Coppe
Nessun commento

Copa do Brasil 2023: ottavi di finale

WANDERSON OLIVEIRA/DIA ESPORTIVO/ESTADÃO CONTEÚDO copa do brasil

Stabilite le 8 qualificazioni per la Copa do Brasil, con storiche rimonte e diversi calci di rigore. I quarti di finale della Copa do Brasil 2023 sono in programma il 5 e 12 luglio. Gli incontri saranno determinati da un sorteggio, in una data ancora da annunciare dalla CBF.

Fortaleza 1×0 Palmeiras

Palmeiras qualificato.

Dopo aver ottenuto un grande vantaggio all’Allianz Parque nella vittoria per 3-0 sul Fortaleza, il Verdão ha subito una battuta d’arresto al Castelão con una sconfitta di misura per 1-0. Tuttavia, si sono assicurati un posto nei quarti di finale della Copa do Brasil 2023 e continuano la loro ricerca del quinto titolo nella competizione.

All’andata, la Palestra Itália ha mostrato la sua forza in casa e ha dominato la partita dal primo minuto. Il Fortaleza, invece, ha cercato di accorciare le distanze e sfruttare i contropiedi ma non è riuscito ad essere efficace in entrambi gli aspetti.

Il Palmeiras riesce a spingere le linee di Leão do Pici e scambia facilmente passaggi a centrocampo, permettendo alle ali Dudu e Tabata, così come ai terzini Piquerez e Mayke, di sfruttare gli spazi lasciati dal Tricolor de Aço sulle fasce. A soli due minuti dall’inizio della partita, Rafael Veiga ha ricevuto un buon passaggio di Tabata dal limite dell’area e ha sferrato un potente tiro fuori porta.

Il Palmeiras continua a pressare e al 7′, dopo una brillante giocata di Dudu sulla sinistra, Baixola centra il pallone in area, e Rony subisce fallo da Caio Alexandre, con conseguente rigore controverso. Raphael Veiga si è fatto avanti per tirare il dischetto e ha segnato con sicurezza al centro, aprendo le marcature.

Il Fortaleza ha tentato di trattenere maggiormente la palla, ma il Palmeiras ha mantenuto un ritmo elevato e ha creato diverse occasioni per aumentare il proprio vantaggio. Al 17′ Veiga batte un calcio d’angolo, Gustavo Gomez di testa bene e João Ricardo fa una parata fantastica. Tuttavia, la palla è caduta su Bruno Tabata, che ha segnato di testa, e nonostante João Ricardo l’abbia toccata, la palla aveva già tagliato il traguardo. La determinazione del Palmeiras è stata tale che, nonostante il gol fosse stato segnato, Gustavo Gomez, che aveva già festeggiato, ha comunque colpito la palla in rete.

Nella ripresa la partita si apre e il Fortaleza inizia a creare di più, soprattutto con i tiri dalla media distanza, mentre il Palmeiras continua ad avere occasioni per segnare il terzo gol.

Poi, al 42′ della ripresa, Breno Lopes ha ricevuto palla sulla fascia sinistra, ha effettuato un taglio e con il piede destro ha sferrato un preciso cross che ha trovato il colombiano Richard Ríos. Ríos ha controllato la palla, lasciandola passare leggermente, ma ha ripreso rapidamente il possesso, ha eseguito una mossa abile che ha lasciato il difensore a terra e ha concluso magnificamente. La palla ha colpito anche il palo prima di entrare, che capolavoro! La partita in Terra da Garoa si è conclusa con una splendida vittoria per 3-0 per Porco su Leão.

Nella gara di ritorno, il Fortaleza doveva vincere con un margine di almeno 3 gol per forzare i calci di rigore. La squadra, il consiglio e lo staff tecnico hanno riconosciuto la difficoltà del compito e hanno invitato i tifosi tricolore a riempire lo stadio Castelão. Sono state offerte promozioni anche per i membri del club e l’atmosfera al Castelão è stata fantastica. Che spettacolo hanno fatto i tifosi di Leão do Pici!

Sfortunatamente, lo spettacolo dei tifosi non è stato sufficiente per far avanzare il Tricolor de Aço, ma ha supportato molto la squadra, che ha giocato bene ed è riuscita a eguagliare la forza di una delle migliori squadre del Brasile.

Il Fortaleza è entrato in partita più vigile e determinato a non lasciare che il Verdão mantenga il possesso nella propria metà campo. Sono stati anche bravi a fermare le rapide transizioni della squadra del San Paolo. Inoltre, Fortaleza è riuscito a scambiare buoni passaggi ed eseguire eccellenti triangolari per creare spazio e sfondare la difesa del Palmeiras.

Il Palmeiras, invece, si è difeso bene e ha cercato di sfruttare la velocità di Rony, che ha ingaggiato diversi duelli interessanti con il difensore Titi.

Leão do Pici ha avuto ottime occasioni nel primo tempo. Al 7′, Thiago Galhardo dribbla al centro, elude con successo Gustavo Gomez ma viene bloccato da Mayke. Al 12′, Brítez ha avuto un bel colpo di testa su calcio d’angolo di Pochettino, ma la palla ha mancato di poco il palo. Al 32′ Bruno Pacheco crossa in area e Zé Welisson calcia a lato.

Fino ad allora, la precisione non era perfetta. Tuttavia, al 35 ‘Galhardo ha preso un tiro preciso all’angolo, ma Weverton ha fatto una buona parata. Quasi al fischio, Pikachu ha fornito un buon cross a Galhardo, che ha preparato delicatamente la palla per Lucero. L’attaccante argentino ha preso il tiro dal dischetto, ma Weverton ha fatto un’altra parata eccellente.

All’intervallo, sia Vojvoda che Abel hanno effettuato delle sostituzioni. Calebe ha sostituito Pikachu per Leão, mentre Rafael Navarro è entrato per Rony e Breno Lopes ha sostituito Dudu per Palestra.

Il Fortaleza ha continuato ad attaccare alla ricerca del gol, ma il Palmeiras ha difeso bene. All’11’ della ripresa, Hércules entra per Zé Welisson, e il giovane giocatore migliora ulteriormente la dinamica di Leão, respingendo il Palmeiras. Tuttavia, il Fortaleza ha faticato a sfondare le linee, quindi ha iniziato a tentare tiri dalla media distanza.

Al 12′, dopo una bella giocata sulla destra, la palla arriva a Galhardo al limite dell’area, che colpisce con decisione, ma la palla finisce a lato di poco. Al 18′ tocca a Pochettino tentare la sorte. Dopo un rapido calcio di punizione, l’argentino ha controllato la palla e l’ha preparata per un tiro, tentando di cogliere Weverton alla sprovvista. Tuttavia, il tiro è andato a lato.

Il Palmeiras è riuscito a lanciare buoni contropiedi sul lato sinistro con il veloce Breno Lopes. Tuttavia, l’autore del gol per la vittoria del titolo Libertadores 2020 non stava passando una bella serata e ha preso decisioni e passaggi sbagliati quando ha raggiunto l’ultimo terzo del campo.

Al 26′, dopo una bella giocata sulla sinistra, Breno Lopes trova Veiga in area. Il centrocampista ha eseguito un bel taglio dentro e ha tirato con il piede destro. La palla ha superato il portiere e sembrava andare in rete, ma Rafael Navarro è arrivato con un potente contrasto in scivolata per spingere la palla dentro. Tuttavia, l’attaccante era in fuorigioco e il gol è stato annullato.

Nel successivo contropiede, Leão do Pici ha fatto una buona giocata al centro. Lucero ha eseguito un grande perno e ha trovato Pochettino, che ha tirato potente. La palla ha colpito il palo ed è tornata a Lucero, che aveva seguito il gioco, e con calma l’ha infilata in rete. Era 1-0 per Leão.

Tricolor de Aço ha provato di tutto per sfondare la solida difesa del Palmeiras, ma ha avuto solo un’altra buona occasione con una girata e un tiro di Calebe che è andato a lato. Con la vittoria di misura, Leão non è riuscito a ribaltare il punteggio dell’andata e il Palmeiras continua a lottare per il quinto titolo.

Photo: Cesar Grecco/Palmeiras

Bahia 1(4×3)1 Santos

Bahia qualificato.

Con un pareggio nella prima partita a Vila Belmiro e tante emozioni al Fonte Nova, il Bahia batte il Santos ai calci di rigore e passa ai quarti di finale.

La squadra di casa è uscita con la seguente formazione: Marcos Felipe; Kanu, David Duarte e Vitor Hugo; Jacaré, Acevedo, Rezende, Cauly e Ryan; Everaldo e Bienne. Allenatore: Renato Paiva.

Gli ospiti, invece, hanno iniziato la partita con: João Paulo, Gabriel Inocêncio, Messias, Joaquim e Lucas Pires; Rodrigo Fernández, Dodi e Lucas Lima; Mendoza, Soteldo e Deivid Washington.

Il Bahia aveva bisogno di una semplice vittoria per passare al turno successivo, ma sapevano che qualsiasi errore poteva essere fatale. Pertanto, le squadre hanno mostrato grande rispetto reciproco nel primo tempo, studiando attentamente i movimenti degli avversari.

Il Tricolor de Aço sfiora il gol con Biel, ma il fuorigioco viene correttamente segnalato dall’assistente e confermato dal VAR.

Alla fine del primo tempo, João Paulo, figura chiave del gioco, ha effettuato una parata spettacolare su colpo di testa di Kanu.

Nella ripresa il Bahia si lancia in avanti, affidandosi alle fughe di Biel e Cauly sulle fasce. Così, in una palla alta, Rodrigo Fernandez commette un errore. Il centrocampista del Santos prova a schermare il pallone per farlo uscire, ma non ci riesce. Il giocatore di Peixe quindi perde tempo a lamentarsi di un potenziale fallo e viene lasciato indietro nel gioco.

La palla è crossata, Everaldo di testa e João Paulo compie un’altra parata miracolosa. Tuttavia, la palla cade su Cauly, che con calma la calcia attraverso la porta per aprire le marcature.

Da quel momento in poi, Santos ha lottato per creare opportunità. Odair Hellmann ha provato a trovare alternative inserendo Bruno Mezenga, Angelo, Camacho e Wesley Patati.

Proprio quando sembrava che la partita fosse finita, Soteldo batte in corner al 90+5′. Bruno Mezenga, nella sua specialità, colpisce di testa e pareggia.

La partita va ai rigori.

Marcos Felipe e João Paulo hanno una bassa percentuale di successi ai calci di rigore. I portieri parano circa un rigore su dieci.

Camacho sbaglia il rigore, parato da Marcos Felipe. Adhemir ha l’ultima chance, ma João Paulo lo ferma.

Il salvatore, Bruno Mezenga, ha la palla tra i piedi per mantenere il Santos in gara ma sbaglia il rigore, permettendo al Bahia di passare alla fase successiva.

Nos pênaltis, Bahia vence Santos e avança na Copa do Brasil - Esportes - Campo Grande News

(Photo: Reproduction/@ecbahia no Twitter)

Cruzeiro 0x1 Gremio

Grêmio qualificato.

Dopo l’1-1 in casa dell’Arena, il Grêmio vince in casa del Mineirão e si assicura un posto nei quarti di finale.

Cruzeiro schierato: Rafael Cabral; William (Igor Formiga), Lucas Oliveira, Luciano Castán e Marlon; Wallisson (Gilberto), Machado (Neto Moura) e Matheus Vital; Wesley (Daniel Jr.), Stênio (Bruno Rodrigues) e Henrique Dourado.

Grêmio ha iniziato con: Gabriel Grando; Bruno Alves, Bruno Uvini e Kannemann; Fábio (João Pedro), Carballo (Milla), Villasanti, Bitello (Gustavo Martins), Cuiabano (Galdino) e Reinaldo; Luis Suarez (Diogo Barbosa).

All’andata, entrambe le squadre hanno disputato una partita molto combattuta all’Arena, con bellissimi gol di Bruno Rodrigues e Suárez.

Nella gara di ritorno a Mineirão, Cruzeiro ha avuto un inizio migliore, controllando il gioco. All’8′ Wesley fa una bella giocata sulla destra, crossa per Dourado, che vince di testa, ma proprio mentre la palla sembra entrare, Bruno Alves respinge sulla linea.

Il Grêmio entra in partita con il bizzarro errore di Oliveira. Al 28′ il difensore commette un errore di passaggio nell’impianto, Suárez ne recupera il possesso e lo passa a Villasanti, che mette in angolo per aprire le marcature.

La squadra del Minas Gerais ha provato a reagire e ha avuto occasioni nel primo tempo con Matheus Vital, che ha tirato di poco a ridosso del palo, e con Henrique Dourado, che ha ricevuto un cross, ha controllato la palla, si è girato e ha colpito un tiro potente che ha colpito la traversa al 44esimo minuto.

Nella ripresa, il Cruzeiro si è spinto in avanti e ha giocato nella metà campo avversaria, ma senza la stessa creatività mostrata nel primo tempo. La squadra di Pepa ha commesso molti errori, affidandosi più allo sforzo che all’ispirazione, e ha creato alcune occasioni fino alla fine della partita, ma non è riuscita a sfondare la solida difesa del Grêmio, che ha tenuto duro con la sua difesa di cinque giocatori.

Gli Immortali riescono addirittura ad allungare il vantaggio con Bitello al 18′, ma su consultazione del VAR l’arbitro annulla il gol per fallo di Cuiabano su Wesley.

Cruzeiro 0 x 1 Grêmio: veja o gol que deu a classificação ao Tricolor na Copa do Brasil - Rádio Itatiaia | A Rádio de Minas

Photo: Lucas Uebel/GREMIO FBPA

Corinthians 2(3×1)0 Atlético-MG

Corinzi qualificato.

Per molti, quando è stato effettuato il sorteggio, il Galão da Massa avrebbe dovuto avere vita facile, soprattutto dopo la convincente vittoria per 2-0 in casa del Mineirão e considerando la forma contrastante tra i due club. L’Atlético stava vincendo, avendo trovato un buon stile di gioco sotto Coudet, mentre il Corinthians aveva subito delle sconfitte e stava cercando di adattarsi alla tattica di Luxemburgo. Tuttavia, la forza del Fiel ha fatto la differenza e Timão ha realizzato una seconda partita perfetta, assicurandosi la qualificazione ai rigori.

Nella prima partita, l’Atlético è andato all’attacco fin dai primi minuti, mentre il Corinthians è sceso in campo con una mentalità difensiva, puntando a preservare il vantaggio il più a lungo possibile. Fino al 20′ del primo tempo, Galo ha faticato a sfondare la difesa compatta del club del San Paolo, che ha marcato stretto e protetto bene la propria area.

Galo era determinato a non uscire di casa senza un risultato e Hulk iniziò a sferrare i suoi potenti colpi. Al 21′ riceve palla sul lato destro dell’area e sferra un potente destro a lato. Al 26′ ha sparato un rasoterra da fuori area che ha mancato di poco la porta. D’altra parte, i Corinthians hanno cercato di sfondare con la velocità del giovane Wesley sulla fascia destra, ma quando hanno raggiunto l’attacco non avevano molte opzioni di passaggio.

Non è stato fino al 31 ‘, dopo un grande contropiede, che il Corinthians ha avuto la sua migliore e forse unica possibilità di aprire le marcature. Paulinho ha giocato un bellissimo passaggio filtrante a Yuri Alberto, che ha controllato bene la palla e ha aspettato la corsa in sovrapposizione dalla sinistra di Roger Guedes. Ha poi consegnato un passaggio perfettamente ponderato al capocannoniere della stagione del Corinthians, che è entrato in area e ha colpito un potente tiro di sinistro, ma Everson ha fatto una straordinaria parata con i suoi piedi.

Dopo questa occasione, sembrava che il Corinthians sarebbe migliorato nel gioco, ma non è stato così. Galo ha continuato a trovare la strada verso la porta e Battaglia ha tentato un potente tiro dalla distanza, che Cássio ha faticato a parare e ha rovesciato la palla. Murilo è pronto a reagire e manda a lato. Fino alla fine del primo tempo Galo ha avuto almeno altre due occasioni da fuori area.

La ripresa inizia allo stesso modo e rimane tale fino alla fine della partita: Galo pressa e Timão serra i ranghi per non subire gol. Tuttavia, la difesa del Corinthians non è riuscita a tenere a bada Galão da Massa per l’intera partita.

Dopo una mischia davanti all’area del Corinthians, la palla cade su Pavón, che dribbla e crossa sul secondo palo per Paulinho che la infila in fondo alla rete. 1-0 per Galo, che continua a cercare altri gol. Poi, al 78′, Paulinho ha segnato ancora. L’Atlético ha continuato a scambiarsi incessantemente passaggi davanti all’area del Corinthians, fino a quando Hulk ha consegnato un bel cross a Rubens, che ha annuito per Paulinho per finire da solo. Finì 2-0 per Galão da Massa.

Sono passate due settimane e Galo ha visto aumentare la sua serie di vittorie, ma poi si è conclusa con un pareggio contro il Palmeiras nel fine settimana. D’altra parte, il Corinthians ha iniziato a rafforzare la propria squadra e ha ottenuto un ottimo risultato contro l’apprezzatissimo Fluminense nel fine settimana. È stata la prima vittoria della nuova era lussemburghese e fondamentale per aumentare la fiducia della squadra e soddisfare i tifosi.

E che tifoseria, il bando de loucos (banda pazza) ha gremito lo stadio Itaquerão e ha giocato un ruolo chiave nell’ottima prestazione del Corinthians. Coudet ha deciso di far riposare alcuni dei suoi giocatori, considerando che aveva già il risultato nelle sue mani, ma l’argentino non si aspettava di affrontare un Corinthians diverso e ricevere una masterclass tattica dal Profexô Luxemburgo.

Il Corinthians è sceso in campo con un sistema mai utilizzato dal tecnico in questo mandato, una sorta di 3-5-2 che ha fornito un ottimo equilibrio difensivo, con uno dei terzini che si è unito alla retroguardia a quattro, e in fase offensiva, ha dato una buona ampiezza per attaccare lo spazio lasciato da Galo. Non c’è da stupirsi che Fagner e Matheus Bidu siano stati tra i migliori in campo. Inoltre, il sistema ha permesso a Renato Augusto di muoversi a centrocampo.

La partita è iniziata con entrambe le squadre che si studiavano a vicenda, ma Timão aveva più possesso palla. La prima occasione pericolosa arriva al 16′ quando Fausto Vera gioca un bellissimo passaggio per Fagner, e il terzino crossa bene per Roger Guedes, che di testa manda alto. Poi, al 20′, Gil ha giocato un fantastico passaggio lungo a Fagner, che ha fatto una corsa sorprendente in area e ha tirato a lato.

Nella giocata successiva, Paulinho è arrivato dalla sinistra, ha aggirato l’area del Corinthians e ha giocato un bellissimo passaggio a Zaracho, che ha colpito un tiro potente verso la porta, ma Bidu si è buttato davanti alla palla ed è riuscito a bloccarlo . La partita è stata combattuta e al 30’ Galo ha messo a segno un grande attacco con il talentuoso Pavón, che ha fatto una corsa stuzzicante dalla sinistra, ha tagliato dentro e ha preso un tiro pericoloso.

Al 31 ‘il Corinthians ha creato un buon attacco. La difesa di Galo ha commesso un errore nel respingere la palla dalla propria area, e la palla è caduta su Yuri Alberto, che ha tirato vicino a Everson, che ha parato. La palla è poi caduta su Renato Augusto, che ha consegnato un bel cross a Matheus Bidu, che ha chiuso sul secondo palo e ha colpito di testa. I Fiel (i fan dei Corinthians) impazzirono. Era 1-0 per il Corinthians.

Timão era determinato e desideroso di aumentare il vantaggio, e ancora nel primo tempo ha avuto buone possibilità di farlo. Al 36′, dopo un calcio d’angolo, Yuri Alberto si alza bene e di testa di testa colpisce la traversa.

All’intervallo, Coudet ha sentito che il Corinthians non era lo stesso dell’andata e che era sul punto di assicurarsi la qualificazione. Ecco perché ha effettuato quattro sostituzioni, incluso l’inserimento dei giocatori chiave Hulk e Battaglia. La squadra è migliorata, ma la determinazione e l’organizzazione del Corinthians erano tali che Galo non è riuscito a imporre il proprio dominio.

Il Timão sfiora il vantaggio al 6′, dopo un calcio d’angolo battuto dal maestro Renato Augusto. Yuri ha vinto ancora una volta la battaglia aerea e ha sferrato un altro eccellente colpo di testa che ha colpito la traversa. La palla è poi caduta su Fausto Vera, che l’ha colpita con potenza, solo per vederla colpire di nuovo la traversa, lasciando l’urlo del gol bloccato nella gola dei tifosi.

D’altra parte, l’Atlético ha avuto la sua giusta dose di buone occasioni, soprattutto con Paulinho sulla fascia sinistra, ma Cássio è stato immenso tra i pali, negando tutto ciò che gli è capitato. Nel frattempo, il secondo gol per il Corinthians sembrava essere all’orizzonte, ma l’attaccante Yuri Alberto, nonostante fosse un marcatore prolifico, ha perso almeno altre due occasioni.

Al 18’ della ripresa Roger Guedes riceve un lancio lungo dalla sinistra. L’attaccante è scattato con una velocità incredibile, lasciando indietro i difensori di Galo. Proprio quando sembrava che la palla andasse fuori gioco, ha fatto un ottimo tiro all’indietro, creando lo spazio per un tiro clinico in porta. Che gol fantastico del talentuoso attaccante.

Da quel momento in poi la partita si è aperta ed entrambe le squadre hanno creato buone occasioni, ma sono state negate dai due ottimi portieri. C’è stata anche una chiara occasione creata da Hulk, che ha trovato Paulinho sul lato sinistro. L’attaccante ha controllato la palla, è avanzato verso Cássio, ma Bruno Méndez è volato davanti alla palla e l’ha parata con il piede.

La partita finì 2-0 e andò ai rigori. Era una lotteria? Fortuna? Competenza? O formazione?

La sparatoria è iniziata con l’eroe dell’Atlético, Hulk, che ha preso il primo rigore. Ha preso la sua caratteristica rincorsa e ha tirato basso e di lato, ma Cássio si è tuffato e ha parato. Dalla parte del Corinthians, è stato l’esperto tiratore Fabio Santos a farsi avanti per primo. È corso verso la palla e l’ha colpita con decisione nell’angolo in alto a destra della rete, un rigore ben tirato che ha portato Coringão in vantaggio.

Edenílson, entrato in ritardo solo per tirare un rigore, ha preso una breve rincorsa e ha colpito con decisione la palla verso il centro, ma ha colpito con forza la traversa, un altro errore. Yuri Alberto è corso per il Corinthians e il suo tiro debole sul lato sinistro è stato parato da Everson, portando l’1-0 per Timão.

Il terzo rigorista per Galo è stato Paulinho, che ha abilmente mandato Cássio dalla parte sbagliata, segnando il primo gol per l’Atlético ai rigori. Sul lato del Corinthians, l’argentino Fausto Vera è scattato verso la palla e ha sferrato un potente tiro al centro. La palla sfiora la traversa ma entra in rete, 2-1 per il Corinthians.

Battaglia si è fatto avanti per il quarto rigore dell’Atlético ma ha sparato alto sopra la traversa, un terribile errore. Maycon ha avuto l’opportunità di suggellare la vittoria per Corinthians. Si è avvicinato con calma alla palla e l’ha piazzata magnificamente nella rete laterale, assicurando la qualificazione del Timão. Il bando de loucos (banda pazza) ha raggiunto l’apice della follia e ha festeggiato il posto nei quarti di finale.

Photo: Marcos Ribolli

Internacional 3(4×5)1 America-MG

Qualificato America-MG.

Dopo la vittoria per 2-0 dell’América in casa dell’Independência, l’Inter ha avuto un primo tempo devastante al Beira-Rio ma ha perso la qualificazione ai calci di rigore.

Internacional schierato: John Victor; Igor Gomes, Rodrigo Moledo, Nicolás Hernández, Renê; Gustavo Campanharo, Johnny, Carlos de Peña; Pedro Henrique, Lucca e Wanderson.

America-MG: Mateus Pasinato; Marcinho, Wanderson, Iago Maidana, Danilo Avelar; Lucas Kal, Juninho, Alê; Everaldo, Aloísio e Felipe Azevedo.

Nemmeno il tifoso più ottimista del Colorado avrebbe immaginato che l’Inter avrebbe avuto un inizio di partita così promettente. La squadra ha segnato 3 gol nel primo tempo, che avrebbero assicurato la qualificazione diretta. Tuttavia, l’América ne ha ritirato uno nel secondo tempo, portando la partita ai rigori.

Il Colorado ha aperto le marcature al 19 ‘. Carlos de Pena ha battuto una punizione e Nico Hernández ha colpito di testa il portiere Pasinato. Il colombiano ha segnato il suo primo gol con la maglia dell’Inter.

Ancora su punizione di Carlos de Pena, l’Inter allunga al 32’, questa volta con Igor Gomes. Il difensore, che giocava da terzino, ha superato in astuzia la difesa americana e l’ha sfruttata per segnare il secondo gol dell’Inter.

Negli ultimi minuti del primo tempo Lucca viene atterrato da Alê dentro l’area. Inizialmente, Luiz Flávio ha visto l’incidente come un gioco normale, ma dopo la revisione del VAR, ha assegnato il rigore. Pedro Henrique si è fatto avanti e ha trasformato abilmente il gol, portando il 3-0 per l’Internacional.

Nella ripresa l’Inter ha occasioni per mettere a tacere la partita. Prima con Wanderson, che parte in solitaria da centrocampo e prova a scalfire Pasinato, ma il portiere si salva. Più tardi, Renê ha perso un’incredibile occasione al 14 ‘. In un veloce contropiede, Alemão passa a Jean Dias, che trova Renê libero in area per tirare, ma al momento del tiro, il terzino sinistro sbaglia di destro, mandando il pallone sopra la traversa.

Al 31’, Coelho (América) ha segnato il gol necessario per portare la partita ai rigori. Marcinho crossa dalla destra e Juninho, alto solo 1,73, anticipa e segna, provocando esultanza tra i tifosi dell’América.

Ai calci di rigore l’Inter è stata eliminata in maniera crudele, visto che l’unico rigore non trasformato è stato quello di Carlos De Pena. L’uruguaiano è riuscito a segnare, ma è scivolato durante il tiro e ha toccato due volte il pallone, commettendo un errore che gli è costato la qualificazione ai quarti di finale.

Con questa qualificazione l’América elimina ancora una volta l’Inter ai calci di rigore, ripetendo l’impresa del 2020 quando il club raggiunse le semifinali della competizione.

Jogo Internacional 3 x 1 América-MG melhores momentos - Copa do Brasil, Oitavas de final - tempo real | ge

(Foto: Maxi Franzoi/AGIF)

Botafogo 1(2×4)0 Athletico-PR

Qualificato Athletico-PR.

Il Botafogo esercita un’intensa pressione, vince ma viene eliminato ai calci di rigore dall’Athletico-PR in una serata brillante per Bento.

Nell’andata all’Arena da Baixada, Furacão ha realizzato una spettacolare rimonta. Stavano perdendo 2-0 ma sono riusciti a ribaltare il punteggio sul 3-2, dando loro un leggero vantaggio per la gara di ritorno.

Botafogo ha schierato: Lucas Perri, Di Placido, Adryelson, Cuesta, Marçal (Hugo); Marlon Freitas, Tchê Tchê, Eduardo (Lucas Fernandes); Júnior Santos, Victor Sa (Luis Henrique), Tiquinho Soares.

Athletico-PR: Bento, Madson, Pedro Henrique, Thiago Heleno, Fernando; Hugo Moura (Terans), Erick, Christian (Alex Santana); Canobbio (Vitor Bueno), Cuello (Thiago Andrade), Vitor Roque.

Al Nilton Santos, la partita è iniziata con occasioni per entrambe le parti. Per prima cosa Canobbio all’8′ calcia una punizione pericolosa, che manca di poco il gol. Il Botafogo risponde con un colpo di testa di Eduardo, ma Bento salva.

Glorioso apre le marcature al 16′. Júnior Santos passa a Tiquinho Soares, che elude Hugo Moura e piazza un rasoterra per battere il portiere Bento.

Da quel momento in poi, la squadra di casa ha preso il controllo della partita. A loro è stato annullato un gol quando Victor Sá ha segnato, ma l’arbitro ha fischiato un fallo del difensore Cuesta all’interno dell’area.

Nella ripresa, il Fogão crea occasioni grazie al suo gioco di passaggi ben coordinato con finezza tecnica, ma viene fermato dal portiere Bento. L’occasione migliore è arrivata da Vitor Sá, che ha avuto un tiro netto dall’interno dell’area ma ha colpito troppo centralmente per il portiere per fare la parata.

Con il punteggio pari, la partita è andata ai calci di rigore. Tiquinho Soares, il capocannoniere, è stato il primo a tirare un rigore, ma Bento ha fatto una parata spettacolare per negarlo. Quindi, Thiago Heleno si è convertito per Furacão.

Tchê Tchê calcia il rigore con un passo balbettante, ma Bento para un altro tiro dal dischetto. Da quel momento in poi, tutti i giocatori hanno convertito con successo i propri rigori e, alla fine, è toccato ad Alex Santana prendere il rigore finale e assicurarsi il posto dell’Athletico-PR nei quarti di finale.

Botafogo x Athletico: resultado, gols e ficha técnica - Copa do Brasil 2023

Foto: Divulgação/Athletico

Flamengo 2×0 Fluminense

Sì, abbiamo avuto il classico FlaFLU negli ottavi di Copa do Brasil 2023, le partite che tutti aspettavano, Fluminense in gran forma, Flamengo che migliora di giorno in giorno, che potrebbe uscire vincente nelle due partite al gremito Stadio Maracanà?

Nella prima partita, il Flamengo ha iniziato ad alta intensità, mettendo sotto pressione il Fluminense con le sue alte linee difensive. Il Fluminense, come al solito, ha provato a controllare il gioco con il possesso palla, ma il Flamengo è stato troppo determinato, non permettendo al Fluminense di sviluppare il proprio gioco. Quando il Flamengo non è riuscito a rubare la palla, ha commesso falli strategicamente per fermare il gioco e impedire al Fluminense di prendere slancio.

La prima buona occasione della partita arriva al 2′, dopo una corsa di Arrascaeta sulla sinistra. L’uruguaiano ha incrociato la palla al centro dell’area, dove Wesley e Marcelo l’hanno contestata, costringendo Fábio a fare una grande parata.

Il Fluminense sembra incapace di sfuggire alla pressione del Flamengo, che raccoglie buone occasioni per aprire le marcature. Ad esempio, c’è stato un bellissimo passaggio filtrante di Pulgar a Gabigol, che l’ha ricevuto e ha colpito con un tiro deciso attraverso la porta, battendo Fábio ma colpendo il palo. Anche Gerson ha avuto una buona occasione dopo un lungo rinvio di Léo Pereira, dove il centrocampista ha vinto il duello contro Nino e ha scheggiato la palla su Fábio, ma ha mancato di poco.

Verso la fine del primo tempo il Fluminense migliora un po’ e inizia a trovare spazi nella difesa del Flamengo. Marcelo ha avuto una buona occasione dopo una bella giocata, dribblando due giocatori e tirando da fuori area, ma Santos ha fatto una buona parata. Sfortunatamente, quello sarebbe stato uno degli ultimi impegni di Marcelo nel gioco poiché si è infortunato ed è stato sostituito da Guga.

Negli ultimi istanti del primo tempo, Arias ha avuto anche la possibilità di aprire le marcature per il Fluminense. Dopo una mischia in area, la palla è caduta sul colombiano, ma Santos ha parato.

Nella ripresa, il Flamengo ha continuato con la sua alta intensità, pressando il Fluminense e talvolta abbassando un po’ le linee difensive per creare occasioni di contropiede. Fu in una di queste giocate che Gabigol superò la difesa del Fluminense e si diresse verso l’area. Felipe Melo, intuendo che l’attaccante avrebbe avuto una chiara occasione in porta, è scattato per cercare di prendere la palla ma ha finito per fare un contrasto violento sulla gamba di Gabigol. Felipe Melo è stato espulso e il Fluminense è rimasto con un giocatore in meno.

Ciò che era già difficile si è complicato ancora di più, ma il Fluminense si è riorganizzato ed è riuscito a tenere a bada le avances del Flamengo, soprattutto con la prestazione di Ganso, che non solo ha dato sfogo alla squadra, tenendo palla e trovando passaggi, ma ha anche lavorato duramente in fase difensiva per aiuta il Fluminense a non subire gol, nonostante sia sotto di un giocatore dal 6′ della ripresa.

La seconda partita era molto attesa e, come al solito, il Maracanã era gremito. Il Fluminense ha iniziato molto bene la partita, dominando tutte le azioni e tenendo palla per sé. Il Flamengo, invece, ha provato a trovare passaggi filtranti ma non è riuscito a interrompere le giocate del Fluminense come aveva fatto nella prima partita.

Tutto il primo tempo è stato del Fluminense, che ha mosso molto bene palla e posizionamento dei suoi giocatori. Tuttavia, non sono riusciti a penetrare nella difesa del Flamengo per convertire le loro giocate in gol. Tuttavia, hanno avuto buone occasioni con due tiri di Cano da fuori area e uno da dentro.

Alla fine del primo tempo, Mengo è riuscito ad aprire il punteggio. Dopo un bel passaggio di Gerson, il jolly, in area, Fabrício Bruno serve Arrascaeta di testa. L’uruguaiano ha ricevuto la palla e l’ha colpita di testa all’incrocio dei pali, senza lasciare scampo a Fábio.

Durante l’intervallo, Diniz ha effettuato una sostituzione, sostituendo Guga con Pirani. Non ha avuto molto effetto in attacco ma ha avuto un impatto negativo in difesa, poiché il giovane centrocampista non è riuscito a chiudere la fascia sinistra, costringendo il Flamengo a giocare di più in quella zona.

Mengão, invece, fa ancora fatica a mantenere il possesso palla ma diventa più efficiente nello sfruttare i contropiedi, soprattutto quando l’Everton Cebolinha entra per Arrascaeta. Il Fluminense ci prova, ma non riesce a creare buone occasioni e si spinge sempre più in avanti.

Il Flamengo intuisce il momento e inizia a sfruttare la velocità di Everton e Gabigol, soprattutto dietro i difensori di Nense. Dalla metà del secondo tempo in poi, sono stati più vicini a prolungare il vantaggio che il Fluminense al pareggio.

Un esempio di ciò è stata la giocata avvenuta al 33 ‘. Ganso ha sbagliato il passaggio vicino all’area, Gerson ha afferrato la palla e si è diretto verso la porta, tirando con decisione. Tuttavia, Fábio ha fatto una bella parata con la sua faccia. La palla è poi caduta sull’Everton Cebolinha, che ha annullato il gioco e ha sferrato un tiro che ha colpito il palo. Gabigol ha afferrato il rimpallo e ha preso un tiro, ma Fábio ha fatto il salvataggio. Che momento di tensione!

Al 42esimo minuto, l’Everton Ribeiro ha quasi segnato un gol degno di una targa e del Premio Puskas. Ha ricevuto palla sul lato destro, ha eseguito una rotazione sconcertante e ha sferrato un tiro potente che è andato a lato. Si trattava solo di Flamengo, e poi al 45 ‘, Gabigol, l’uomo con i gol nel suo nome, ha allungato il vantaggio e ha sigillato la qualificazione di Mengão ai quarti di finale.

Photo: Wagner Meier

San Paolo 1(5×3)3 Sport

Il San Paolo avanza.

Il San Paolo subisce una rimonta impressionante ma vince ai rigori.

Il San Paolo ha iniziato con: Rafael; Rafinha, Diego Costa (Arboleda), Beraldo e Caio Paulista; Pablo Maia, Gabriel Neves (Wellington Rato), Michel Araújo (David) e Alisson (Jhegson Méndez); Luciano (Marcos Paulo) e Calleri.

Intanto lo Sport è partito con: Renan; Eduardo (Kayke), Rafael Thyere, Sabino, Alisson Cassiano (Edinho) e Felipinho; Ronaldo (João Igor), Fábio Matheus e Jorginho (Gabriel Santos); Luciano Juba e Fabrício Daniel.

Il São Paulo ha avuto una partita comoda in mano poiché, oltre alla vittoria per 2-0 in casa dell’Ilha do Retiro, ha iniziato molto bene la partita al Morumbi, chiedendo buone parate al portiere Renan.

Al 25 ‘, Michel Araújo ha segnato un fantastico gol per Tricolor. L’uruguaiano lascia a terra Rafael Thyere con uno strepitoso dribbling dentro l’area e batte il portiere.

Complessivamente i padroni di casa erano in vantaggio per 3-0, ma lo Sport non si è arreso e ha pareggiato prima dell’intervallo. Alisson Cassiano approfitta del rimpallo di Rafael dopo il tiro di Felipinho e mette in rete.

All’inizio del secondo tempo, Leão ribalta la partita con Sabino. Jorginho ha battuto il calcio d’angolo e il difensore ha anticipato sul primo palo per portare lo Sport in vantaggio.

Il San Paolo faticava in campo mentre lo Sport premeva per il gol che avrebbe portato la partita ai rigori.

Negli ultimi istanti, durante il tempo di recupero, Sabino ricomparve. Il difensore ha segnato un gol quasi identico al precedente, di testa sul primo palo, e così la partita è stata decisa ai rigori.

Ai rigori il San Paolo ha segnato tutti i suoi rigori, mentre Luciano Juba, invece, ha mancato per lo Sport per il sollievo del pubblico tricolore.

São Paulo perde para o Sport, mas vence nos pênaltis e segue vivo na Copa do Brasil - Esportes - R7 Futebol

Photo: DANIEL CARVALHO/ENQUADRAR/ESTADÃO

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle ultime notizie delle coppeInstagram, Facebook e Twitter.

Scritto da João Felipe Miller, Henry Miller e Vitor FL Miller.

Ultimi articoli
Tags: Coppe

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere