7 Giocatori brasiliani che hanno raggiunto il successo in Portogallo

Jardel tem Chuteiras de Ouro levadas na madrugada | eliomar-de-lima | OPOVO+ brasileiros

Il Brasile e il Portogallo hanno un legame storico dal 1500, e questo legame si è evoluto e rafforzato nel corso degli anni, ma non ha mai cessato di esistere. Nel calcio, ad esempio, questa connessione è molto evidente e fruttuosa per entrambi i paesi, consentendo lo scambio di idee, metodi, allenatori e giocatori.

Di seguito parleremo un po’ di più dei brasiliani che hanno fatto la storia del calcio portoghese. Preparati, perché alcuni giocatori fantastici stanno arrivando.

Jardel

Il capocannoniere alto 1,88, noto per il suo ottimo posizionamento e i potenti colpi di testa, è nato a Fortaleza, la capitale del Ceará, e ha iniziato la sua carriera nelle categorie giovanili del Ferroviário de Fortaleza. Da giovane, si è trasferito al Vasco da Gama, dove ha iniziato la sua carriera professionale nel 1993. Al Vasco, Jardel ha segnato 36 gol in 75 partite prima di essere ingaggiato dal Grêmio nel 1995.

Al Grêmio, Jardel ha conquistato rapidamente il cuore dei tifosi tricolori, e il leggendario allenatore Luiz Felipe Scolari, riconoscendo il potenziale di Jardel, ha costruito una squadra in grado di servire il centravanti. Non è un caso che Jardel sia diventato il capocannoniere dei Libertadores del 1995, aiutando gli “Immortali” a vincere il loro secondo titolo. In meno di due stagioni con il Grêmio, Jardel ha segnato 81 gol in 91 partite.

Il prolifico capocannoniere era molto ricercato all’epoca, con diverse squadre europee che volevano sfruttare la sua potenza offensiva. Fu allora che il Porto entrò in corsa, pagando circa 6 milioni di euro per firmare Jardel (la quota di trasferimento totale è ancora sconosciuta, ma si ritiene che il Porto abbia pagato una cifra considerevole). Queste cifre erano molto alte all’epoca, ma tutto lo sforzo dei “Dragões” ne è valsa la pena.

Jardel si è inserito perfettamente nella squadra del Porto. Il suo posizionamento e il suo istinto da gol hanno stupito i tifosi del Portista fin dall’inizio. Jardel ha sfruttato il suo fisico imponente come nessun altro e ha chiuso con finezza, segnando gol dopo gol.

Durante la sua permanenza al Porto, Jardel ha vinto tre volte il campionato portoghese (1996-1997, 1997-1998, 1998-1999), due Coppe portoghesi e due Supercoppe portoghesi. Jardel è stato capocannoniere del campionato portoghese nel 1996-97 (30 gol), 1997-98 (26 gol), 1998-99 (36 gol) e 1999-2000 (38 gol), nonché capocannoniere di la UEFA Champions League nel 1999-2000 (10 gol).

La capacità di segnare gol di Jardel è stata così notevole che è stato il capocannoniere del campionato portoghese per il Porto nel 1996-97 (30 gol), 1997-98 (26 gol), 1998-99 (36 gol) e 1999-2000 ( 38 gol), nonché capocannoniere della UEFA Champions League nel 1999-2000 (10 gol). Inoltre, è stato incoronato con la Scarpa d’oro nel 1998-99 per i suoi 36 gol nel campionato portoghese. È stato anche considerato il miglior giocatore del Portogallo per due stagioni, 1996-97 e 1997-98. Jardel ha lasciato un segno impressionante al Porto, segnando 168 gol in 175 partite.

Jardel ha detto addio al Porto e si è avventurato al Galatasaray in Turchia, dove è rimasto solo per una stagione ma ha mantenuto il suo istinto da gol, segnando 24 gol in 22 partite. Ha anche vinto la Coppa di Turchia e la Supercoppa di Turchia nel 2000. Dopo i disaccordi con la dirigenza del club, Jardel è tornato in Portogallo, ma questa volta allo Sporting.

Allo Sporting, Super Mário ha fatto ancora una volta la storia in terra portoghese. Ha vinto il campionato portoghese nella stagione 2001-2002, così come la Coppa di Lega nella stessa stagione. La stagione di Jardel è stata così straordinaria che ha ricevuto ancora una volta il premio Scarpa d’Oro per aver segnato l’incredibile cifra di 42 gol nel campionato portoghese nel 2001-02. Nella stagione successiva Jardel mantenne la sua forma ma iniziò ad affrontare problemi personali e finì per lasciare lo Sporting. Non è mai riuscito a riconquistare un tale dominio durante la sua carriera.

Quando si parla di giocatori brasiliani e gol in Portogallo, Jardel, noto anche come Jardelão o Super Mário, viene sempre ricordato. In piedi a quasi 1,90 metri, sembrava levitare in aria quando colpiva di testa, possedendo un posizionamento eccezionale e conoscendo sempre la strada per la porta. Indubbiamente, Jardel è stato il più grande giocatore brasiliano ad abbellire il suolo portoghese, non solo per i numerosi titoli vinti e gli innumerevoli gol segnati, ma anche perché è il 5° miglior marcatore nella storia del campionato portoghese (Portuguesão) e straniero giocatore con il maggior numero di gol nella storia della competizione (235 gol).

Ha raggiunto l’impresa di diventare un campione e un idolo per due tradizionali e immensi club portoghesi.

Jardel tem Chuteiras de Ouro levadas na madrugada | eliomar-de-lima | OPOVO+

Luisão

L’imponente difensore alto 1,94 è nato nella città di Amparo, nell’entroterra di San Paolo, e ha mosso i primi passi nel calcio professionistico alla Juventus, un club tradizionale nel quartiere Mooca della capitale di San Paolo. Ben presto, la sua forza e tecnica furono notate da Cruzeiro, che lo ingaggiò nell’aprile 2000.

Al Cruzeiro, Luisão è maturato e le sue abilità calcistiche hanno iniziato a fare scalpore in Brasile e in tutto il mondo. Fin dalla giovane età, Luisão è stato una minaccia nei duelli aerei, finendo anche come secondo capocannoniere del Cruzeiro nel 2002. Nel 2003, Luisão è stato un giocatore chiave nella storica squadra del Cruzeiro, con la sua determinazione, forza e tecnica giocando un ruolo cruciale nella famosa vittoria della “tripla corona” del club. Luisão ha vinto sette titoli con il Cruzeiro, di cui due Copa do Brasil e un Brasileirão.

Le eccezionali capacità calcistiche di Luisão hanno attirato l’interesse di diverse squadre, ma è stato il Benfica a vincere la battaglia per la sua firma. È passato al Benfica nella stagione 2003-2004 per 1 milione di euro. Luisão ha esordito con gli Eagles il 14 settembre 2003 e ha subito mostrato la sua abilità offensiva segnando un gol. Sebbene non fosse ancora un titolare regolare in quella stagione, ha giocato partite importanti, tra cui la finale di Coppa del Portogallo, dove il Benfica ha sconfitto il Porto 2-1.

Col passare del tempo, Luisão si è adattato al calcio europeo ed è diventato un punto fermo nella formazione del Benfica. Con ogni contrasto e gol, ha conquistato il cuore dei fan del Glorioso, che gli hanno persino creato un soprannome: Giraffe.

Luisão ha affrontato alcuni infortuni durante la sua carriera, ma non ha mai lasciato che influissero sulla sua tecnica, forza e fisicità. La stagione 2010-2011 è stata una delle sue migliori al Benfica, poiché ha aiutato la squadra a vincere la Taça da Liga e il campionato portoghese e raggiungere i quarti di finale dell’Europa League. Con un legame crescente tra Luisão e il club, il suo contratto è stato prorogato fino al 2016 al termine della stagione 2011-2012. Questa estensione si è rivelata cruciale nella conquista del quad-campeonato portoghese dal 2013 al 2017.

Le prestazioni costanti della Giraffa, combinate con la sua abilità fisica, determinazione ed eccezionale abilità aerea, lo hanno portato a trascorrere un totale di 15 anni al Benfica. Ha giocato 538 partite per il club, diventando così il secondo giocatore con il maggior numero di presenze nella storia del club. È anche il nono giocatore straniero con il punteggio più alto per il club, con 47 gol. Tutto questo è stato coronato da uno straordinario record di 27 titoli vinti con il Benfica in 15 stagioni, un record assoluto.

Non c’è da meravigliarsi che la Giraffa sia uno dei più grandi idoli della storia del Benfica, lasciando un segno indelebile ed essendo uno dei nomi più riconosciuti di una delle epoche gloriose delle Aquile.

Brazilian players who achieved success in Portugal.

Hulk

Nel 2008, Hulk è stato ingaggiato dal Porto per 5,5 milioni di euro dal calcio giapponese come prospettiva promettente, ma è diventato rapidamente un giocatore chiave nella squadra. Con un’imponente presenza fisica, abilità tecniche eccezionali, velocità esplosiva e colpi potenti, Hulk è diventato un punto di riferimento, ha vinto diversi titoli ed è diventato un idolo del club portoghese.

Nella sua prima stagione ha vinto il campionato nazionale e la Coppa del Portogallo, oltre a un’ottima campagna in Champions League, dove è stato eliminato nei quarti di finale dal Manchester United, finalista in quell’edizione.

Nella stagione 2010-2011, il brasiliano ha avuto la sua stagione più eccezionale. Nella conquista del campionato portoghese è stato il capocannoniere (23 gol) e il maggior numero di assist (13), guadagnandosi il titolo di miglior giocatore. Quell’anno il Porto vinse anche l’Europa League, battendo in finale il Braga.

L’anno successivo, il Porto è diventato ancora una volta campione di Portogallo e Hulk è stato nuovamente eletto miglior giocatore del campionato, essendo il giocatore con il maggior numero di coinvolgimenti (26), con 16 gol e 10 assist.

A settembre, Hulk è stato venduto allo Zenit per 60 milioni di euro, all’epoca il quinto trasferimento più costoso nella storia del calcio, dietro solo a Luis Figo, ingaggiato dal Real Madrid dai rivali storici del Barcellona per 60 milioni di euro nel 2000. Cristiano Ronaldo (94 milioni dal Manchester United al Real Madrid nel 2009), Zidane (73,5 milioni dalla Juventus al Real Madrid nel 2001), Ibrahimovic (69,5 milioni dall’Inter al Barcellona nel 2009) e Kaká (65 milioni dal Milan nel 2009). al Real Madrid nel 2009).

Il brasiliano ha vinto 4 campionati portoghesi, 3 coppe portoghesi, 1 Europa League e 4 Supercoppe portoghesi, diventando un vero idolo al Porto, conquistando il cuore dei tifosi con le sue prestazioni costanti e il suo carisma accattivante.

Nel museo del club, il giocatore ha la sua statua come parte della selezione degli 11 più grandi giocatori di tutti i tempi al Porto, essendo l’unico giocatore a raggiungere un’impresa del genere mentre la sua carriera era ancora in corso.

Tomaz Araujo on Twitter: "Em 2014 fiz o tour no Museu do FC Porto. Na época achei meio “exagerado” ter estátua do Hulk lá como jogador dos 11 maiores do Porto de

Liedson

Nato a Cairu, Bahia, Liedson è diventato una leggenda allo Sporting, poiché la sua tecnica raffinata, la visione di gioco e l’istinto nel segnare lo hanno reso uno dei più grandi attaccanti nella storia del club.

Nonostante abbia iniziato la sua carriera calcistica relativamente tardi e sia diventato un professionista a tempo pieno solo all’età di 22 anni, Liedson ha avuto una brillante carriera. Durante i suoi 8 anni allo Sporting, ha realizzato imprese inimmaginabili. È il sesto capocannoniere di tutti i tempi del club e il giocatore straniero con il punteggio più alto con 174 gol, oltre ad essere stato due volte capocannoniere nel campionato portoghese.

Nel 2003, Liedson è stato ingaggiato mentre giocava in prestito per il Corinthians e ha rapidamente conquistato i tifosi con la sua abilità nel segnare gol. Tra il suo primo anno in Europa e il 2008, Liedson non ha mai segnato meno di 15 gol in una stagione. Nella stagione 2004/05, ha raggiunto l’incredibile cifra di 25 gol, eguagliando il bottino dei vincitori della Scarpa d’Oro Henry e Forlán. Tuttavia, non ha ricevuto il premio a causa del coefficiente inferiore del campionato portoghese indicato dalla UEFA in quella stagione.

Il suo alto tasso di punteggio ha attirato l’attenzione della Federcalcio portoghese, portando Liedson a essere naturalizzato cittadino portoghese per partecipare alle qualificazioni ai Mondiali 2010. Dopo essersi assicurato la qualificazione, è stato selezionato per rappresentare il Portogallo nel torneo, dove ha segnato un gol nella vittoria per 7-0 sulla Corea del Nord.

Nel 2011, “Levezinho” (Little Light), come veniva chiamato affettuosamente, ha concluso il suo ciclo allo Sporting ed è tornato al Corinthians. L’attaccante ha vinto due Coppe di Portogallo (2006-07 e 2007-08) e due Supercoppe di Portogallo (2007 e 2008) con i Lions.

Il suo tempo allo Sporting sarà sempre ricordato con affetto, poiché in ogni partita ha incarnato la passione e la grandezza del club. L’umile ragazzo, che ha lavorato come imballatore in un supermercato nella sua città natale, è la prova vivente che il duro lavoro, il talento e l’amore per il gioco possono spingere un giocatore a diventare un vero riferimento in un club prestigioso come lo Sporting.

Liedson completa 40 anos e recebe homenagem do Sporting; Veja

Helton

L’eterno capitano, Helton, è stato ingaggiato dal Porto nel 2005, proveniente dall’União de Leiria, ed è arrivato con il difficile compito di competere per un posto con il leggendario Vítor Baía. Ha guadagnato rapidamente la fiducia dei tifosi con le sue prestazioni sicure e impressionanti, e nel 2006 il brasiliano era già l’indiscusso portiere titolare.

La sua agilità, i riflessi acuti e la presenza imponente in area lo hanno contraddistinto come uno dei migliori portieri nella storia del club. Oltre alle sue capacità tecniche, Helton era noto anche per la sua leadership. È stato un esempio di professionalità e impegno dentro e fuori dal campo. L’eterno capitano aveva una leadership silenziosa che ispirava i suoi compagni di squadra.

La costanza e l’affidabilità durante la sua carriera al Porto sono state notevoli. Ha mostrato una compostezza incrollabile anche sotto pressione, mostrando una forte mentalità e la capacità di prendere decisioni rapide e accurate.

Il brasiliano è rimasto al Porto per 11 stagioni e ha vinto una serie di titoli: UEFA Europa League nel 2010/11; Coppa del Portogallo nel 2005/06, 2008/09, 2009/10, 2010/11; Supercoppa portoghese nel 2006, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013; e il campionato portoghese nel 2005/06, 2006/07, 2007/08, 2008/09, 2010/11, 2011/12, 2012/2013.

Helton è il giocatore con più presenze all’Estádio do Dragão e il secondo giocatore straniero con più presenze con il Porto (374).

Dopo 11 anni al club, il portiere ha lasciato il Porto nel 2016 e il suo mandato è impresso nella storia del club, essendo stato uno dei grandi giocatori. È venerato e sarà sempre ricordato con affetto dai tifosi del Porto.

Rival do Porto, Sporting procura Helton, que pode virar a casaca | LANCE!

Jonas

Nel 2014, il Benfica ha annunciato la firma di Jonas, disponibile sul mercato dopo aver rescisso il contratto con il Valencia, e ha rapidamente conquistato i tifosi con le sue capacità di gol, segnando 31 gol in 35 partite nella stagione 2014/15. Con la sua tecnica raffinata, la visione di gioco e il forte istinto di segnare, si è affermato come uno dei più grandi marcatori nella storia del club ed è diventato una figura iconica nel club rosso.

L’attaccante è il secondo miglior marcatore straniero nella storia del club, dietro solo al paraguaiano Óscar Cardozo, e ha svolto un ruolo cruciale nella vittoria di diversi titoli per il Benfica. Durante il suo mandato, ha vinto quattro campionati portoghesi (2014/2015, 2015/2016, 2016/2017 e 2018/2019), una Coppa del Portogallo (2016/2017) e 2 Supercoppe portoghesi (2014/2015 e 2015/2016). ). La sua capacità di decidere partite importanti con gol decisivi è stata una delle qualità che hanno reso il Benfica una forza da non sottovalutare.

È stato il capocannoniere del campionato portoghese due volte (2015/2016 e 2017/2018) e durante il suo periodo con gli Eagles ha una media impressionante, segnando 137 gol in sole 183 partite.

Dopo alcuni infortuni nella stagione 2018/19, Jonas ha deciso di ritirarsi, lasciandosi alle spalle una bellissima storia al Benfica. Lascia un’eredità e il suo mandato sarà sempre ricordato con affetto e gratitudine dai fan.

Jonas: aniversário, 150 jogos pelo Benfica, goleador da Europa e prêmio | GZH

Déco

Anderson Luís de Souza, o semplicemente Deco, è nato a São Bernardo do Campo, San Paolo, Brasile. Fin da giovane ha mostrato grande affetto e rispetto per il pallone. Dopo aver giocato per vari club nelle categorie giovanili, è diventato professionista al Corinthians e presto è partito per il suo viaggio da giocatore in Portogallo.

Prima di passare all’FC Porto, Deco ha trascorso un breve periodo al Benfica, ma non ha mai giocato per la squadra di Lisbona. Da giovane, dopo aver impressionato con Salgueiros nella città di Porto, l’intelligente centrocampista catturò l’attenzione dei biancoazzurri e fu ingaggiato nel 1999. Al suo arrivo aiutò i Dragoni, insieme al prolifico marcatore Jardel, a vincere il portoghese Lega nel 1998-1999.

Deco ha conquistato rapidamente il cuore dei tifosi del Porto. Il suo controllo di palla, le sue capacità di dribbling, i passaggi precisi e la costante consapevolezza in campo sono state qualità intrinseche che hanno permesso al “Mago” di dominare non solo il Portogallo ma il mondo con la palla tra i piedi.

Le straordinarie prestazioni di Deco al Porto lo hanno portato ad acquisire la cittadinanza portoghese e rappresentare la squadra nazionale. Ha fatto parte della storica campagna della nazionale portoghese nel Campionato Europeo 2004, dove hanno mancato di poco la vittoria.

Con il Porto Deco ha vinto tutto. È stato tre volte campione della Primeira Liga nel 1998-99, 2002-03 e 2003-04, tre volte vincitore della Supertaça de Portugal nel 1999, 2001 e 2003, tre volte vincitore della Taça de Portugal in 1999-00, 2000-01 e 2002-03, e ha anche vinto la Coppa UEFA nel 2002-03. La conquista più significativa è stata il famigerato titolo di UEFA Champions League nel 2003-04.

Nella stagione in cui il Porto è diventato campione d’Europa, Deco è stato eccezionale. Praticamente ha fatto tutto in campo, e non sorprende che sia stato considerato il miglior giocatore dalla UEFA in quella stagione.

Per il portoghese, Deco è sinonimo di leadership e della vera arte di giocare a calcio. Per i brasiliani, rappresenta l’eterno sentimento che la nazionale brasiliana si è persa avendo uno dei più grandi centrocampisti nella storia di questo sport.

Escrito nas estrelas? Coincidências apontam para título do Porto na Champions League - Mercado do Futebol

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio estero: InstagramFacebook e Twitter.

Scritto da Henry Miller e João Felipe Miller.

Ultimi articoli
Tags: Calcio Internazionale, Esclusive, In Evidenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere