Thiago Silva accetta il suo ritorno al Fluminense

Thiago Silva

Thiago Silva ha lasciato il segno in Europa e torna al Fluminense, il club che lo ha lanciato nel mondo dopo 16 stagioni.

Thiago Silva si è affermato come uno dei più grandi difensori della sua generazione, conquistando numerosi titoli e guadagnandosi l’affetto dei tifosi di tutte le squadre in cui è passato.

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle ultime notizie del calciomercatoInstagramFacebook e Twitter.

Carriera di Thiago Silva

Thiago Silva ha sviluppato le sue abilità al Fluminense, dove ha trascorso gli anni formativi dall’età di 11 ai 18 anni, ma la sua prima partita da professionista è stata per il Pedrabranca, allora noto come RS Futebol Clube, nel 2003.

Nel 2004 ha giocato in Serie A per il Juventude, avendo una stagione notevole, terminando al 7º posto nel Brasileirão, guidato da Ivo Wortmann. Per molti, il 2004 è stato l’anno della migliore difesa di sempre del Juventude, con Índio, Naldo e Thiago Silva, che è stato nominato terzo miglior difensore brasiliano dell’anno dalla rivista Placar.

Nel settembre 2004, è stato trasferito al Porto, ma ha faticato ad adattarsi e ha giocato solo per il Porto B. A causa di infortuni e poche opportunità, è stato mandato in prestito al Dynamo Mosca in Russia nel gennaio 2005, dove ha affrontato la sfida più grande della sua carriera e della sua vita. Inizialmente pensava di avere l’influenza, ma dopo alcune sedute di allenamento in Russia, i suoi sintomi sono peggiorati e aveva persino difficoltà a respirare nella vita quotidiana.

Diagnosi di tubercolosi

A soli 21 anni, Thiago Silva è stato diagnosticato con la tubercolosi nel 2005 al Dynamo Mosca, ma si crede che abbia contratto la malattia nel 2004 mentre era ancora al Porto B.

È stato ricoverato a Mosca in condizioni molto precarie per quattro mesi, vivendo in una stanza di 10 metri quadrati dove a malapena poteva muoversi. Belle Silva, sua moglie, ha raccontato in un’intervista: “Nel bel mezzo del processo, a Mosca, ci hanno detto che non potevano fare nulla e che avrebbero dovuto rimuovere parte del suo polmone con un intervento chirurgico.”

Ivo Wortmann, che ha allenato Thiago al Juventude, è stato assunto dal Dynamo Mosca e ha svolto un ruolo cruciale nel recupero della salute e della carriera del giocatore. Appena arrivato in Russia, ha organizzato per uno specialista dal Portogallo per curare il giocatore.

A causa della possibilità di dover rimuovere il polmone, che avrebbe messo fine alla carriera di Thiago Silva, Ivo Wortmann ha deciso di agire. “Ho pensato tra me: ‘qualcosa non va qui, oggi nessuno muore di tubercolosi’. Gli dissi che avrei parlato con Tonietto per contattare urgentemente Jorge Mendes e che lo avremmo portato in Portogallo o in Brasile. Non poteva sottoporsi a questa operazione perché nessuno gioca a calcio senza un polmone!”

Thiago Silva è tornato in Portogallo per curarsi ed è riuscito a guarire dalla tubercolosi, ma c’era una certa paura che il difensore tornasse a giocare a un alto livello. Belle Silva ha detto: “Anche così, non credevamo che sarebbe stato in grado di giocare nuovamente a livello professionale. Ma Ivo Wortmann (suo ex allenatore al Juventude) gli aveva dato una possibilità prima, e lo ha fatto di nuovo al Fluminense. Ecco dove abbiamo ricominciato.”

Thiago Silva - Camapanha Tuberculose

Primi passi al Fluminense

Nel 2006, Ivo Wortmann, all’epoca allenatore del Fluminense, ha richiesto l’ingaggio di Thiago Silva, che è tornato al Fluminense per fare storia.

Nel suo anno di debutto, è stato uno dei pochi punti di forza della squadra che ha lottato contro la retrocessione fino alle fasi finali del Brasileirão e ha raggiunto le semifinali della Copa do Brasil di quella stagione. Ha giocato 48 partite quell’anno, tutte da titolare.

Nel 2007, ha vissuto un anno che non sarà mai dimenticato. Il Fluminense ha vinto il suo primo e finora unico titolo della Copa do Brasil e ha chiuso al 4º posto nel Brasileirão, un torneo in cui Thiago Silva è stato premiato come miglior difensore dalla rivista “Placar”. Quell’anno ha giocato 51 partite, segnando 9 gol.

Nel 2008, il Tricolor das Laranjeiras è arrivato in finale di Coppa Libertadores, ma è stato sconfitto dalla LDU in una partita epica. Dopo aver perso 4-2 in altitudine a Quito, il Fluminense aveva il difficile compito di ribaltare il punteggio al Maracanã. Con soli 6 minuti giocati, gli ecuadoriani hanno aperto il punteggio, ma il Fluminense ha segnato 3 gol con Thiago Neves e ha portato la partita ai rigori. In una notte ispirata dal portiere Cevallos, il Fluminense è stato sconfitto dalla LDU e ha terminato come secondo classificato nella Libertadores.

Nel 2008 è stato convocato per la prima volta nella Nazionale Brasiliana il 23 maggio, dal tecnico Dunga, due giorni dopo una storica qualificazione del Flu in Libertadores, contro il São Paulo, al Maracanã.

Nel Brasileirão, Thiago Silva è stato nuovamente votato miglior difensore del torneo, questa volta ai premi della CBF, oltre a ricevere il premio Craque da Galera, tramite un voto online, in cui ha ottenuto il 47% dei voti.

In mezzo a questi anni magnifici al Tricolor, Thiago Silva è stato ingaggiato dal Milan alla fine del 2008 per 10 milioni di euro (circa 32,1 milioni di reais all’epoca).

Thiago Silva pelo Fluminense — Foto: Reuters

Foto: Reuters

Capitano al Milan

Al Milan, Thiago Silva ha fatto il suo debutto nel gennaio 2009, nell’amichevole contro l’Hannover, che è terminata 2-2. Il difensore ha fatto il suo debutto in partite ufficiali solo nel luglio successivo, poiché il Milan aveva già raggiunto il limite di giocatori senza passaporto dell’Unione Europea durante la stagione 2008–09.

Nella sua prima stagione, il Milan ha terminato al 3º posto in Serie A, con Thiago Silva come protagonista della difesa. Nella stagione successiva, il Milan ha vinto lo Scudetto e Thiago Silva era presente nella squadra del campionato.

Nel 2011, il Milan ha vinto la Supercoppa Italiana battendo l’Inter 2-1 presso lo Stadio Nazionale di Pechino.

Durante i suoi anni al Milan, Thiago Silva ha contribuito in modo significativo al successo del club, diventando rapidamente un favorito tra i tifosi rossoneri, che lo ammiravano non solo per le sue abilità tecniche, ma anche per la sua dedizione e professionalità.

Nel novembre 2011, Thiago Silva ha indossato per la prima volta la fascia da capitano. Nella partita contro il Chievo, ha aperto le marcature nella vittoria per 4-0.

Nel luglio 2012, Thiago Silva e Zlatan Ibrahimovic sono stati ceduti dal Milan al Paris Saint-Germain per circa 65 milioni di euro.

Thiago Silva Milan Chievo (Foto: Getty Images)

Foto: Getty Images

Massimo idolo al PSG

Nella squadra francese, Thiago Silva ha conquistato lo status di idolo fin dalle prime stagioni e, in soli 4 mesi, aveva già ottenuto la fascia da capitano.

Durante tutti gli anni, Thiago Silva è stato il titolare incontestato del Paris Saint-Germain, mostrando un’impressionante egemonia in Francia. Ha vinto 7 campionati francesi, oltre a numerose coppe nazionali.

L’egemonia che il PSG aveva in Francia non corrispondeva al livello europeo della Champions League. Molte volte il PSG deludeva nella competizione più importante del mondo e otteneva risultati al di sotto delle aspettative.

Nella storica rimonta del Barcellona contro i francesi, nella quale avevano perso 4-0 e vinto 6-1 nel 2017, Thiago Silva era presente e ricorda con grande tristezza: “Non siamo stati capaci di giocare la nostra partita. Nel primo momento della partita abbiamo avuto difficoltà a portare fuori la palla. Nel secondo, abbiamo rinunciato al possesso e abbiamo scelto di giocare in difesa. Siamo molto vergognosi.”

La migliore campagna del PSG in Champions League è stata nel 2020, quando sono stati sconfitti dal Bayern nella grande finale, con un gol di Coman. È stata l’ultima partita di Thiago Silva per il PSG, anche se voleva continuare, gli era stato già comunicato che il suo contratto non sarebbe stato rinnovato.

Il difensore ha fatto la storia al PSG e ha lasciato il segno come uno dei più grandi giocatori a vestire la maglia del club. Ha giocato in 315 partite, iniziando in 309, ha vinto 23 titoli ufficiali ed è stato il giocatore che ha indossato più volte la fascia da capitano nella storia del PSG.

Thiago Silva gol PSG Lorient (Foto: Reuters)

Foto: Reuters

Campione del mondo con il Chelsea

Thiago Silva si è trasferito al Chelsea nell’agosto 2020 e nella sua prima stagione ha vinto la tanto sognata Champions League, battendo il Manchester City di Pep Guardiola in finale.

Un altro titolo mancante nella sua galleria era quello di campione del mondo, che è arrivato contro il Palmeiras. In finale, il Chelsea ha sconfitto il Palmeiras per 2-1 negli ultimi minuti del tempo supplementare, con un gol su rigore di Kai Havertz. Thiago Silva è stato premiato come miglior giocatore del torneo. Con una grande stagione, Thiago ha rinnovato il suo contratto fino alla fine della stagione 2021–22.

Anche a 38 anni, Thiago Silva era ancora uno dei migliori difensori al mondo, combinando la sua esperienza con l’intelligenza tattica che aveva affinato nel corso degli anni. La sua visione periferica e la sua capacità di organizzare la difesa sono stati cruciali per la solidità delle squadre in cui ha giocato.

Ha influenzato anche il miglioramento del difensore che giocava al suo fianco. Un esempio classico è Marquinhos, che per molti anni è stato suo compagno di squadra al PSG e nella nazionale brasiliana, vivendo il suo apice tecnico accanto al più esperto Thiago Silva.

Al Chelsea, il difensore ha raggiunto due volte la finale della Coppa di Lega Inglese, perdendo in entrambe le occasioni contro il Liverpool di Klopp. Nella FA Cup, è stato anche vicino due volte, perdendo in finale contro il Leicester nella stagione 2020–21 e contro il Liverpool ai rigori nella stagione successiva.

Nel marzo 2024, Thiago Silva ha ricevuto la notizia che il suo contratto non sarebbe stato rinnovato di nuovo. Quando il Chelsea è stato sconfitto dal Manchester City nella semifinale della FA Cup, il difensore è scoppiato in lacrime, sapendo che era la sua ultima occasione per un titolo con i Blues.

Thiago Silva posa com o troféu do Mundial de Clubes — Foto: Getty Images

Foto: Getty Images

Nazionale brasiliana

Con la Nazionale Brasiliana, Thiago Silva ha costruito una bellissima storia. È stato convocato per il Mondiale del 2010, ma era riserva di Lúcio e Juan e non è sceso in campo.

Alla fine del 2011 ha assunto la fascia da capitano della squadra e ha formato la coppia di difesa con David Luiz. Alle Olimpiadi del 2012, è stato il capitano della squadra che ha vinto la medaglia d’argento.

Nella Confederations Cup tenutasi in Brasile, Thiago Silva era il capitano e il pilastro difensivo. In finale, il Brasile ha sconfitto la Spagna, all’epoca campione del mondo, per 3-0, con una prestazione magistrale che sarà ricordata nella storia.

Nel Mondiale del 2014, Thiago Silva non era presente nella vergognosa sconfitta per 7-1 contro la Germania, poiché era squalificato. Tuttavia, il capitano è stato molto criticato per essersi isolato dal resto della squadra, sedersi sopra una palla e piangere prima della serie di rigori negli ottavi di finale contro il Cile.

Nonostante ciò, Thiago Silva ha disputato un grande Mondiale e ha segnato un gol nella vittoria per 2-1 contro la Colombia nei quarti di finale.

Nel Mondiale del 2018, Tite ha utilizzato il sistema di rotazione dei capitani e Thiago ha indossato la fascia in 2 partite ed è stato titolare in tutte e 5 le partite del Brasile nel torneo, che è stato eliminato nei quarti di finale dal Belgio.

Nel 2019, Thiago Silva ha partecipato alla Copa America per la terza volta, vincendo il suo primo titolo del torneo. È stato titolare in tutte e sei le partite della competizione e il Brasile si è laureato campione battendo il Perù in finale per 3-1.

Nel Mondiale del 2022, il difensore aveva 38 anni, ma l’età sembrava non importare, poiché ha disputato un torneo impeccabile nonostante l’eliminazione precoce del Brasile, considerato uno dei favoriti per vincere il trofeo.

Thiago Silva na estreia do Brasil contra a Bolívia: ele vai ser novamente o capitão da Seleção — Foto: Luca Figueiredo / CBF

Foto: Luca Figueiredo / CBF

Thiago Silva ha fatto la storia ovunque sia stato e ora affronta la sfida di fare ancora di più per il Fluminense. Durante tutti gli anni in Europa, il difensore è sempre rimasto uno dei migliori nella sua posizione, facendo parte della selezione del Pallone d’Oro per diversi anni.

 

Scritto da Henry Miller.

Ultimi articoli
Tags: Mercato Internazionale, In Evidenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere