Esclusive
Nessun commento

I sistemi di calcio brasiliano e italiano

Os sistemas brasileiro e italiano de futebol Today, we will see the difference between the Brazilian and Italian football systems I sistemi di calcio brasiliano e italiano

Tendiamo a credere che il funzionamento del calcio sia uguale in tutto il mondo. Oggi vedremo le differenze tra i sistemi di calcio brasiliano e italiano.

Differenze tra i sistemi di calcio brasiliano e italiano

In Brasile

Especial: elite do futebol brasileiro piora nas finanças em 2020, e dívidas dos principais clubes chegam a quase R$ 11 bilhões | blog do rodrigo capelo | ge

Immagine: Reprodução GE

In suolo brasiliano è difficile distinguere adeguatamente i giocatori professionisti dai giocatori amatoriali.

Diverse piccole squadre contano su atleti che non fanno del calcio la loro unica occupazione, poiché il livello più basso del mondo del calcio è spesso ignorato dai media e dai mezzi di comunicazione.

La verità è che un paese disuguale come il Brasile vive questa realtà anche nell’ambito calcistico.

Mentre le squadre della Serie A del Brasile pagano fino a 2 milioni di reais al mese a un giocatore, la stragrande maggioranza dei calciatori deve sopravvivere con stipendi molto più bassi.

Per darti un’idea, secondo uno studio dell’Università del Calcio del 2021, il 55% dei giocatori brasiliani riceve un salario minimo come remunerazione (1.100 reais all’epoca, circa 207 euro). Questo valore rende la sopravvivenza dei cittadini brasiliani impossibile, figuriamoci quando si tratta dello stipendio familiare.

Inoltre, gli stipendi milionari offerti dalle squadre della Serie A hanno un effetto positivo sulla media salariale, che si attesta intorno agli 8.400 reais, tra gli circa 11.000 calciatori professionisti con contratto di lavoro.

Ma quali sono le ragioni di ciò?

Il calcio brasiliano è molto poco democratico. È diviso tra le federazioni statali e l’entità massima del calcio, la CBF.

Le federazioni statali sono responsabili dei tornei che iniziano all’inizio dell’anno, in cui le squadre dello stesso stato si sfidano per il titolo di campione. Solitamente, questi tornei hanno una durata massima di soli tre mesi, non di più, con rare eccezioni, come la Copa Paulista, che si svolge nello stato di San Paolo dopo la fine del campionato paulista.

La CBF, d’altra parte, organizza i tornei di portata nazionale, tra cui il Campionato Brasiliano e la Coppa del Brasile.

Il Campionato Brasiliano è suddiviso in quattro divisioni, dalla Serie A, l’elite del calcio nazionale, alla Serie D.

La Serie D, agli occhi di molti, sembra essere un campionato privo di rilevanza. Tuttavia, non conoscono la difficoltà delle squadre nel trovare spazio nelle competizioni nazionali.

Le squadre sono ammesse a giocare in Serie D in base alla loro classifica nei campionati e nelle coppe statali disputate all’inizio dell’anno. Pertanto, se una squadra non fa un buon campionato statale, sarà destinata a trascorrere il resto dell’anno senza un calendario. Senza partite, come potranno sostenere i propri impegni? Come il pagamento di uno stipendio dignitoso ai calciatori, bollette dell’acqua, luce, affitto, personale, ecc.

La Coppa del Brasile, d’altro canto, coinvolge 92 squadre da tutti gli stati brasiliani. Tuttavia, offre ai club più piccoli la possibilità di giocare al massimo 3 partite, nella maggior parte dei casi. Ciò avviene perché è impossibile per i club di minori dimensioni competere con le cosiddette “grandi” del Brasile, soprattutto dopo l’inserimento delle squadre che si sono qualificate per la Coppa Libertadores agli ottavi di finale.

In passato, squadre come Juventude, Criciúma, Santo André e Paulista de Jundiaí sono riuscite a vincere il torneo, ma attualmente, con le disparità finanziarie che portano a una notevole differenza tecnica tra le squadre, le “sorprese” sono sempre meno frequenti.

Quindi, nel calcio professionistico in Brasile, si intendono le squadre in grado di partecipare a competizioni a livello statale e nazionale, organizzate rispettivamente dalle federazioni e dalla CBF.

Inoltre, il percorso per diventare calciatore professionista in Brasile è a doppio binario.

Un calciatore può diventare professionista da un giorno all’altro. Può giocare nella “várzea” e improvvisamente essere ingaggiato da una squadra professionistica (esempi come Fred e Leandro Damião).

L’altra alternativa, che è la più comune, inizia con il calciatore, fin da giovane, che entra nelle categorie giovanili di un certo club. Man mano che cresce, scala le categorie fino a superare i 20 anni, quando termina la fase giovanile.

A questo punto, il calciatore può diventare un professionista, firmando un contratto con una squadra che soddisfi i requisiti menzionati, o deve cercare un’altra professione.

Questo sistema è una vera macchina per macinare esseri umani, considerando che in un paese come il Brasile, con una significativa percentuale di persone povere, i giovani vedono nel calcio la possibilità di cambiare non solo la propria vita, ma anche quella della loro famiglia e di tutte le persone a loro care.

Pertanto, un giovane che raggiunge i 20 anni e non trova l’opportunità di diventare un calciatore professionista si troverà con poche alternative, poiché molto probabilmente avrà trascurato gli studi durante la sua adolescenza.

Deve essere trovata una soluzione.

Baiano Ednaldo Rodrigues é eleito novo presidente da CBF: 'uma nova jornada'

Immagine: CBF

In Italia

Nel Vecchio Continente, prendendo come esempio l’Italia, l’organizzazione del calcio è diversa.

La FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio) si assume la responsabilità di organizzare campionati a livello regionale (dal momento che l’Italia non è suddivisa in stati, ma in regioni) e nazionale.

Chiaramente, se confrontata al Brasile, l’Italia ha una superiorità fattibile, che è costituita dalla sua dimensione geografica e dalla sua popolazione. Con dimensioni molto inferiori al Brasile, ha una maggiore facilità organizzativa.

In ogni caso, c’è una chiara distinzione tra il calcio professionistico e quello amatoriale in Italia, e entrambi rientrano sotto l’egida della FIGC.

Il settore giovanile, che potrebbe essere paragonato alle categorie giovanili brasiliane, inizia con la categoria “sub14” e va fino ai cosiddetti “juniores”, dai 18 ai 20 anni.

Tuttavia, ciò non è necessariamente la fine della strada per i giovani italiani. Possono firmare un contratto professionale con i grandi club della Serie A, sebbene ci siano altre strade da percorrere.

Il fatto che la FIGC controlli sia il calcio amatoriale che quello professionale fa sì che questi sistemi siano scalabili e producano una maggiore sinergia, senza contare il ruolo di definizione delle competenze, che è predominante.

Dopo il settore giovanile e i “juniores”, su una scala di grandezza, troviamo i cosiddetti “Dilettanti”, che possono essere considerati il calcio amatoriale, suddiviso nelle seguenti categorie:

Dilettanti:

  • 3a Categoria
  • 2a Categoria
  • 1a Categoria
  • Promozione
  • Eccellenza
  • Serie D

Sì, a differenza del Brasile, la Serie D italiana è considerata amatoriale.

Un altro aspetto interessante è che uno dei fattori primari per quella che è considerata l’arbitraggio più tradizionale del calcio è che gli arbitri italiani devono passare da una categoria all’altra fino a raggiungere la Serie A, sottoponendosi a valutazioni frequenti da parte degli osservatori della F.I.G.C tramite l’Associazione Italiana Arbitri.

Solo in questo modo possono essere promossi di categoria, se lo fanno entro un certo tempo e con valutazioni positive.

Professionistiche

  • Serie C
  • Serie B
  • Serie A

In questo modo, possiamo osservare una chiara differenza tra il calcio amatoriale e quello professionale. Anche se entrambi sono organizzati e sotto la responsabilità della federazione italiana, ciò aumenta il livello di competitività, offrendo ai calciatori la reale opportunità di conciliare il tentativo di proseguire nel calcio con un’attività lavorativa complementare.

Punti da osservare da parte della CBF.

Gabriele Gravina a “Storie”: ho inseguito il mio sogno, dai campi di terra alla Figc - Abruzzo - Il Centro

Immagine: Il Centro

La Várzea Brasiliana

In Brasile, la “Várzea” è sinonimo di calcio amatoriale.

Ma, in fondo, cos’è il calcio di “várzea”?

“Várzea”, nella sua accezione letterale, significa un terreno lungo e pianeggiante. In terra brasiliana, tali terreni vengono utilizzati dalla comunità locale come campi da calcio.

Lì, i residenti della zona, autonomamente, organizzano le loro squadre e competono tra di loro in campionati non regolamentati dalle organizzazioni del calcio brasiliano.

La “várzea” è molto di più. La “várzea” rappresenta il sentimento di rappresentare il proprio quartiere e muove le folle ovunque passi.

Negli ultimi anni, grazie all’iniziativa degli organizzatori e all’interesse economico degli sponsor, i campionati di “várzea” hanno iniziato ad assumere una formattazione simile a quella del calcio professionistico.

Divisi in divisioni, soprattutto nella Grande San Paolo, le squadre riescono a raccogliere risorse e pagare i calciatori, spesso ex professionisti, tramite sponsorizzazioni, premi e il sostegno dei tifosi.

Esempi di ciò sono la Copa Pioneer, la Copa Kaiser e la Taça das Favelas.

Calciatori come Pará, ex terzino destro che ha vinto la Coppa Libertadores con il Santos; il centrocampista Christian, ex del Corinthians, vincitore del campionato paulista e della Coppa del Brasile; Jaílson, ex portiere titolare del Palmeiras, campione del Brasile; e molti altri.

Com festa e sem brigas: organizado, futebol de várzea reduz a violência - Esportes - R7 Futebol

Immagine: Edu Garcia/R7

Appello alla CBF

Questo articolo ha l’intenzione chiara di dimostrare che il sistema di calcio brasiliano è lontano dall’essere ideale.

Quello che viene trasmesso dai grandi media rappresenta solo la punta dell’iceberg del mondo calcistico del paese.

La CBF, in quanto massima entità del settore, dovrebbe occuparsi di progetti e mezzi affinché i calciatori professionisti e amatoriali, nonché le squadre, abbiano l’opportunità di praticare lo sport più popolare del mondo in modo dignitoso.

Questo passa per la creazione di campionati nazionali più diffusi, dando spazio e sostegno in modo che i calciatori non trascorrano tre mesi giocando e altri nove cercando lavoro per sostenere le proprie famiglie.

Una soluzione, considerate le dimensioni continentali del Brasile, potrebbe essere quella di creare campionati regionali. Ad esempio, squadre del Nord-Est, del Nord, del Sudest, del Sud e del Centro-Ovest potrebbero competere tra di loro.

Le risorse economiche non mancano, dato che l’ente ha accumulato un surplus di 143 milioni di reais (circa 27 milioni di euro) secondo il bilancio del 2023.

Un altro buon percorso potrebbe essere promuovere, organizzare e sponsorizzare campionati amatoriali, con il sostegno delle leadership della “várzea”, al fine di strutturare il settore del calcio amatoriale in Brasile, che è inesistente a livello istituzionale.

Inoltre, offrire un maggiore supporto al calcio nazionale, consentendo una maggiore democratizzazione, stipendi dignitosi e un’interazione più stretta con le federazioni, sia per quanto riguarda i calciatori che per quanto riguarda gli arbitri.

La verità è che chi ne trarrà vantaggio sarà il calcio brasiliano; coloro che ne sono protagonisti, nonché coloro che ne sono appassionati.

Credi che queste misure possano essere benefiche per il Brasile?

Jogos de futebol de várzea ganham lives nas redes das mídias comunitárias - 22/07/2022 - UOL TILT

Immagine: Thais Siqueira

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio esteroInstagramFacebook e X.

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: Esclusive

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere