassi le cose non sono cambiate: la sua velocità incomparabile, unita a un controllo palla unico, un senso di posizionamento e conclusioni precise, facevano sì che il ragazzo di soli 19 anni fosse considerato uno dei migliori giocatori dell’epoca. Al PSV ha segnato 54 gol in 57 partite, e nonostante il PSV cercasse in ogni modo di trattenere il talento brasiliano più a lungo nella squadra, non ci riuscì, poiché tutti i grandi club europei lo volevano.

Così, il fenomeno si trasferì al Barcellona, dove il giovane talentuoso fece di tutto: era il più veloce, il più abile, il più intelligente e quello che sapeva fare più gol. Nonostante la sua giovane età, sembrava un veterano per la sua intimità con la sua fedele compagna (la palla). Sembrava potesse metterla dove voleva, e ciò che il carismatico ragazzo fece con la maglia del Barcellona era inspiegabile. Nel 1996 è stato scelto dalla FIFA come il miglior giocatore del mondo, diventando il più giovane a vincere tale premio.

Tuttavia, alla fine della stagione in cui Ronaldo era indiscutibilmente uno dei migliori giocatori del mondo, ha cercato un rinnovo contrattuale con un aumento salariale e il Barcellona ha rifiutato. Così, l’Inter di Milano ha agito prontamente, pagando la sua clausola rescissoria di 36 milioni di dollari. Era un sogno da tempo dei Nerazzurri, ed è così che il Fenomeno è arrivato in Italia.

La sua esperienza in Italia è stata e non è stata come tutti si aspettavano. Ha iniziato alla grande, con 14 gol in 19 partite, venendo addirittura considerato il miglior giocatore dell’anno dalla FIFA per la seconda volta consecutiva.

Nella stagione 1997/1998, Ronaldo ha mostrato tutta la sua abilità tecnica, segnando gol memorabili, compiendo dribbling sconcertanti e effettuando sprint inarrestabili. Queste qualità sono state predominanti per cui la stampa italiana ha soprannominato il ragazzo il Fenomeno, e da allora il talento brasiliano non ha mai abbandonato questo soprannome.

Tuttavia, non tutto è oro quello che luccica: l’Inter ha perso il titolo della Serie A italiana in una partita molto controversa contro la Juventus, in cui non è stato fischiato un calcio di rigore evidente su Ronaldo.

Successivamente, è arrivato il titolo di campione della Coppa UEFA, che ha contribuito a rialzare il morale della squadra milanese. Il talento brasiliano ha segnato 34 gol in 47 partite per l’Inter nella stagione 1997/1998. Una stagione straordinaria del Fenomeno.

Dopo la Coppa del Mondo del 1998, il Fenomeno ha convissuto con diverse lesioni ai suoi ginocchi, comprese tendiniti continue, che hanno reso molto difficile la sua vita da calciatore, oltre alle gravi lesioni dei legamenti al ginocchio.

Così Ronaldo ha avuto alcuni sprazzi, ma non è riuscito a riproporre il suo consueto calcio d’arte nell’Inter di Milano. Nel complesso, in quasi 5 anni di Internazionale, il goleador ha segnato 59 gol in 99 partite, buoni numeri, ma non erano quelli che lui e i tifosi si aspettavano. Tuttavia, è stato comunque uno dei grandi nomi del calcio italiano dell’epoca.

Alla fine della sua carriera ha persino giocato per il Milan, dove ha continuato a lottare con infortuni e questa volta con la bilancia. In soli 20 giochi tra il 2007 e il 2008, Ronaldo ha segnato 9 gol per i Diavoli, dimostrando che era ancora un mago del pallone.

Ronaldo è uno dei brasiliani che ha fatto la storia in Italia, essendo uno dei migliori giocatori che il paese abbia mai accolto. Il Fenomeno era una figura unica nel calcio, e ciò che ha fatto con la palla ai piedi è stato incomparabile.

Ronaldo, um dos maiores brasileiros na história do futebol.
Foto: reproduzione

Adriano

Nato nella città di Rio de Janeiro, Adriano è stato noto fin dalle giovanili del Flamengo per la sua imponente statura fisica e la potenza del suo tiro. Ha trascorso quasi tutta la sua formazione come terzino sinistro, fino all’ultimo anno delle giovanili, quando il leggendario Carlos Alberto Torres, il Capitano, ha notato le qualità del ragazzo e lo ha spostato in attacco, con effetti immediati.

Nel 2000 ha fatto il suo esordio con il Flamengo, dimostrando molta intensità, determinazione, abilità, precisione e potenza nei tiri. Un anno dopo il suo debutto con il Rubro-Negro, è stato venduto all’Inter di Milano.

Arrivato all’Inter, il ragazzo ha impressionato per la sua stazza e forza fisica, anche se a volte sembrava avere qualche problema di posizionamento in campo. Tuttavia, si è plasmato e adattato al calcio europeo nel corso del tempo.

Nella sua prima partita con l’Inter, ha segnato un gol da antologia su punizione contro il Real Madrid. Dopo aver ricevuto un bel lancio, il giovane carioca ha portato la palla come una freccia sulla sinistra, tagliando verso l’interno cercando spazio per il tiro, ed è stato steso dall’esperto Hierro appena fuori dall’area.

Al momento del calcio di punizione, Adriano chiede la palla a Seedorf, l’esperto olandese gliela dà convincendo gli altri giocatori che il giovane debuttante avrebbe dovuto calciare. Adriano posiziona la palla, si allontana e scaglia una bomba imparabile che colpisce il travetto prima di entrare in rete, annunciando al mondo le sue credenziali da giovane carioca con la forza di un gigante.

Nonostante una buona prestazione nel suo debutto, è stato poi prestato alla Fiorentina e successivamente al Parma, dove ha disputato buone stagioni di adattamento in Italia, specialmente al Parma, dove ha segnato 27 gol in 44 partite, mostrando al mondo di non essere solo un ragazzo forte con un tiro potente, ma anche molto abile e intelligente.

Nel 2004 è tornato all’Inter con lo status di stella e non ha deluso. Con una media di quasi 1 gol a partita nella stagione 2004/2005, la stampa italiana gli ha affibbiato il soprannome di “Imperatore”, che gli è calzato a pennello, diventando noto in tutto il mondo con questo appellativo.

Adriano era un attaccante completo, con abilità e tecnica per dribbling stretti e per controllare la palla in ogni modo, velocità e forza per superare qualsiasi marcatore, oltre a possedere uno dei tiri più precisi e potenti che il mondo del calcio abbia mai visto. Adriano, o meglio, l’Imperatore, era una macchina per segnare gol, e faceva sì che i tifosi dell’Inter e dei suoi rivali avessero piacere a pagare per i biglietti delle partite in cui lui era presente.

Nella stagione successiva ha continuato a operare a un livello altissimo, contribuendo in modo decisivo alla conquista della Coppa Italia e dello scudetto, ma nel 2006 alla fine della stagione ha ricevuto una terribile notizia che ha cambiato per sempre la sua carriera: la morte di suo padre, il suo porto sicuro e migliore amico.

Dopo la devastante notizia, Adriano ha iniziato a soffrire molto e non è riuscito a mantenere il suo ritmo abituale in campo, dimostrando a tratti di poter farlo, ma alla fine ha perso interesse per il calcio.

Nonostante ciò, è tornato all’Inter e ha vinto la Serie A nelle stagioni 2006/2007, 2007/2008 e 2008/2009. Nel 2008 si è separato dal club dopo la rescissione consensuale del contratto.

Adriano è senza dubbio uno dei più grandi talenti che il calcio abbia mai avuto, ed è stato in Italia che l’Imperatore ha dimostrato tutto il suo valore. Purtroppo, le vicissitudini della vita hanno impedito ad Adriano di raggiungere il suo massimo potenziale, ma sappiamo che è stato uno degli attaccanti più differenti ed esuberanti che abbiano mai giocato in Italia.

Reprodução GettyImages.

Kaká

Ricardo Izecson dos Santos Leite, il famoso Kaká, è nato a Gama nel Distretto Federale e, fin da giovane, ha giocato nelle giovanili del São Paulo, dove si distingueva per la sua velocità in ampie falcate e la buona visione di gioco.

Kaká, non appena ha avuto l’opportunità di giocare nella prima squadra del São Paulo, l’ha afferrata e ha fatto di tutto per non sprecarla. Nell’annata 2001, ha segnato gol nei derby e ha fornito passaggi spettacolari, guadagnandosi la convocazione in Nazionale.

Nel 2002, ha mantenuto il suo livello di gioco ed è stato convocato per la Coppa del Mondo del 2002, dove ha giocato poco ma ha acquisito esperienza con i migliori talenti della generazione, oltre a conquistare il titolo di Pentacampeão.

La sua rapida ascesa è stata notata in tutta Europa, e due grandi squadre si contendevano il giovane centrocampista: Chelsea e Milan. Il Chelsea offriva più denaro, ma il Milan aveva a suo favore un club con molti brasiliani e Leonardo come dirigente, che aveva giocato con Kaká nello São Paulo.

Per Kaká la scelta è stata facile; non c’era motivo di non scegliere i Rossoneri. Arrivato a Milano, il giovane si è adattato rapidamente e in una rosa piena di stelle, ha sorprendentemente conquistato il posto da titolare velocemente, superando craques come Rivaldo e Rui Costa.

La sua visione di gioco per i passaggi lunghi, insieme alle sue lunghe gambe, al controllo di palla unico e alle precise conclusioni, erano un regalo per quella squadra impressionante del Milan.

Nonostante avesse stagioni individuali affascinanti, il Milan sbatteva sempre contro il palo nella conquista dello Scudetto e della Champions League, fino a quando è iniziata la stagione magica del 2006/2007.

Per Kaká non è iniziata così bene, visto che è stato eliminato dalla Coppa del Mondo dalla Francia, non riuscendo a esprimere insieme ai suoi compagni di Nazionale il calcio che tutti si aspettavano.

Kaká non si è lasciato abbattere e ha usato queste delusioni come scudo, facendo la migliore stagione della sua vita. Nessuno riusciva a rubargli la palla dai piedi, la sua velocità sembrava quella di un atleta dei 100 metri, e la sua finalizzazione era tarata al massimo. Calci potenti con la parte superiore del piede, tocchetti per eludere i portieri e i suoi tradizionali tiri a giro con la parte interna.

Kaká è stato un elemento fondamentale per la conquista della Champions League 2006/2007, terminando la competizione come capocannoniere con dieci gol, la maggior parte dei quali decisivi e gol da antologia, oltre a contribuire con splendide assistenze, la più ricordata per il gol di Pippo Inzaghi nella finale contro il Liverpool, che è stata una dolce vendetta per Kaká e per il Milan, che aveva perso ai rigori nella stagione d’esordio del Principe Milanese.

Kaká è sinonimo di eleganza unita alla velocità in campo, aveva uno stile di gioco unico che sarà ricordato per sempre dai tifosi del Milan e dal calcio italiano.

Brasiliani Kaká
Foto: AC MIlan

 

Scrito da João Felipe Miller.

Ultimi articoli
Tags: Esclusive, In Evidenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere