Classifica del Brasileirão: Tutto aperto a 3 giornate dalla fine

Tabela do Brasileirão palmeiras assume a liderença botafogo cai para terceiro flamengo segue vivo galo tem chances Brasileirão table Classifica del Brasileirão

La classifica del Brasileirão continua a subire e scendere.

Tutto ciò che non si poteva immaginare, oggi è diventato molto tangibile.

Scopri insieme a noi quali sono stati i cambiamenti nella posizione delle squadre. Chi si porterà a casa il titolo? Chi retrocederà in Serie B?

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio esteroInstagramFacebook e X.

Botafogo x Santos

Torniamo a sottolineare il periodo in cui il Botafogo ha dominato la classifica del Brasileirão. Niente di meno che dalla 3ª giornata fino alla giornata precedente (34ª).

Sono state 31 giornate al vertice della classifica del Brasileirão. Tuttavia, dal ritorno, il Glorioso sta avendo una campagna da retrocesso. Inoltre, la squadra ha subito un calo del 51% nel rendimento rispetto al primo turno.

Nonostante ciò, il Fogão ha impiegato del tempo per perdere il comando, che è arrivato con il pareggio contro il Fortaleza.

L’avversario questa volta era il Santos, che lotta strenuamente contro la retrocessione. Il Peixe, insieme all’Atlético Mineiro, detiene la maggiore imbattibilità attuale nel torneo, con una serie di 7 partite senza sconfitte.

Il Botafogo, ora guidato da Thiago Nunes, ha iniziato la partita con un forte pressing. In questo modo, ha aperto il punteggio già al 10′ del gioco. Un bellissimo gol di testa di Danilo, che è stato il migliore in campo.

Dall’inizio al 45′, il Glorioso è stato molto superiore al Santos. Con grandi prestazioni di Junior Santos, Victor Sá, Tchê Tchê, Gabriel Pires ed Eduardo, la squadra ha creato alcune opportunità, ma soprattutto ha impedito al Santos di giocare.

Per questo motivo, ad eccezione di un tiro da fuori area di Jean Lucas, il Peixe non ha creato pericoli.

Ma quando le cose sembrano stregate, sembra non esserci soluzione.

La tifoseria del Botafogo già gridava a pieni polmoni, come se avvertisse che la vittoria fosse imminente. Sarebbe stato il Fogo capace di interrompere la serie di sette partite senza vittorie e di riprendere il comando del Brasileirão?

La risposta la conosciamo già.

Segovia, che era entrato verso la fine della partita, ha dato un calcio alla gamba di Joaquim, al 44′ del secondo tempo.

Calcio di punizione. Alla battuta, il basso Soteldo. Contrariamente a molti tifosi del Alvinegro Praiano, passa il pallone a Mendoza invece di alzare il pallone in area.

Tuttavia, Soteldo aveva un piano. La difesa del Botafogo era distratta. Quando la palla arriva a Mendoza, Soteldo scatta verso la linea di fondo. Mendoza restituisce al venezuelano, che con una finta di corpo splendida supera Segovia, che lo stava marcando.

La palla si dirige verso la linea di fondo e con un cross, che sembrava più un assist, la palla trova la testa di Messias, che supera il marcatore e la butta in rete alle spalle di Lucas Perri.

Messias aveva già salvato il Santos, respingendo una palla sulla linea.

Così, il Santos ha guadagnato un punto prezioso nella lotta contro la retrocessione e ha superato il Vasco da Gama al 14º posto, che aveva pareggiato con l’Athletico Paranaense.

Il Botafogo, invece, dice praticamente addio alla lotta per il titolo. Non per questioni matematiche, poiché la squadra rimane al 3º posto, dietro solo a Palmeiras e Flamengo di un punto.

Tuttavia, sono stati molti colpi subiti consecutivamente dalla squadra. Non ci sono prospettive che i ragazzi di Tiago Nunes abbiano la forza di concludere il Campionato Brasileiro con il titolo.

Il Botafogo deve, inoltre, preoccuparsi molto seriamente della possibilità di perdere il posto diretto per la Coppa Libertadores, poiché squadre come Grêmio e Bragantino, fuori dalla zona di qualificazione diretta, sono solo a tre punti dalla ex-leader.

Botafogo 1 x 1 Santos | Campeonato Brasileiro: melhores momentos

Immagine: André Durão

América MG x Flamengo

Il Flamengo ha passato gran parte del Campionato Brasileiro in discredito.

Non è da meno. La squadra più potente del Brasile e delle Americhe ha accumulato fallimenti nelle competizioni a eliminazione diretta. Ci sono state continue sostituzioni degli allenatori, come già menzionato più volte qui.

Tuttavia, gli sforzi per avere il CT della Nazionale Brasiliana nelle ultime due Coppe del Mondo sembrano aver sortito l’effetto desiderato.

Con la vittoria di ieri, il Mengão ha ottenuto la sua sesta vittoria sotto la guida di Tite.

Tra queste 6 vittorie, alcune prestazioni molto solide, come il trionfo contro il Palmeiras per 3-0 e contro il Vasco per 1-0.

Contro l’América MG, già retrocesso, era un obbligo per il Flamengo vincere. E così è stato, con molta sicurezza e tranquillità.

L’anno che sembrava perso ora vede una luce in fondo al tunnel. Il Rubro Negro ha gli stessi 63 punti del Palmeiras, ma è superato dalla differenza reti: 26 a 17.

Il Flamengo è più vivo che mai.

Flamengo atropela lanterna América-MG e iguala líder Palmeiras em pontuação | CNN Brasil

Immagine: Gilvan de Souza / CRF

Atlético Mineiro x Grêmio

Questa partita sarebbe stata, come è stata, una svolta. Grêmio e Galo lottavano per la possibilità di contendere il titolo.

Chi avesse vinto avrebbe avuto la possibilità di inseguire il Palmeiras. Chi avesse perso avrebbe dovuto accontentarsi di un posto in Libertadores, diretto o indiretto.

Ma la sfida non era solo tra due giganti brasiliani attaccati in classifica nel Brasileirão. Dietro a questa partita c’era un grande carico emotivo.

Dopo la rimonta storica contro il Botafogo, l’Imortal ha perso l’opportunità di prendere la vetta del campionato perdendo in casa, per 1-0 contro il Corinthians, giocando buona parte della partita con un uomo in più. Una sconfitta del genere lascia segni. Non prendere punti contro una squadra che lotta contro la retrocessione, in casa propria, con un uomo in più, potendo assumere il comando, non è una cosa da poco.

Il Galo, insieme al Santos, ha una serie di 7 partite senza sconfitte. Anche prima di questo periodo, l’avanzata del Galão da Massa è impressionante.

Quando era allenato da Coudet, la squadra non riusciva a giustificare il proprio roster di talenti e si trovava a metà della classifica.

La dirigenza ha chiamato uno dei più grandi allenatori della storia, Luiz Felipe Scolari, popolarmente noto come Felipão.

Anche così, l’inizio non è stato facile. È stato necessario credere nel lavoro di Scolari, che sta dimostrando il motivo per cui ha vinto tutto nella sua carriera.

Il Galo ha avuto un aumento del 19% rispetto al primo turno del Brasileirão.

Nel primo tempo della partita, il Grêmio ha avuto una possibilità all’inizio, ma da lì in poi il dominio dell’Atlético è stato ampio, segnando un gran gol al 24′ con Guilherme Arana.

La palla è stata crossata, deviata dalla difesa e ha preso quota. Arana arriva come una freccia e colpisce la palla in volo per aprire il punteggio.

Il secondo tempo è stato una ripetizione del primo. Il Tricolor Gaúcho ha avuto l’occasione di pareggiare, subito al 50”, ma Maurício Lemos ha salvato sulla linea.

Chi non segna, subisce. È il vecchio detto del calcio. Appena 2′ dopo, il Galo ha raddoppiato con Zaracho.

Al 12′, Hulk fa il terzo gol, con il destro, per sigillare la vittoria e la lotta per il titolo del Galo.

Con il trionfo, gli atleticanos hanno conquistato la quarta posizione, a soli tre punti dal Palmeiras.

Mentre il Grêmio è rimasto fermo a 59 punti ed è scivolato in quinta posizione.

Veja os melhores momentos de Atlético 3x0 Grêmio | O TEMPO

Immagine: Pedro Souza / Atlético

Fortaleza x Palmeiras

Il Fortaleza aveva la possibilità di allontanare lo spettro della retrocessione. Qualcosa che quasi nessuno pensava potesse accadere all’inizio del Brasileirão.

Tuttavia, la sconfitta nella finale della Coppa Sudamericana sembra aver influenzato psicologicamente i giocatori del Leão.

Da allora, la squadra non è riuscita a vincere nessuna delle sette partite giocate, inclusa quella contro il Verdão.

Nonostante ciò, sembravano determinati a invertire questa situazione.

Dall’altra parte, il Palmeiras di Abel Ferreira. Cosa dire di questa squadra? La parola che meglio la definisce è maturità.

I ragazzi del tecnico portoghese hanno acquisito una notevole capacità di gestire situazioni scomode. Inoltre, è una squadra che cresce nettamente nei momenti di difficoltà, a differenza di molte squadre che hanno disputato o disputano la parte alta del Brasileirão, in qualche momento.

Il Fortaleza è passato in vantaggio, con un bellissimo gol di Thiago Galhardo. Prima di questo, Caio Alexandre aveva colpito l’incrocio tra il palo e la traversa con un tiro da fuori area.

Il Leão è tornato per il secondo tempo con un ritmo di gioco intenso. Tinga ha avuto l’opportunità di raddoppiare, ma ha sparato fuori.

La situazione sembrava complicarsi per il Palmeiras, soprattutto quando Gustavo Gomez è stato espulso al 13′.

Per molte squadre, sarebbe stata la fine della strada.

Ma non stiamo parlando di una qualsiasi squadra. In qualche modo, il Palmeiras è riuscito a eguagliare le azioni con il Fortaleza, soprattutto sulle palle inattive.

Raphael Veiga, centrocampista del Verdão e della Nazionale Brasiliana, prende il proprio rimbalzo, al 20′, e calcia con grande precisione per pareggiare.

Il Leão conosceva la propria capacità, quindi non si è lasciato abbattere dal gol subito. Appena 4′ dopo, Calebe fa un uno-due con Galhardo e mette di nuovo in vantaggio i cearensi.

Come era prevedibile, il Palmeiras non si è arreso. Dopo un calcio d’angolo respinto dalla difesa, la seconda palla arriva alta a Piquerez, che da lontano calcia verso l’area, prendendo molta altezza. Sembrava colpisse strano la palla, ma solo apparentemente. Trova la testa di Murillo, che mette la palla di testa sul secondo palo, dove Zé Rafael entrava in velocità.

Il centrocampista del Palmeiras tira di prima e pareggia la partita.

Qual è il significato di questo pareggio?

Per il Palmeiras, tutto. Se avesse perso la partita, il Flamengo avrebbe preso il comando e avrebbe dipenduto solo da sé per essere campione. Tuttavia, con il pareggio e il mantenimento del comando del campionato, il Palmeiras dipende solo da sé per conquistare ancora una volta il titolo.

Per il Fortaleza, la situazione si complica. Anche se le possibilità di retrocessione sono minime, è necessario rimanere all’erta. Ci sono possibilità matematiche di retrocedere in Serie B, dato che il Cruzeiro, prima squadra fuori dalla zona retrocessione, gioca oggi contro il Goiás. In caso di vittoria, raggiungerà gli stessi 44 punti del Leão.

Autor do gol do empate contra o Fortaleza, Zé Rafael diz o que o Palmeiras precisou para buscar o resultado

Immagine: Lance!

La folle classifica del Brasileirão

A tre giornate dalla fine, non possiamo giungere ad altra conclusione se non che il Campionato Brasiliano è una delle migliori leghe al mondo.

Non tanto per il livello del calcio giocato, che è comunque molto alto, ma soprattutto per la competitività tra le squadre.

È molto raro arrivare a questo punto con sei squadre che si contendono il titolo. Dall’altra parte della classifica, sette squadre lottano con tutte le loro forze per restare in Serie A.

Tra queste sette squadre coinvolte nella lotta per evitare la retrocessione, ci sono alcune delle maggiori squadre del Brasile, come Santos, Cruzeiro, Vasco e Corinthians.

Detto ciò, il primo passo è non perdere assolutamente nessuna partita in questa fase finale e, ancor più importante, rimanere informati su Calcio Deal per ulteriori aggiornamenti.

BlogMeiaHoraNoticias.com: Veja classificação do brasileirão seria A , briga pelo título esquenta !!

Immagine: TNT Sports Reproduzione

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: Brasileirao

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere