Il Fluminense conquista l’America per la prima volta

Fluminense campeão champions Copa Libertadores 2023 Boca Juniors

Il Fluminense, dopo 121 anni dalla sua fondazione, è campione della Coppa Libertadores dell’America.

Il Tricolor delle Laranjeiras ha battuto il Boca Juniors 2-1 al Maracanã, dopo i tempi supplementari.

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio esteroInstagramFacebook e X.

Il percorso del Fluminense fino alla finale

Non è stato facile arrivare in finale. Stiamo parlando della competizione calcistica più difficile al mondo al di fuori dell’Europa, in termini di livello tecnico. Quando si tratta della difficoltà di affrontare avversari tradizionali, tifosi appassionati e arbitraggi discutibili, questa è senza dubbio la competizione più impegnativa.

Il percorso del Fluminense, oltre alla difficoltà intrinseca, ha visto gli avversari altamente qualificati lungo la strada. Nel Gruppo D, insieme a River Plate, Sporting Cristal e The Strongest, i giocatori di Diniz sapevano che non avrebbero avuto vita facile.

La squadra ha esordito in trasferta contro lo Sporting Cristal, in Perù. La squadra ben allenata da Thiago Nunes ha aperto il punteggio, ma non è riuscita a resistere alla pressione dei cariocas. Il Fluminense ha ribaltato la partita con due gol di Cano e uno di Vitor Mendes, vincendo 3-1.

Nel secondo turno, è stata la volta di salutare i tifosi al Maracanã. L’avversario era il The Strongest. Se in passato i boliviani davano filo da torcere solo in altitudine, oggi è diverso. Hanno giocato bene, ma Nino, il difensore goleador, ha garantito la vittoria del Flu 1-0.

È stato nello scontro tra le due squadre principali del girone che il Fluminense ha mostrato cosa avrebbe potuto fare. Ha inflitto una sonora e storica sconfitta di 5-1 al River Plate al Maracanã. La squadra ha offerto una delle migliori prestazioni della sua storia. Cano ha segnato un hat-trick, seguito da due gol di Arias. La coppia è stata spettacolare.

Com três gols de Cano, Fluminense goleia River Plate na Libertadores | Agência Brasil

Immagine: Marcelo Gonçalves/FFC

Nella quarta giornata, c’è stata una brutta sorpresa. Il The Strongest ha ribaltato il risultato del Maracanã, vincendo 1-0 in Bolivia. Con la sconfitta, il gruppo si è avvicinato.

La situazione è diventata ancora più complicata quando il River Plate ha vinto contro il Fluminense al Monumental de Nunez per 2-0.

Di conseguenza, le squadre del Gruppo D sono andate all’ultima giornata con possibilità di qualificazione. Il Fluminense ha pareggiato solo 1-1 contro lo Sporting Cristal in casa, mentre il River Plate ha vinto contro il The Strongest a Buenos Aires.

Entrambi i risultati sono stati sufficienti per qualificarli ai turni ad eliminazione diretta. Il Fluminense si è qualificato come primo nel gruppo con 10 punti, la stessa quantità del River, ma con una differenza reti superiore.

Agli ottavi di finale, il Tricolor Carioca ha affrontato l’Argentino Juniors, una squadra di buon livello allenata da Gabriel Milito all’epoca. Nella partita d’andata, il risultato è stato di 1-1. Tuttavia, il momento più impressionante della partita è stata l’infortunio del giocatore Luciano Sanchez, che ha subito una grave frattura quando Marcelo ha accidentalmente calpestato la sua gamba. Al Maracanã, gli argentini hanno fatto del loro meglio, ma il Fluzão ha vinto la partita 2-0, avanzando ai quarti di finale.

L’avversario successivo è stato l’Olímpia, che aveva eliminato il Flamengo, il principale rivale del Fluminense, in modo eroico agli ottavi di finale. Tuttavia, il Tricolor di Diniz è stato implacabile. Ha vinto la prima partita in casa 2-0. In Paraguay, al Defensores del Chaco stracolmo, ha vinto 3-1, con prestazioni eccezionali di Cano e John Kennedy. Senza speranze per il tricampione Olímpia.

Nelle semifinali, c’è stato un confronto tra squadre brasiliane. Senza dubbio, lo scontro più emozionante di tutta la Coppa Libertadores 2023. Internacional e Fluminense hanno giocato due partite spettacolari, con spettacoli delle tifoserie e dei giocatori sul campo.

Nel primo turno, al Maracanã, la partita è iniziata in modo aggressivo, con opportunità da entrambe le parti, ma è stato il Flu a sbloccare il punteggio. Alla fine del primo tempo, Samuel Xavier è stato espulso e ha cambiato l’andamento del match. L’Inter ha sfruttato l’uomo in più e ha ribaltato la partita. Tuttavia, Cano ha segnato due gol per garantire il pareggio.

Nella seconda partita, allo stadio Beira-Rio, sembrava tutto perduto. L’Internacional ha aperto il punteggio all’inizio della partita e ha avuto numerose opportunità per ampliare il vantaggio e chiudere il match, in particolare con Enner Valencia. Nonostante i tiri pericolosi, l’Internacional non è riuscito a chiudere la partita, lasciando il match aperto. Così, a dieci minuti dalla fine, la coppia Cano e Kennedy ha risolto la partita e ha portato il Fluminense in finale.

Fluminense vence Internacional de virada e garante vaga na final da Libertadores - Jogada - Diário do Nordeste

Immagine: MAURO PIMENTEL / AFP

Nella finale tra il Fluminense e il Boca Juniors

Da un lato, la possibilità di eguagliare l’Independiente come il maggior vincitore della Copa Libertadores. Dall’altro, una squadra con una vasta tradizione nazionale, ma che a livello internazionale non ha la stessa fama di altre squadre brasiliane.

Quando si trattava di tradizione nella competizione, sembrava che gli argentini avessero il vantaggio.

Ma quando si trattava di qualità tecnica, tattica e comprensione del gioco, la vittoria dei brasiliani sembrava inevitabile.

Quale delle virtù avrebbe vinto? La risposta la conosciamo già.

Il primo tempo non è stato molto emozionante, è vero.

Come ci si aspettava, il Boca Juniors ha utilizzato una marcatura stretta, cercando di chiudere gli spazi e pressando il pallone, alternando tra pressione alta, bassa e media.

La soluzione trovata da Fernando Diniz era quella di effettuare rapidi passaggi attraverso triangolazioni e sovrapposizioni, soprattutto lungo i lati del campo.

Queste disposizioni tattiche sono diventate evidenti al 35′ del primo tempo. Diniz ha smentito l’ovvio, che sarebbe stato Keno aperto da un lato e Arias dall’altro.

Entrambi i giocatori, di grande qualità tecnica, velocità e forza fisica, si sono aggregati sul lato destro dell’attacco. Con un rapido scambio di passaggi tra loro e Samuel Xavier, che è molto forte nell’apporto offensivo, Keno ha fatto una splendida assistenza al goleador, Germán Cano.

L’argentino, con il suo tradizionale istinto per il gol, ha calciato di prima intenzione per aprire il punteggio.

Nel secondo tempo, il Boca Juniors ha invertito i ruoli. Ha cercato di avere più il possesso del pallone e di pressare il Fluminense.

Il Tricolor, d’altro canto, ha passato buona parte del secondo tempo in difesa, il che ha permesso al Boca di crescere nella partita. Il problema maggiore è stato che, nonostante il blocco molto basso e i giocatori disponibili per marcare gli argentini, la squadra carioca ha presentato una marcatura lasca.

È così che Advincula ha ricevuto il pallone aperto, ha portato il pallone nel mezzo con molta tranquillità e spazio e ha calciato a sinistra, nel “cantoncino”. I Xeneize hanno pareggiato la partita al 72′.

Il gioco è rimasto equilibrato fino alla fine del tempo regolamentare, tranne per un bel tiro del Boca che ha sfiorato il palo di Fábio.

Alla fine della partita, Fernando Diniz ha fatto entrare John Kennedy in campo, il che ha cambiato le sorti della competizione.

Al minuto 99, il predestinato, John Kennedy, ha ricevuto un passaggio di testa da Keno. La palla è arrivata pulita al giovane di 21 anni che ha sparato in rete per il gol del titolo.

Nella celebrazione, l’emozione ha preso il sopravvento. Kennedy ha attraversato tutto il campo per abbracciare i tifosi del Fluminense, ma l’arbitro Wilmar Roldán ha mostrato il secondo cartellino giallo ed espulso il giovane.

Il Flu avrebbe potuto mantenere il risultato con un uomo in meno?

Il Tricolor delle Laranjeiras può contare sull’aiuto di un giocatore del Boca Juniors. Fabra, che in diverse occasioni ha compiuto atti assolutamente antisportivi, per usare un eufemismo, l’ha fatto di nuovo.

Nella Coppa Libertadores del 2020, quando il Boca Juniors stava subendo una sconfitta contro il Santos nelle semifinali, Fabra ha calpestato la pancia di Marinho in un momento spaventoso.

Ancora una volta, il laterale non ha saputo affrontare la sconfitta, come al solito, e ha dato uno schiaffo a Nino.

L’arbitro, Wilmar Roldán, sembrava aver visto il gesto, ma ha mostrato solo il cartellino giallo, il che sarebbe stato assurdo. Fortunatamente, il VAR è intervenuto e ha indicato che il giocatore avrebbe dovuto essere espulso.

In questo modo, entrambe le squadre sono rimaste in dieci giocatori per la seconda metà dei tempi supplementari.

Dopo di ciò, il Boca Juniors è riuscito a minacciare poco la porta del Fluminense.

Con il fischio finale, il culmine al Maracanã. Il Fluminense conquista l’America per la prima volta nella sua storia.

Relembre a campanha do Fluminense no título da Libertadores de 2023

Immagine: Esporte News Mundo

Cano, Diniz e Kennedy

Chiaramente, ciascuno dei giocatori, dei dipendenti e dello staff del Fluminense ha contribuito in modo determinante alla conquista del titolo più importante nella storia del club. Tuttavia, questi tre nomi citati sopra possono essere considerati i pilastri del successo. Capisci il motivo.

Cano

Fluminense é o primeiro campeão da Libertadores que derrotou Boca e River - Fluminense: Últimas notícias, vídeos, onde assistir e próximos jogos

Immagine: Lucas Merçon/FFC

L’argentino più brasiliano. Germán Cano è un forte candidato al titolo di Re dell’America del 2023.

È stato semplicemente travolgente nella competizione. Ha concluso il torneo con più gol delle partite giocate. Ha segnato 13 gol in 12 partite. Inarrestabile capocannoniere.

Ha segnato nei momenti decisivi, ha realizzato triplette e, soprattutto, è stato un leone in difesa.

Un giocatore senza velleità personali, si è dedicato alla squadra in ogni momento. Anche se è un attaccante centrale, non era raro vedere Cano nel campo difensivo del Fluminense, a coprire gli spazi e difendere con forza.

Semplicemente fondamentale in ogni senso.

Diniz e Kennedy

Quem é John Kennedy, herói do Fluminense no histórico título da Libertadores? - Fotos - R7 Futebol

Immagine: REUTERS/Sergio Moraes

Il destino dei due era legato.

Diniz è sinonimo di coraggio. E non solo. Il coraggio si combina con uno stile rivoluzionario nel gioco del calcio.

In un mondo in cui il gioco posizionale è la regola, ribalta la logica e riesce a esprimere un ottimo calcio con scambi di posizione frequenti e movimenti negli spazi, mettendo in mostra il lato intuitivo dei giocatori.

Tuttavia, il suo ruolo di allenatore va oltre il campo. Con una formazione in psicologia, riesce a vedere oltre l’atleta, a raggiungere la persona. Cerca di comprendere il percorso e la storia di ciascun giocatore, che spesso, in un paese come il Brasile, ha un passato difficile.

Con John Kennedy non è stato diverso. Nel 2022, la sua auto è stata sequestrata con due panetti di marijuana.

John Kennedy non era nemmeno presente al momento del sequestro, ma questa storia è stata sufficiente per etichettarlo come “ragazzo problematico” da parte della dirigenza del Tricolor.

Nel 2023, è stato prestato alla Ferroviária, dove ha disputato un ottimo Campeonato Paulista, diventando idoneo a tornare al club.

Fernando Diniz, d’altra parte, ha sempre dimostrato grande sostegno a John Kennedy e ha dichiarato in un’intervista, ancora nel 2022, che il ragazzo si sarebbe ripreso, toccando questioni sociali e psicologiche molto interessanti.

Il fatto è che John Kennedy ha segnato gol in tutte le fasi ad eliminazione diretta della Coppa Libertadores, contribuendo in modo determinante alla conquista del titolo.

L’episodio più significativo della finale è avvenuto prima dell’inizio dei tempi supplementari. Fernando Diniz ha chiamato John Kennedy e, nel suo stile caratteristico, a gran voce, ha pronunciato le seguenti frasi:

“Tu puoi scrivere la storia dell’America. C’è solo uno che solleverà il trofeo, e sarai tu a segnare il gol del titolo!”

Você vai fazer o gol do título', disse Diniz ao colocar John Kennedy no jogo | O TEMPO

Immagine: CARL DE SOUZA / AFP

Come se non bastasse, circolano registrazioni audio su Internet in cui John Kennedy risponde agli amici se fosse nervoso per la finale.

Avrebbe detto che era sicuro che avrebbe segnato il gol del titolo.

Il risultato è stato come profetizzato da Diniz e Kennedy. Oggi, il Fluminense può dire di essere Campione della Coppa Libertadores dell’America!

Congratulazioni, Fluminense!

Fluminense campeão champions Copa Libertadores 2023 Boca Juniors

Immagine: Comenbol

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: In Evidenza, Libertadores

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere