Esclusive
Nessun commento

Eroi Improbabili: Mario Götze – Copa del Mondo 2014

Oggi, nella serie “Eroi improbabili”, racconteremo la storia del giovane ragazzo tedesco Mario Götze e il gol che ha deciso una delle partite più tese nelle finali dei Mondiali, contro l’Argentina di Lionel Messi al suo apice.

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle notizie ed esclusiveInstagramFacebook e Twitter.

La carriera di Mario Götze

Nato nella affascinante città di Memmingen nel sud della Germania, Götze si è dedicato al calcio sin dall’infanzia. All’età di 5 anni, già allenava con il SC Ronsberg, e a 6 anni iniziò a giocare e allenarsi con l’Eintracht Hombruch. A 9 anni, cominciò ad allenarsi con il Borussia Dortmund, dove ha ricevuto la sua formazione come calciatore.

I suoi 8 anni nell’accademia giovanile del BVB sono stati estremamente importanti per il suo sviluppo personale e professionale. Nonostante la sua statura ridotta, Götze compensava con un controllo unico del pallone e un pensiero raffinato, guadagnandosi il riconoscimento come una delle più grandi promesse giovanili del Borussia.

Mario Götze | Football players, Football, Dominic matteo
Foto: Reproduzione

All’età di 17 anni, ha avuto la sua prima opportunità da professionista sotto la guida dell’eccellente allenatore Jurgen Klopp, in un pareggio per 0-0 contro il Mainz 05 all’imponente Signal Iduna Park. Götze ha fatto il suo debutto in modo discreto di fronte a oltre 80 mila appassionati tifosi, diventando il nono giocatore più giovane all’epoca a giocare una partita di Bundesliga.

Col tempo, il giovane centrocampista ha guadagnato un posto nella formazione del Borussia, una squadra che lottava costantemente per il vertice della classifica della Bundesliga.

Nella stagione 2010/2011, ha iniziato a essere più presente come titolare e ha attirato l’attenzione per il suo talento, il pensiero veloce e il controllo impeccabile del pallone. Götze sembrava coprire l’intero campo per essere costantemente coinvolto con il pallone e creare opportunità per i suoi compagni di squadra. La sua versatilità è stata fondamentale per il Borussia di Klopp, specialmente dopo l’infortunio subito dall’idolo Kagawa.

La sua determinazione, la disponibilità e il talento erano tali che nelle sue prime 15 partite della stagione ha fornito 6 assist. Il progresso che il giovane stava compiendo era evidente poiché ha iniziato a segnare gol e ha continuato a servire bene i suoi compagni di squadra.

Di conseguenza, è diventato un titolare indiscusso e una delle più grandi promesse del calcio tedesco.

Ancora nella stagione 2010/2011, insieme ai suoi compagni di squadra, ha vinto il titolo di Bundesliga ed è stato convocato per la nazionale per la prima volta, per un’amichevole contro la nazionale brasiliana. In quella partita, Götze ha dimostrato grande maturità, ha segnato un gol ed è stato direttamente responsabile della vittoria per 3-2, venendo considerato il miglior giocatore della partita.

Gli è stato anche assegnato il Golden Boy in quella stagione, un premio dato al miglior giocatore under-21 che gioca in Europa.

Nella stagione successiva, Götze ha continuato a evolversi, già famoso a livello internazionale e un giocatore vitale per il funzionamento del Borussia. È stata un’altra stagione fenomenale per lui, segnando gol, dribbling e preparando i suoi compagni di squadra per le occasioni da gol, un giocatore ricco di risorse che è stato ancora di estrema importanza per la vittoria del titolo di Bundesliga per la seconda volta.

Bayern & Germany on X: "At 23, Mario Götze is the youngest player ever to win 5 Bundesliga titles with 2 clubs (2 at BVB, 3 at Bayern) https://t.co/vYv0RjFX3a" / X
Foto: Reproduzione X

Anche la stagione 2012/2013 è arrivata con grande successo. Nonostante non abbia vinto la Bundesliga, hanno raggiunto i quarti di finale di Champions League, un exploit che non si verificava da oltre 15 anni al club. Götze ha continuato a mostrare le sue abilità in campo.

Tale era la sua qualità e il suo successo che il Borussia non è riuscito a trattenere l’impeto del Bayern Monaco, che ha acquistato il giovane centrocampista per circa 40 milioni di euro.

Al Bayern, Götze ha faticato un po’ ad adattarsi inizialmente, essendo arrivato e non essendo un titolare assoluto. Tuttavia, col tempo, si è dimostrato e si è guadagnato il suo spazio, anche se non sembrava lo stesso giocatore che mostrava la sua tecnica e correva per tutto il campo al Signal Iduna Park.

Inoltre, Götze ha iniziato ad avere problemi muscolari alle cosce, causandogli di saltare alcune partite di tanto in tanto.

Anche se non ha avuto una stagione fantastica al Bayern, Götze è stato convocato per i Mondiali del 2014.

I Mondiali del 2014

La Germania è arrivata in Brasile per i Mondiali del 2014 come una delle favorite per sollevare il trofeo, nonostante non avesse impressionato nelle partite pre-torneo. Erano una squadra molto coesa ed equilibrata.

Götze ha iniziato da titolare nell’apertura contro il Portogallo, anche se non ha giocato molto bene, ha aiutato la squadra a vincere 4-0. Nella seconda giornata, la Germania ha affrontato una partita difficile contro il Ghana, pareggiando 2-2, con Götze che ha aperto il punteggio.

Contro gli Stati Uniti, il centrocampista di 22 anni è partito dalla panchina ma è entrato verso la fine della partita. La Germania ha vinto 1-0 e si è piazzata al primo posto nel gruppo con 7 punti.

Negli ottavi di finale, Götze è tornato nella formazione titolare contro l’Algeria ma ha faticato a trovare il suo ritmo contro la fisicità della squadra africana ed è stato sostituito all’inizio del secondo tempo. La partita era tesa, finendo 0-0 fino all’inizio dei tempi supplementari quando i tedeschi hanno aperto il punteggio, aggiunto un altro gol nell’ultimo minuto e visto l’Algeria accorciare nei tempi di recupero, risultando in una vittoria per 2-1 per la Germania e la qualificazione per i quarti di finale.

Nei quarti di finale, hanno affrontato il classico europeo contro la Francia, con Hummels che ha aperto il punteggio all’inizio per assicurare la vittoria tedesca, e Götze che è entrato a fine partita.

Nelle semifinali, la nazione ospitante, il Brasile, ha affrontato la Germania, ma la Germania non ha badato e ha inflitto la sconfitta più umiliante nella storia dei Mondiali, vincendo 7-1. Il giovane centrocampista non ha partecipato a questa partita.

La Grande Finale e l’eroe improbabile

Il grande giorno era arrivato, con la Germania che aveva appena eliminato il Brasile senza alcuna pietà, affrontando l’Argentina con Messi, che voleva diventare campione nella casa del loro più grande rivale nel calcio. Si prevedeva una grande partita.

Tuttavia, nemmeno il più pessimista amante del calcio avrebbe immaginato che la finale sarebbe stata così noiosa.

Entrambe le squadre erano estremamente abili, ma si concentravano principalmente nel distruggere le azioni e difendersi, con pochi che tentavano qualcosa di diverso, specialmente la Germania, che all’inizio della partita ha visto Higuaín sbagliare una chiara occasione e poi avere un gol annullato. Ancora nel primo tempo, Howedes ha colpito il palo con un colpo di testa dopo un calcio d’angolo.

Con il passare del tempo, il punteggio è rimasto a zero, e verso la fine della partita Löw ha deciso di far entrare il giovane Mario Götze al posto del leggendario attaccante Miroslav Klose per dare più dinamismo alla sua squadra.

I tempi supplementari sono iniziati e la partita sembrava indirizzarsi verso i rigori. Götze era entrato bene in partita e sembrava determinato a creare azioni, ma era tutto molto difficile, poiché l’Argentina era compatta e sembrava voler vincere ai rigori.

Fino a quando, al minuto 113, quasi all’ultimo momento, l’incredibile è accaduto. Schürrle ha ricevuto il pallone sulla sinistra e ha dribblato facilmente, vedendo Götze correre verso la difesa argentina. Ha consegnato un preciso cross al centrocampista, che ha controllato il pallone con il petto. Il pallone si è mosso leggermente in avanti, ma il giovane astuto non ha perso la calma e si è lanciato sul pallone con determinazione, colpendolo con la punta del piede, ingannando completamente Sergio Romero. Gol per la Germania! Tutti hanno abbracciato il giovane ragazzo e eroe del titolo.

Non è che Götze non fosse o non sia un grande giocatore, ma è davvero un eroe improbabile perché non ha avuto il Mondiale che tutti si aspettavano da lui. Non era il giocatore più acclamato di quella squadra, ma è entrato dalla panchina e con la punta del suo piede ha fatto urlare e piangere di gioia un’intera nazione per la vittoria di un altro Mondiale.

Foto: Reproduzione X
Ultimi articoli
Tags: Esclusive

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere