Sir Bobby Charlton: Il più grande inglese

Bobby Charlton Manchester United legend falece passes away aged 86

Sir Bobby Charlton, il più grande calciatore inglese di tutti i tempi, ci ha lasciato lo scorso sabato (21/10/2023) all’età di 86 anni.

Unisciti a noi nel celebrare la brillante carriera di questa leggenda del calcio, che rimarrà per sempre nei cuori dei tifosi inglesi, dei sostenitori del Manchester United e di tutti gli appassionati di calcio.

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle prossime uscite della rubrica ProtagonistiInstagramFacebookX.

La carriera di Bobby Charlton

Robert Bobby Charlton è nato ad Ashington, Northumberland, in Inghilterra, l’11 ottobre 1937.

Nonostante sia nato in una piccola città, che oggi conta circa 27.000 abitanti, Bobby Charlton sapeva che il mondo gli apparteneva.

Nel 1953 si è unito a uno dei più grandi club del mondo, il Manchester United. Oggi possiamo dire che i Red Devils hanno raggiunto le vette grazie, in gran parte, a Bobby, che ha trascorso ben 18 anni nel club.

Ha giocato nelle squadre giovanili del club fino al 1956. Ha debuttato tra i professionisti all’età di 18 anni, 11 mesi e 25 giorni, il 6 ottobre di quell’anno, contro il Charlton Athletic. La partita si è conclusa con il punteggio di 4-2 a favore del Manchester United.

Già nella sua prima partita, Sir Bobby Charlton ha dimostrato di essere qualcosa di speciale. Non ha avvertito la pressione e ha segnato due gol in cinque minuti.

Bobby Charlton celebrates turning 79... and it's 60 years since he made his Manchester United debut and bagging a brace | The Sun

Immagine: Press Association

L’allenatore che ha dato la sua prima opportunità al giovane è stato il leggendario Sir Alexander Matthew Busby, vincitore della Champions League e cinque volte campione della Premier League. Insieme, i due Sir avrebbero vinto numerosi titoli.

Nel 1957, appena un anno dopo l’inizio della sua carriera professionale, il giovane Robert ha già assaporato il suo primo titolo, diventando Campione Inglese.

Tuttavia, non è stato tutto rose e fiori. Piuttosto il contrario.

Nel febbraio 1958, Sir Bobby Charlton ha affrontato la morte frontalmente. A soli 21 anni, era già uno dei migliori calciatori inglesi, che guidava il Manchester United in varie competizioni.

In quel mese, la squadra inglese aveva ottenuto un posto nelle semifinali della Champions League dopo il pareggio per 3-3 contro la formidabile squadra del Red Star a Belgrado, Jugoslavia (oggi Serbia).

Per tornare in Inghilterra, l’aereo della squadra ha fatto scalo a Monaco.

Il problema è stato che, secondo quanto riferito dalle persone presenti, ci sono state tre tentativi di decollo prima che l’aereo potesse effettivamente alzarsi in aria a causa di problemi al motore.

Le avvertenze non sono state sufficienti per annullare il volo. Di conseguenza, l’aereo noleggiato dal club è rimasto in aria per alcuni istanti prima di schiantarsi su una casa abbandonata.

L’incidente ha causato la morte di otto calciatori del Manchester United e ha chiaramente scosso l’intero mondo del calcio, venendo considerato una delle più grandi tragedie nello sport.

Manchester United to mark 60 years since Munich disaster - BBC News

Immagine: Getty Images

Sir Bobby Charlton è stato uno dei sopravvissuti. Nonostante sia rimasto ferito nell’incidente, è riuscito comunque a partecipare al suo primo Campionato del Mondo nel 1958, in Svezia.

Charlton e Busby, l’allenatore che lo aveva fatto esordire, sono diventati simboli della ricostruzione del Manchester United e anno dopo anno i Red Devils sono diventati una squadra potentissima, probabilmente una delle più forti nel calcio.

Nel 1962 è arrivato Denis Law al Manchester. L’anno successivo, nel 1963, è sbarcato nella città industriale anche l’eterna stella George Best. Insieme hanno formato uno dei più grandi trii d’attacco e hanno vinto numerosi titoli.

In un decennio hanno vinto due titoli di Premier League (1965 e 1967), una FA Cup (1963), due Supercoppe inglesi (1966 e 1968) e la tanto agognata Champions League (1967/68).

Sir Bobby Charlton è rimasto al Manchester United fino al 1973, quando è passato al Preston. Con i Red Devils ha disputato 758 partite, diventando il secondo giocatore con il maggior numero di presenze per il club, superato solo nel 2008 da Ryan Giggs.

Ha segnato 249 gol, vinto numerosi titoli e ha senza dubbio lasciato il segno in questo immenso club inglese.

Tuttavia, la sua esperienza al Preston non è stata all’altezza della sua carriera fino a quel momento. Giocando nella seconda divisione della Premier League, il club è stato retrocesso in terza divisione.

Di conseguenza, ha giocato in vari club semiprofessionali e amatoriali in Australia fino a porre effettivamente fine alla sua carriera da calciatore nel 1979.

Shay-Brennan and Bobby Charlton with the European Cup in 1968 | Manchester united champions, Manchester united legends, Bobby charlton

Immagine: The Sunday Times UK

Nazionale Inglese

Sir Bobby Charlton non ha ottenuto questo titolo per caso. È stato un quattro volte partecipante ai Mondiali, ma soprattutto è stato la ragione principale della vittoria dell’Inghilterra al Campionato del Mondo.

Il suo debutto nella nazionale è avvenuto in un’amichevole prima del Campionato del Mondo del 1958, nella vittoria dell’Inghilterra per 4-0 contro la Scozia. Ha davvero avuto una luce che lo ha illuminato quando si trattava di esordi, segnando uno dei gol in quella partita.

Nel Campionato del Mondo del 1958, non ha giocato nessuna partita, principalmente a causa dell’eliminazione precoce degli inglesi, che sono stati sconfitti dall’Unione Sovietica nel primo turno eliminatorio.

Nel 1962 ha giocato in tutte le partite, ma ancora una volta l’Inghilterra è stata eliminata nello stesso turno del Campionato del Mondo precedente. Questa volta sono stati i brasiliani a trionfare, assicurandosi il loro secondo dei cinque titoli.

Infine, è arrivato il 1966. Il palcoscenico era pronto. L’Inghilterra ha ospitato il Campionato del Mondo e aveva il suo miglior giocatore in perfetta forma.

La campagna è iniziata con un pareggio per 0-0 contro l’Uruguay, che ha sollevato dubbi sulla capacità della squadra di diventare campione.

La verità è che la nazionale inglese ha saputo adattarsi bene ai difetti mostrati nella partita inaugurale ed è riuscita a vincere tutte le partite.

Hanno sconfitto il Messico e la Francia, entrambi per 2-0, nella fase a gironi. Ai quarti di finale hanno battuto l’Argentina per 1-0. In semifinale, l’avversario era il Portogallo, che aveva appena eliminato i campioni in carica, il Brasile.

I portoghesi avevano Eusébio, che aveva avuto un torneo spettacolare. Tuttavia, Bobby Charlton era in stato di grazia e ha segnato entrambi i gol nella vittoria per 2-1.

La finale, contro la Germania, è stata piena di polemiche. La partita è finita 2-2 nei tempi regolamentari, portando ai tempi supplementari.

Allora, Hurst ha calciato forte. Il pallone ha colpito la traversa e rimbalzato appena prima della linea di porta, con evidente prova che il gol non era stato segnato. Nonostante ciò, l’arbitro della partita ha indicato il centro del campo e ha assegnato il gol alla squadra di casa.

Hurst ha segnato ancora una volta, negli istanti finali della partita, per sigillare la prima e unica vittoria dell’Inghilterra in un Campionato del Mondo.

La performance di Bobby Charlton in quell’anno è stata così impressionante che è stato nominato miglior calciatore europeo, vincendo il prestigioso Pallone d’Oro.

Ha giocato anche nel Campionato del Mondo del 1970, raggiungendo i quarti di finale, ma sono stati i tedeschi occidentali a proseguire.

Dopo il Campionato del Mondo del 1970, si è ritirato dalla nazionale inglese. Nel corso della sua carriera internazionale, ha disputato 106 partite e segnato 49 gol, oltre a vincere il più grande premio del calcio.

UOL Copa do Mundo - Veja tudo sobre todas as Copas | Bobby charlton, Mundial de futbol, Fútbol

Immagine: UOL

Il titolo di Sir, gli onori e il disprezzo per la leggenda

Il titolo di Sir è un grande onore nella comunità britannica.

Grazie ai suoi impressionanti successi con la nazionale inglese e il Manchester United, è diventato idoneo a riceverlo. La Regina Elisabetta II gli ha conferito il titolo nel 1974.

Il Manchester United e numerosi altri club in Inghilterra hanno offerto le loro condoglianze alla scomparsa della leggenda. I Red Devils sono in lutto.

La parte triste della storia riguarda i tifosi del Manchester City.

Durante una partita di Premier League che si è svolta il sabato della morte di Sir Bobby Charlton, un gruppo di tifosi ha intonato cori irriverenti sulla morte dell’ex giocatore.

In una mossa lodevole, il Manchester City ha identificato due tifosi particolarmente vocali e li ha banditi dall’Etihad Stadium.

Le parole irrispettose di questi tifosi non cambiano il fatto che Sir Bobby Charlton sarà per sempre ricordato come uno dei più grandi calciatori della storia. E da inglesi, dovrebbero essere grati ogni giorno per la Coppa del Mondo che ha regalato al loro paese.

UEFA Champions League on X: "Happy 78th birthday to @ManUtd legend and European Cup winner Sir Bobby Charlton! Your favourite United player? http://t.co/3Pei6zWP2T" / X

Immagine: X Uefa

Scritto da Vitor F. L. Miller.

Ultimi articoli
Tags: Protagonisti, In Evidenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere