Protagonisti
Nessun commento

Antero Greco: Generosità, Competenza e Coraggio

Antero Greco

Giovedì scorso, 16 maggio 2024, uno dei più grandi giornalisti, non solo nel mondo dello sport ma nella storia brasiliana, Antero Greco, ci ha lasciato.

Accompagnateci nel ripercorrere il percorso di Antero, o Anterito, come lo chiamavano i suoi amici più intimi.

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle prossime uscite della rubrica ProtagonistiInstagramFacebook e X.

Breve Biografia di Antero Greco

Antero Greco, o semplicemente Anterito, è nato il 2 giugno 1954, nella città di San Paolo, più precisamente nel quartiere di Bom Retiro.

Figlio di immigrati italiani, Antero era un appassionato di sport e un sostenitore fervente del Palmeiras, onorando le sue radici.

Il suo dono con le parole lo ha portato alla migliore università dell’America Latina, l’Università di San Paolo. Lì si è laureato alla Scuola di Comunicazioni e Arti, specializzandosi in giornalismo.

La sua carriera professionale è iniziata all’età di 20 anni. Nel 1974, ha iniziato al giornale “O Estado de São Paulo” come correttore di bozze e, in pochi anni, è diventato un cronista sportivo. La sua carriera nel giornalismo cartaceo includeva anche esperienze al “Popular da Tarde”, “Folha de São Paulo” e “Diário Popular”.

Na década de 1980, na redação do

Immagine: Personale di Antero Greco

Nell’Estadão, ha avuto diverse esperienze. Nel 1989, ha lasciato temporaneamente il giornale per lavorare presso l’Agência Estado e, nel 1992, è tornato al veicolo come caporedattore sportivo, posizione che ha ricoperto fino alla fine del 1993.

Greco è tornato all’Estadão alla fine del 2000 e, tra il 2006 e il 2009, ha nuovamente ricoperto il ruolo di caporedattore sportivo. Oltre ai ruoli editoriali, era un editorialista e ha creato il blog “Viramundo”, dove scriveva su vari argomenti legati al calcio e allo sport in generale. È rimasto all’Estadão fino al 2018, lasciando un segno significativo nella copertura sportiva del giornale.

Nel 1983, Antero è passato alla televisione, iniziando alla Band, dove commentava le trasmissioni del Campionato Italiano.

Il suo compagno di trasmissione era nientemeno che Silvio Luiz, uno dei più grandi commentatori del Brasile.

Coprendo le partite della Serie A al loro apice tecnico, la coppia ha fatto la storia della programmazione della Band.

Per coincidenza o meno, il grande Silvio Luiz è scomparso lo stesso giorno di Antero Greco. Così è la vita.

Antero Greco - Que fim levou? - Terceiro Tempo

Immagine: Personale di Antero Greco

La sua carriera ha fatto un grande salto nel 1994 quando si è unito a ESPN Brasil, dove si è distinto come uno dei principali commentatori sportivi, contribuendo a vari programmi come “Linha de Passe”, “É Rapidinho” e “Bate-bola”.

Tuttavia, è stato insieme a Paulo Soares, popolarmente conosciuto come Amigão, che Antero ha potuto mostrare la sua intelligenza, il suo carisma e la sua arguzia a tutta la nazione.

Alla guida di SportsCenter, a tarda notte, gli appassionati di sport si riunivano davanti alla televisione per ricevere aggiornamenti sul Brasileirão, sulla Libertadores e altro ancora, accompagnati da Amigão e Anterito.

Il programma offriva informazioni di qualità, guidate da Amigão e analizzate da Antero. Di tanto in tanto, era intriso di umorismo.

La sinergia tra loro era impressionante. Spesso rompevano il “protocollo televisivo” e scoppiavano in risate. Noi, gli spettatori, facevamo lo stesso.

La partnership è durata 20 anni. Durante la pandemia, Amigão era assente in alcune occasioni.

Nel luglio 2022, ad Antero è stato diagnosticato un tumore cerebrale. Ha subito varie fasi di trattamento, tra cui interventi chirurgici, radioterapia e chemioterapia.

Nonostante le circostanze avverse, ha mostrato il suo coraggio e la sua grandezza, continuando a lavorare. Indipendentemente dal peggioramento della sua salute, Anterito ha rilasciato i suoi commenti illuminati, pieni di conoscenza e equilibrio.

Sfortunatamente, la battaglia del nostro caro Antero è terminata il 16, quando la sua morte è stata dichiarata a causa del tumore cerebrale.

Maradona esteve em São Paulo em abril de 1981, para a entrega do Troféu Gandula, e foi entrevistado por Antero Greco e Tony José. Foto: Luiz Gevaerd

Immagine: Luiz Gevaerd

Chi era Antero Greco e cosa simboleggia?

È molto difficile parlare di unanimità, specialmente nel mondo del calcio.

Quando guardiamo i grandi comunicatori in questo campo, possiamo notare significative divergenze tra spettatori e colleghi.

Ma quando si tratta di Antero Greco, non si alza una sola voce in modo negativo contro il giornalista.

Questo è vero sia per il suo carisma che per le sue intuizioni calcistiche.

La verità è che Antero era (ed è) molto più di un commentatore spensierato. Aveva una profonda conoscenza del calcio. Che si tratti di tattiche o del mondo più ampio dello sport, la popolare “boleiragem”.

Inoltre, era eloquente nel suo discorso ed equilibrato. A differenza della maggior parte dei suoi colleghi, evitava iperboli mirate a generare coinvolgimento. Era ben preparato e si asteneva dal dire sciocchezze o frasi che potessero invecchiare male.

Questa capacità si è riflessa nei numerosi omaggi postumi.

In uno di essi, il giornalista di ESPN André Kfouri ha condiviso un po’ dietro le quinte della rete e come Antero interagiva.

Kfouri è categorico nel dire che l’Antero che vedevamo sullo schermo era lo stesso con cui interagiva quotidianamente. Una persona che non ha mai avuto bisogno di interpretare un personaggio davanti alle telecamere.

Secondo lui, Antero era una persona dotata di sincerità. Quando sentiamo questo termine, può sembrare semplice, ma non lo è. Kfouri descrive come Antero Greco prendesse sul serio la sincerità. Che fosse in un breve sorriso, quando chiedeva a qualcuno se stesse bene, o nelle sue opinioni.

Il fatto è che per questo scrittore, Antero era tutto questo e molto altro ancora. Anche senza conoscerlo personalmente, è stata una grande ispirazione per gli scrittori di questo sito per discutere di ciò che amiamo incondizionatamente: il calcio.

Antero era un opinione maker, sempre ben radicato nelle sue dichiarazioni. Tale atteggiamento mi ha fatto, oltre a leggere i suoi testi, accendere la TV, a tarda notte, con i miei fratelli e mio padre, per apprendere sul mondo dello sport.

Così, la figura di Antero (e anche di Amigão) rimane nella nostra memoria come parte della nostra famiglia. In questo modo, non sarà mai dimenticato, perché, proprio come me, mio padre e i miei fratelli ci riunivamo per guardarlo, sono sicuro che anche molte altre famiglie lo facessero.

Antero Greco sarà eterno. Sia per il suo lascito che per i bei ricordi che porta con sé.

Grazie, Anterito, per tanta ispirazione e per i bellissimi 69 anni vissuti.

Em 16 de dezembro de 2021, a afinadíssima e muito bem humorada dupla Paulo Soares e Antero Greco, durante o SportsCenter, da ESPN. Foto: Divulgação

Immagine: ESPN

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: Protagonisti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.