Lukaku, il Ritorno al Successo?

Romelu Lukaku, il grande centravanti di 1,90 metri, noto per il suo potente sinistro e per i colpi di testa imprendibili, non stava attraversando un buon momento nella sua carriera, soprattutto dopo non aver trovato spazio nella squadra indebolita del Chelsea nella stagione attuale. Tuttavia, su richiesta del ‘chosen one’ Mourinho, la Roma non ha risparmiato sforzi ed ha portato l’artigliere in prestito per una stagione al costo di 5 milioni di euro, finora il valore si giustifica, poiché il carro armato sta avendo un ottimo inizio di stagione.

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle ultime notizie della Serie AInstagramFacebook e X.

La carriera di Lukaku

Dai record nelle giovanili al successo nella prima squadra dell’Anderlecht

Lukaku sin dalla sua esperienza nel calcio giovanile si è distinto come una delle gemme più brillanti del calcio belga, noto per la sua notevole stazza fisica e per il modo in cui la sfruttava a suo vantaggio.

Il suo inizio nelle giovanili dell’Anderlecht, il più grande club del Belgio, è stato straordinario; grazie alla sua mole fisica, il ‘carro armato’ faceva impallidire i suoi avversari, come dimostrano i 131 gol segnati in soli 93 incontri, nel periodo compreso tra il 2006 e il 2009.

Grazie alle sue prestazioni nelle giovanili, la squadra professionistica dell’Anderlecht ha aspettato che il giovane compisse 16 anni prima di offrirgli il suo primo contratto, al termine della stagione 2008/2009.

Già nella stagione 2009/2010, è diventato un titolare fisso nella squadra e con i suoi 15 gol nella Jupiler Pro League ha contribuito alla conquista del 30º titolo dell’Anderlecht, diventando capocannoniere del torneo a soli 17 anni.

Nella stagione successiva non ha smesso di segnare e ne ha messi a segno 20, tenendo conto di tutte le competizioni disputate, ma questi non sono stati sufficienti per difendere il titolo della Jupiler Pro League.

Con le sue prestazioni costantemente di alto livello e la facilità e il fiuto per il gol che il centravanti possedeva, ha suscitato l’interesse di diversi club europei di alto livello, ma è stato il Chelsea a concludere l’accordo per la gioia belga, sborsando circa 20 milioni di euro.

10 years of Romelu Lukaku 💜 | RSC Anderlecht
Lukaku festeggiando un gol per l’RSC Anderlecht. Foto: RSC Anderlecht.

Il Viandante

Dopo il suo arrivo al Chelsea, Lukaku è stato utilizzato molto poco, soprattutto perché al tempo i Blues potevano contare su Torres e Drogba. Nonostante abbiano vinto la Champions League quella stagione, Lukaku non si sentiva parte del trionfo né della squadra.

Pertanto, non c’è stata altra scelta se non il prestito dell’artigliere. Il 10 agosto 2012, Lukaku è stato annunciato in prestito al modesto West Bromwich, che giocava in Premier League in quel periodo.

Lukaku ci ha messo un po’ ad abituarsi alla Premier League, ma una volta preso il ritmo ha iniziato a segnare gol su gol. Nella stagione 2012-2013 con il West Bromwich ha segnato 17 gol in Premier League, rimanendo indietro solo rispetto a nomi come Van Persie, Suárez, Bale, il suo connazionale Benteke e Michu nella classifica dei cannonieri.

Nonostante il West Bromwich lo volesse a tutti i costi, il Chelsea ha preferito non rinnovare il prestito, quindi il centravanti belga è tornato ai Blues e ha svolto un’intera preparazione estiva con il club di Londra. Sembrava che questa volta Lukaku si sarebbe davvero affermato al Chelsea, ma così non è stato.

Dopo aver giocato solo due partite in Premier League per i Blues nella stagione 2013-2014, Lukaku è stato informato che non faceva più parte dei piani della squadra. Pertanto, un altro prestito, questa volta all’Everton, che era meno modesto del West Bromwich, ma comunque non all’altezza del potenziale del giovane carro armato belga.

Tuttavia, Lukaku non ha mai smesso di lavorare e il suo lavoro all’Everton è stato eccezionale. Già nella sua prima stagione ha segnato 15 gol in Premier League, contribuendo al raggiungimento del quinto posto della squadra di Liverpool, un risultato storico che non era mai accaduto prima.

Di conseguenza, l’Everton ha aperto il portafoglio e ha acquistato Lukaku in via definitiva nella stagione 2014-2015, con un contratto quinquennale del valore di 28 milioni di sterline, una cifra mai pagata prima dall’Everton.

Lukaku è diventato una macchina da gol all’Everton, anche se purtroppo sono rimasti solo gol, poiché la modesta squadra di Liverpool non aveva la forza per competere per i titoli. In totale, ha trascorso quattro stagioni con i Toffees, giocando 166 partite e segnando incredibili 87 gol.

Nel 2017, l’Everton ha cercato di trattenerlo, ma non ha potuto trattenerlo e il Manchester United ha pagato circa 75 milioni di sterline per avere il carro armato belga.

Foto: toffeeweb.com

All’inizio al Manchester United è stato travolgente, sembrava si fosse adattato perfettamente alla squadra e segnava gol in vari modi. Tuttavia, col passare del tempo, è arrivato il Mondiale del 2018, in cui Lukaku ha giocato molto bene, segnando 4 gol nel torneo e aiutando la sua nazionale a raggiungere il terzo posto.

Dopo il Mondiale, le sue prestazioni sono calate leggermente, ma niente di grave, continuava a segnare gol, come sempre. Tuttavia, una parte dei tifosi dei Red Devils e parte della stampa ha iniziato a sostenere che Lukaku fosse in sovrappeso e non fosse un giocatore impegnato. Queste critiche hanno acquisito tale risonanza che non era più possibile sostenere quella situazione.

Con 42 gol in 96 partite, il capocannoniere si è congedato dal Manchester United nel 2019, trasferendosi all’Inter di Milano per 65 milioni di euro.

All’Inter, non è stato diverso, Lukaku non smetteva mai di segnare, e ha vinto il suo primo titolo importante in carriera, lo scudetto del 2020-21.

Il suo partenariato con l’argentino Lautaro Martínez era inarrestabile, e sono state due stagioni meravigliose per l’attaccante, soprattutto grazie alla vittoria dello scudetto, che mancava all’Inter da più di 10 anni. Lukaku è stato il miglior giocatore della Serie A in questa stagione.

Lukaku è il miglior giocatore della Serie A 2020/2021 | Inter.it
Foto: Internazionale

In totale, ha disputato 86 partite per i Nerazzurri, segnando incredibili 60 gol. Ma ancora una volta, Lukaku avrebbe cambiato aria, tornando questa volta al Chelsea, dove non aveva avuto l’opportunità di mostrare le sue capacità calcistiche nei primi anni della sua carriera.

Anche se l’Inter voleva mantenere il tandem Lukaku e Lautaro, le cifre offerte dal Chelsea erano troppo allettanti, con ben 113 milioni di euro spesi per riportare il carro armato belga.

Tuttavia, per ironia del destino, Lukaku non è riuscito a trovare il suo ritmo al club di Londra e anche se ha segnato 15 gol nella stagione 2021-2022, è stato pesantemente criticato dai media inglesi e dai tifosi del Chelsea, il che lo ha portato a tornare in prestito l’anno successivo all’Inter di Milano.

Al suo ritorno, purtroppo non è riuscito a ripetere il formidabile partenariato con Lautaro, ma è stato un elemento importante anche quando partiva dalla panchina, contribuendo anche al raggiungimento del secondo posto nella Champions League.

Anche se ha segnato 14 gol nella stagione 2022-2023, Lukaku sembrava non essere più lo stesso, la sua esplosività, la sua forza fisica e il suo fiuto per il gol sembravano meno marcati, e la sua fiducia era sicuramente scossa.

Con così tanti trasferimenti e passaggi tra i club nel calcio europeo, Lukaku è il secondo calciatore che ha movimentato più denaro in trasferimenti, raggiungendo un totale di 333 milioni di euro, superato solo da Neymar, che è al primo posto nella classifica con 410 milioni di euro.

l Ritorno della Fiducia alla Roma

Dopo la fine della stagione 2022/2023, Lukaku è tornato al Chelsea, ma è stato presto comunicato che non faceva più parte dei piani del club londinese. Si è quindi iniziata a speculare sul suo ritorno all’Inter, ma la squadra milanese ha evitato l’acquisto, decidendo di non prolungare l’esperienza con il belga.

Il tempo è passato e sembrava che Lukaku non sarebbe riuscito a trovare una squadra in cui giocare per la stagione e avrebbe finito per scaldare la panchina, o forse nemmeno quello al Chelsea.

Fino a quando la Roma, in un’audace mossa di José Mourinho, che ha spesso elogiato il potenziale dell’artigliere belga, ha deciso di andare a prenderlo in prestito per una stagione.

Mourinho è sicuro che riuscirà a far tornare in forma il prolifico attaccante belga e, soprattutto, a ridargli fiducia. Il portoghese sembra non aver sbagliato il suo pronostico, infatti Lukaku sta avendo un inizio di stagione scintillante. Con la maglia della Roma finora ha giocato 9 partite segnando 7 gol, mentre con la nazionale belga ha realizzato 4 gol in 4 partite.

Sembra davvero che la fiducia di Lukaku sia stata ripristinata; si sta battendo su ogni palla, corre e scontra con gli avversari, e il suo fiuto per il gol è tornato afilato.

Resta da vedere se il resto della stagione continuerà sulla stessa scia, visto che la Roma conta sui gol del belga per cercare di conquistare un altro titolo europeo e migliorare le sue prestazioni in Serie A.

roma-frosinone-mourinho-lukaku
Foto: laroma24.it

Scritto da João Felipe Miller.

Ultimi articoli
Tags: Serie A, In Evidenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere