Ronaldo, il fenomeno incrollabile

Nientemeno che Ronaldo Fenômeno, un giocatore unico, leggendario e incrollabile. Dall’inizio travolgente al rispettato CEO e Streamer nel tempo libero.

Ronaldo Nazário de Lima

Ronaldo è nato il 22 settembre 1976 nella città di Rio de Janeiro. Ha trascorso la sua infanzia nel quartiere di Bento Ribeiro nella Zona Nord, con i suoi genitori e sei fratelli. Come la maggior parte dei giocatori brasiliani, Ronaldo ha attraversato molte difficoltà finanziarie durante la sua infanzia, ma ciò non ha mai impedito al ragazzino dai denti grandi di mostrare la sua attitudine e il suo amore per il calcio.

Da bambino Ronaldo saltava le lezioni per giocare sul campo di un club vicino alla sua scuola, il Valqueire Tênis Clube. All’età di 12 anni è entrato a far parte della squadra di futsal, dove si è distinto con esplosioni piene di vigore e grazia, oltre a mostrare già un fiuto per il gol unico.

All’età di 13 anni, Ronaldo finì per giocare al Social Ramos Clube, dove partecipò al Carioca Mirim Futsal Championship del 1989, all’epoca segnò 48 gol, che purtroppo non lo resero campione del Social Ramos Clube, ma riuscirono a piazzarsi 3 ° nella competizione, il che li ha qualificò per il campionato brasiliano della categoria. Quella volta il club arrivò secondo e Ronaldo ne fu il capocannoniere.

Con così tanto risalto per il calcio di qualità presentato nei tornei juniores di futsal, Ronaldo sapeva che la sua vita sarebbe stata sempre dalla parte del calcio e che per molto tempo sarebbe stata la sua più grande compagna, quindi provò ad allenarsi nelle categorie giovanili della sua squadra del cuore, il Flamengo, ma fu possibile continuare questo sogno, dato che gli allenamenti erano molto lontani da casa sua e lui e la sua famiglia non potevano permettersi i soldi del trasporto.

Così, all’età di 14 anni, Ronaldo iniziò ad allenarsi alla base del São Cristóvão, un club tradizionale di Rio de Janeiro, che si trovava nel quartiere di São Cristóvão, molto più vicino alla casa del promettente marcatore. Il passaggio di Ronaldo al calcio in campo fu naturale e le condizioni e gli apprendimenti che portò dal futsal furono estremamente importanti per Ronaldo per poter stampare un calcio veloce in campo, con dribbling brevi e sconcertanti e, soprattutto, decisioni rapide.

Per aver dimostrato così presto qualità uniche giocando a calcio, Ronaldo all’età di 14 anni si è fatto acquistare il pass per circa 10mila dollari dal leggendario Jairzinho, instancabile campione della Coppa degli anni ’70. Jairzinho si è trasferito e ha offerto il giovane talento al Cruzeiro, che ha accettato l’offerta e nel gennaio 1993 Ronaldo fu acquistato per circa 25mila dollari.

Ronaldo posando para foto no Clube de Futsal Social Ramos Clube
Ronaldo posa per una foto al Clube de Futsal Social Ramos Clube

Gli inizi travolgenti nel calcio professionistico

Appena arrivato al Cruzeiro, Ronaldo si è allenato molto bene e si è mostrato un ragazzo concentrato al 100%, quindi ha iniziato a suscitare molto interesse da parte della squadra principale.

Nell’aprile del 1993 viene convocato nell’Under 17 brasiliana per disputare il campionato sudamericano di categoria, che per il ragazzo fino a quel momento timido è fondamentale per dimostrare ancora di più le sue qualità già in ebollizione.

Nel campionato svoltosi in Colombia, il Brasile è passato alla fase finale, ma è finito al 4° posto nella competizione, ma anche così Ronaldo è riuscito a mostrare al mondo il suo calcio di alto livello, è stato il capocannoniere della competizione con 8 gol.

Come non poteva essere altrimenti, quando è tornato in Brasile, è stato presto promosso nella squadra principale del Cruzeiro, dove ha esordito contro il Caldense il 25/05/1993. 2 mesi dopo il suo debutto, Raposa è andato in tournée in terra portoghese. L’allenatore Carlos Alberto Silva ha preso il timido ragazzino con i denti pensando solo alla composizione della rosa, inoltre, potrebbe essere una bella esperienza per Ronaldo fare il viaggio con i suoi compagni di squadra.

Ma il tour è stato molto di più per Ronaldo, si potrebbe dire che questo è stato il grande punto di svolta della sua carriera. A Lisbona, allo stadio Restelo, contro la squadra del Belenenses, il 5 agosto 1993, dopo il cross di Roberto Gaúcho, Ronaldo si alza e colpisce un bel colpo di testa nell’angolino del portiere. C’è il primo gol della carriera di quello che doveva essere uno dei migliori giocatori mai visti al mondo.

Di ritorno dal tour, Ronaldo è entrato a far parte della formazione titolare di Raposa. Nel 1993 ha giocato 29 partite e segnato 28 gol con la maglia del Celeste. Nella stagione 1994 non fu diverso, Ronaldo continuò ad evolversi, segnava gol di testa, di sinistro, di destro, dribblando uno, due, tre avversari, era pazzesco. Ronaldo è stato molto importante per vincere il titolo del Minas Gerais quest’anno, è stato il capocannoniere della competizione con 22 gol.

Di fronte a un inizio di stagione così glorioso, diversi club in Europa hanno provato a ingaggiare la giovane promessa brasiliana, ma che ha avuto la meglio sull’olandese del PSV, che ha sborsato qualcosa intorno ai 6 milioni di dollari.

L’attaccante ha iniziato così bene la sua seconda stagione da professionista al Cruzeiro che, oltre ad essere ceduto in Europa a caro prezzo, è stato convocato per i Mondiali del 1994. Con la squadra campione, piena di stelle come Dunga, Bebeto e Romário, ha fatto acquisire al ragazzo con i denti ancora più esperienza e bagaglio, che sarebbe stato sicuramente utilizzato durante il suo viaggio.

Complessivamente per Raposa, il giovane capocannoniere ha giocato 58 partite e segnato 56 gol, una media di quasi un gol a partita giocata, una cifra impressionante per un ragazzo di 16/17 anni.

Arrivo nel Vecchio Continente

Ronaldo è arrivato in Olanda con stile. Era visto come una delle grandi promesse del calcio mondiale e, come al solito, ha superato le aspettative. Il campionato olandese sembrava facile per il giovane marcatore. Ronaldo è decollato e ha iniziato a segnare gol su gol e ha chiuso il campionato olandese a quota 30, consacrandosi capocannoniere della competizione.

Nonostante tutto il protagonismo individuale del brasiliano, non è stato possibile per il PSV alzare la coppa, che è stata vinta dall’Ajax, che all’epoca era una delle migliori squadre d’Europa, con giocatori come Kluivert, Litmanen, Van der Sar, Davids, Seedorf e Rijkaard, squadra che nella stessa stagione vinse anche la Champions League.

Già nella stagione 1995/1996 Ronaldo finì per giocare meno, questo accadde perché iniziò ad avere problemi ad entrambe le ginocchia. All’inizio del 1996 subì il suo primo intervento chirurgico, raschiando la cartilagine del ginocchio destro, che, secondo i medici, la giovane promessa avrebbe dovuto avere una cauta guarigione, cosa che non avvenne, perché in meno di 2 mesi Ronaldo era già in campo.

Tuttavia, questa volta, dopo l’operazione, l’attaccante è stato costantemente lasciato in panchina, il che lo ha reso scontento della situazione, poiché si è reso conto di essere ancora la parte principale della squadra olandese. Questa situazione ha permesso a Ronaldo di lasciare il PSV. Barcellona e Inter gareggiano con forza nella corsa per contare sulla stella, ma a metà del 1996 è il Barça a spuntarla e acquista il gioiello brasiliano per 20 milioni di dollari.

Pur senza giocare molto nella stagione 1995/1996, Ronaldo mantenne una media di gol molto alta, in 21 partite giocate, segnò 19 volte, aiutando il PSV a diventare campione della Coppa d’Olanda. Così ha concluso la sua permanenza al PSV con ben 54 gol in 57 partite giocate.

Barcellona

A 19 anni, a metà del 1996, il capocannoniere che aveva fatto impazzire il mondo del calcio arriva al Barcellona, ​​club storico in Spagna. Così, i riflettori puntarono Ronaldo.

Ronaldo ha dimostrato tutto quello che sapeva di calcio al Barcellona, ​​era il più veloce, il più abile, il più intelligente e quello che meglio sapeva segnare gol. L’ancora giovane sembrava già un veterano, con tanta intimità che aveva con il suo fedele scudiero (palla), sembrava metterla dove voleva, era inspiegabile cosa avesse fatto il ragazzo carismatico con la maglia del Barcellona. Un gol che dimostra molto bene tutte le qualità del fuoriclasse è stato quello segnato contro il Compostela nel 5° turno della Liga.

Ronaldo ruba palla a centrocampo e si mette a correre. Il giocatore che ha perso il pallone calcia più volte la gamba, prova ad aggrapparsi alla maglia ma al fuoriclasse non succede nulla, che prosegue verso la porta. Passa un altro difensore come se non ci fosse nessuno. Avvicinandosi all’area, effettua un rapido taglio sulla destra, lasciando in lontananza un altro difensore, già dentro l’area, passa il pallone da un piede all’altro. Quando il portiere Fernando esce per coprire, Ronaldo tocca solo il retro della porta.

Lì il mondo intero seppe chi era Ronaldo, il ragazzo magro, calvo e con il sorriso a trentadue denti faceva innamorare chiunque lo vedesse giocare il suo calcio, che era un calcio pieno di raffinatezza, dribbling e fronzoli, ma molto conciso, che ha sempre cercato e alla fine raggiunto la meta.

La stagione di Ronaldo per il Braça è stata magica, ha portato, insieme ai suoi compagni, ai tifosi blaugrana il titolo di campione della Copa del Rey e anche della Coppa delle Coppe. Hanno mancato di poco la vittoria della Liga, che per soli due punti è rimasta con i rivali storici del Real Madrid.

In questa stagione Ronaldo ha impressionato il mondo del calcio, ed è stato meritatamente considerato il miglior giocatore del mondo dalla Fifa nel 1996, essendo stato il giocatore più giovane della storia a vincere quel titolo individuale, la stella aveva solo 20 anni. Nella stagione 1996/1997, il miglior giocatore del mondo ha giocato 37 partite con il Barça e segnato 34 gol, mantenendo la sua incredibile media di quasi un gol a partita.

Dopo una stagione travolgente, Ronaldo cercò di rinnovare il contratto con un aumento di stipendio, che all’epoca fu rifiutato dal presidente del Barcellona. L’Inter, dunque, che aveva già Ronaldinho come un vecchio sogno, non ha perso tempo e ha pagato la multa per l’esonero del fantasista, che si aggira intorno ai 36 milioni di dollari. Anche triste per la situazione e volendo giocare di più, Ronaldo con solo 1 stagione per il Barça ha salutato i tifosi blaugrana.

Ronaldo comemorando golaço contra Compostela
Ronaldo festeggia il gol contro il Compostela

Internazionale, dalla Gloria ai Dolori

Ronaldo ha firmato il suo contratto con l’Inter a metà del 1997, mentre giocava in Copa América per la Amarelinha, diventando campione.

Ronaldo era ancora in una grande fase, arrivò all’Inter come miglior giocatore del mondo e mantenendo il suo rendimento. Un fatto curioso è che doveva indossare la maglia numero 10, in quanto la numero 9 apparteneva a Iván Zamorano, stella cilena. Il capocannoniere di Tupiniquim ha iniziato la stagione 1997/1998 volando, ha segnato 14 gol in 19 partite ed è stato nuovamente eletto miglior giocatore del mondo.

Dopo un inizio inarrestabile in Italia, e grazie al suo calcio magistrale, Ronaldo si guadagnò un soprannome sulla stampa italiana e venne soprannominato il “Fenomeno”, come è conosciuto fino ad oggi. La stagione 1997/1998 stava andando molto bene per Ronaldo e l’Inter, che molto probabilmente sarebbe diventata campione d’Italia, scudetto che mancava da più di 7 anni all’importante club milanese. Tuttavia, in una partita decisiva e controversa contro la Juventus, in cui a Ronaldo non venne concesso un calcio di rigore lampante, l’Inter si è lasciato sfuggire lo scudetto.

Poi però è arrivato il titolo di campione della Coppa Uefa, che è servito a ricostruire lo spirito e il morale della squadra milanese. Il fuoriclasse brasiliano ha segnato 34 gol in 47 presenze con l’Inter nella stagione 1997/1998.

Terminata la stagione, Ronaldo andò con la nazionale brasiliana a disputare il Mondiale 1998 in Francia, l’aspettativa era alta per il campione in carica, a maggior ragione ora che può contare sulla base della nazionale campione del 1994, sommata a grandi rinforzi come Ronaldo e Rivaldo. Il Brasile ha disputato un ottimo Mondiale, ma ha finito per perdere la finale contro la Francia per 3-0.

Ronaldo stava disputando una buona Coppa del Mondo segnando 4 gol per il giallo, ma la sua prestazione ha diviso le opinioni. I media lo seguivano sempre, non si parlava altro che del Fenomeno, questo causò qualche disagio al fuoriclasse e alla Nazionale.

Ronaldo ne ha comunque passate poche e buone in questa Coppa. Poche ore prima della finale Ronaldo ha avuto le convulsioni davanti ai suoi compagni di squadra, nonostante ciò è riuscito a riprendersi in tempo per giocare la finale contro la Francia, che sappiamo non era quello che ci si aspettava. A causa di questo episodio, il fuoriclasse è stato oggetto di diverse speculazioni mediatiche, che per lungo tempo hanno causato non pochi disagi.

Al ritorno all’Inter, la stagione 1998/1999 iniziò diversamente, Ronaldo soffrì di una tendinite al ginocchio, rimanendo fermo per alcune giornate, fino a quando il peggio accadde in una partita contro il Lecce. Ronaldo si slogò il ginocchio destro, stirandosi i legamenti, stette fermo per 5 mesi, tornando a giocare solo nel 2000.

Proprio all’esordio in una partita valida per la Coppa Italia contro la Lazio, Ronaldo è entrato nella ripresa, e alla prima mossa ha provato a fare un tipico scatto verso la porta, ma il suo ginocchio ha subito ceduto. L’immagine era molto forte. Sembrava che il suo ginocchio stesse per espellersi. Questa volta il Fenomeno ha dovuto avere una convalescenza più lunga, in tutto sono stati 15 mesi lontani dai prati.

Il rientro è stato graduale, il re-esordio è stato in Coppa Uefa contro il Brasov in Romania, ma la stagione 2001/2002 non è stata buona per il fuoriclasse, che ha continuato a soffrire di contratture e tendiniti al ginocchio, che lo hanno reso l’unica opzione quell’anno sulla panchina delle riserve dell’Inter, e proprio da lì il capocannoniere si è visto sfuggire il titolo italiano nella sconfitta per 2-4 contro la Lazio nell’ultimo turno, che ha permesso alla Juventus di vincere un altro scudetto.

Il fuoriclasse stava allora giocando la sua ultima stagione in nerazzurro, in tutto, in quasi 5 anni all’Inter, il capocannoniere ha segnato 59 gol in 99 partite, numeri buoni, ma non era quello che lui e i tifosi si aspettavano. Oltre a convivere con gli infortuni, Ronaldo iniziò a litigare con l’allenatore dell’Inter di allora, oltre che con il consiglio, che gli permise di partire nell’agosto 2002 per il Real Madrid, per una sciocchezza come 45 milioni di euro.

Mondiali 2002, Ritorno in cima

Il marcatore, pur convivendo con molti infortuni nelle stagioni precedenti la Coppa del Mondo 2002, era l’attaccante preferito del tecnico Luiz Felipe Scolari. Anche se hanno partecipato poco al sofferto girone eliminatorio, forse per questo l’Amerelinha ha avuto tante difficoltà a qualificarsi ai mondiali. R9 si è preparato molto per questo momento, pur con molti dubbi sulla sua condizione fisica, il capocannoniere non si è mosso e ha iniziato il torneo con tutto.

La squadra di Felipão andò in Corea e Giappone, ricevendo molte critiche da tifosi e media, principalmente per non aver convocato il corto Romário, e optando per Rivaldo e Ronaldo, che erano giocatori dell’élite del calcio ma che avevano vissuto con problemi fisici… Ma Felipão aveva un piano, Gaúcho ha capito che la squadra doveva segnare forte e passare velocemente, perché sapeva che davanti aveva grandi talenti che avrebbero messo la palla in fondo alla rete.

Felipão ha deciso di formare la squadra in un 3-5-2, e aveva come formazione iniziale Marcos, Lúcio, Edmilson e Roque Júnior, Cafu, Gilberto Silva, Juninho Paulista e Roberto Carlos, con Ronaldinho Gaúcho che completava il 5 centrale e Ronaldo in avanti con Rivaldo. Era una squadra molto ben assemblata, soprattutto nella sua consistenza e transizione rapida, cosa possibile perché Felipão aveva i due migliori terzini del mondo che giocavano come ali, avendo così più libertà di raggiungere la parte posteriore e aiutare l’attacco.

Il Brasile ha iniziato il torneo in una partita ravvicinata contro la Turchia, che è passata in vantaggio all’inizio del secondo tempo con un gol di Sas. La squadra però non si scosse e al 15′ della ripresa Ronaldo, dopo un bel cross di Rivaldo, si allunga fino in fondo per pareggiare la partita. Quel gol ha dimostrato che Ronaldo era pronto a tutto e che il suo ginocchio non sarebbe stato un problema. A fine partita, dopo lo scatto di Luizão, l’attaccante subisce un rigore commesso da Alpay. Rivaldo va sul dischetto e mette palla nell’angolino sinistro del portiere turco, il Brasile vince la prima partita.

La prima partita è stata importante per dimostrare che il Brasile non era in Asia per una passeggiata, ma piuttosto per essere campione, oltre a dimostrare anche che le due stelle del Tupiniquin, Ronaldo e Rivaldo, erano in piena condizione fisica per giocarsi il tutto per tutto al torneo. La seconda partita è stata contro la Cina, il Brasile ha camminato e battuto per 4-0, con gol di Roberto Carlos, Rivaldo, Ronaldinho Gaúcho e Ronaldo.

Già classificato, Felipão è entrato contro il Costa Rica con una squadra mista, ma anche così il Brasile non si è accorto dell’avversario e ha vinto la partita per 5-2, con due gol di Ronaldo, che aveva già segnato 4 gol in 3 partite. Il punteggio per il Brasile è stato completato da Edmilson con un bellissimo gol in rovesciata, Rivaldo e Júnior.

Con una grande campagna nella fase a gironi, il Brasile ha iniziato a riconquistare il conforto e il riconoscimento dei media, ma la cosa più importante è stata la squadra stessa che continuava a credere che “Penta” fosse possibile e che avrebbe fatto di tutto per diventare campione.

Gli ottavi di finale sono stati contro il Belgio, il Brasile ha giocato bene, soprattutto nella ripresa, vincendo ancora una volta con le reti di Ronaldo (5 gol in 4 partite) e Rivaldo. Anche il gol di Rivaldo è stato uno dei più belli di questa Coppa, dopo aver ricevuto un passaggio a tre dita da Ronaldinho Gaúcho, controlla il pallone con il petto all’ingresso dell’area, gira il corpo e sgancia una bomba.

Nei quarti di finale, il Brasile ha affrontato l’Inghilterra con le giovani stelle Beckham e Owen. È stata una selezione dura con molta forza aerea e molta velocità nell’ultimo terzo del campo. L’Inghilterra passò in vantaggio con un gol di Michael Owen al 23′ del primo tempo, ma alla fine del primo tempo Ronaldinho Gaúcho ha trovato un passaggio zuccherino per Rivaldo da ricevere e mettere in angolo il portiere Seaman.

La partita entra nel secondo tempo e appena dopo 5 minuti Ronaldinho Gaúcho colpisce un magistrale calcio di punizione. Il ragazzo carica quasi da centrocampo appoggiandosi sulla linea laterale destra del campo. Crossa e la palla finisce a coprire il portiere, 2-1 per il Brasile.

Il Brasile soffrì ancora un po’ fino alla fine della partita e si qualificò per le semifinali, dove avrebbe incontrato nuovamente la squadra turca.

Ronaldo si era preparato per le semifinali, ed è arrivato alla partita con un look diverso, radendosi solo la parte posteriore dei capelli e inventando così il famoso taglio “sbavato”, battezzato così perché somigliava ai capelli del personaggio di Maurício de Souza. Ad oggi, non si sa perché R9 abbia scelto questo look, ma ci sono storie che dicono che è stato per onorare i bambini brasiliani, altri sostennero invece che Ronaldo scelse questo stile per distogliere l’attenzione della stampa e delle squadre avversarie da un presunto infortunio micro muscolare, del quale soffrì prima delle semifinali, ma una cosa è certa, il taglio scelto dall’asso ha portato fortuna e si fece conoscere in tutto il mondo.

La partita contro la sorprendente Turchia è stata molto complicata. Tutto il primo tempo è stato avanti e indietro, con diverse occasioni create da entrambe le squadre, che naturalmente nella prima fase hanno avuto come punti salienti il ​​portiere Marcos e Rustu Recber. Ma nella ripresa il Brasile partì meglio e proprio all’inizio Ronaldo segnò un gol epico. Riceve palla nell’angolo alto a sinistra dell’ingresso in area, la domina con maestria e in poco tempo regala un bel calcio imbronciato nell’angolo traversone della porta, il Brasile impazzisce, 1-0 per l’Amarelinha.

Dopo il gol, la partita fu molto combattuta, con entrambe le squadre che hanno avuto occasioni per segnare. Il Brasile ha anche sbagliato diversi gol facili, ma è comunque riuscito a mantenere il risultato e qualificarsi eroicamente per la finale contro la Germania.

Arrivò il giorno del gran finale, e Ronaldo era molto nervoso per la situazione, soprattutto per quello che aveva vissuto 4 anni prima in Francia, quindi la star racconta che quel giorno dopo pranzo non voleva andare in camera sua a riposare, e che convinse alcuni dei suoi compagni di squadra come il portiere Marcos e il centrocampista difensivo Vampeta ad unirsi con lui per una tazza di caffè, scambiandosi opinioni e critiche che funzionarono per bene, visto che il fenomeno è arrivò tutto d’un pezzo per la partita.

La partita inizia tesa, molto troncata. Nel primo tempo entrambe le squadre non riescono a imprimere il ritmo sperato, ma nonostante ciò il Brasile si distingue, soprattutto per la prestazione del giovane Kleberson, che riesce a scappare in mezzo e ad arrivare a sorpresa con grande qualità. Ebbe anche l’occasione migliore del primo tempo, un bel tiro esploso sulla traversa.

La ripresa si apre con la Germania che mette sotto pressione il Brasile in difesa. A 5 minuti, São Marcos compie un miracolo. Dopo una bella e potente punizione di Neuville, la palla tocca Marcos e colpisce duramente il palo. La squadra europea prosegue in campo offensivo, cercando di sorprendere con tiri dalla distanza, ma nessuno ha lo stesso effetto del calcio di punizione battuto in precedenza. Il Brasile quindi ricomincia a entrare in partita.

Al 20′ della ripresa Ronaldo perde palla in campo d’attacco, ma prontamente la recupera, rilascia palla a Rivaldo che calcia una bomba mancina, la palla sgocciola davanti a Oliver Khan che finisce per far cadere il pallone addosso il suo piede, da predestinato, meritevole, del capocannoniere Ronaldo, che spinge solo in porta, 1-0 Brasile. Dopo il gol del brasiliano, la Germania prova a restare in attacco, ma oltre a tiri dalla distanza non riesce ad avvicinarsi all’allungamento del tabellone.

Al 33′ della ripresa Cafu manda palla a Kleberson che si trova a centrocampo sulla destra. Il ragazzo guida la palla lungo il limite e guadagna spazio, quando si avvicina all’area, taglia la palla al centro e prova a passarla a Rivaldo, che legge la giocata in modo unico, facendo un bel taglio leggero. La palla poi finisce sui piedi del nostro marcatore, all’ingresso dell’area Ronaldo domina con maestria e regala una bella sberla nell’angolino sinistro di Oliver Khan, che non può nulla, il Brasile, cinque volte campione del mondo.

Insieme ai suoi compagni, Ronaldo ha condiviso la Coppa della Vita, forse la più celebrata al mondo, contro una squadra partita per l’Asia piena di inchieste e domande dai tifosi e media, ma che, come una grande famiglia, ha dribblato tutte le avversità e sono riusciti a diventare l’unica squadra cinque volte campione del mondo. Ronaldo è stato il volto della Coppa, con 8 gol, solo che non ha ricevuto il premio come miglior giocatore perché quello è rimasto a Khan, dato che era stato deciso prima della finale.

Ronaldo ha mostrato ancora una volta al mondo la sua capacità di segnare e di essere decisivo, conosceva la sua importanza per il suo Paese e, anche di fronte a tanti dubbi e incertezze, fece del suo meglio, non si è arreso ed è stato fondamentale per vincere la Coppa del Mondo.

Alla fine del 2022, era ancora meritatamente riconosciuto come il miglior giocatore del mondo.

Ronaldo Rivaldo e Gilberto Silva com a Taça de Campeão da Copa do Mundo de 2002
Ronaldo, Rivaldo e Gilberto Silva con la Coppa dei Campioni del Mondiale 2002

Os Galácticos

La transazione del Fenomeno dall’Inter al Real Madrid non è stata facile.

Dopo il suo complicato infortunio al ginocchio, Ronaldo sentiva di non avere il supporto di cui aveva bisogno dalla sua squadra, l’Inter. Così, ha chiesto a Hector Cuper, all’epoca allenatore dei nerazzurri, di sostenerlo emotivamente e sportivamente. Tuttavia, tale supporto non arrivò.

Unita alla mancanza di supporto, che ha fatto capire a Ronaldo che il suo assoluto rientro in campo era bloccato dall’allenatore, il giocatore stesso ha cercato vie di intesa con l’allenatore e la dirigenza, anche questa non fruttuosa.

Tali tentativi hanno solo teso il rapporto tra Ronaldo e L’Inter. Il mercato, dopo aver appreso cosa stava succedendo, ha iniziato a esaminare la stella.

Inoltre, Ronaldo aveva fretta, dato che presto sarebbe iniziato il Mondiale e lui non aveva ancora iniziato una sequenza di partite rilevanti. È stato molto importante avere la fiducia che Felipão ha riposto nella stella, che non ha esitato e l’ha portato in Coppa, con risultati già noti a tutti.

Ad ogni modo, il Mondiale è arrivato e tra l’ex presidente dell’Inter, Moratti, Ronaldo e l’allenatore Cuper non è stato raggiunto alcun accordo che avrebbe avuto conseguenze solo dopo la fine della competizione.

Nel settembre 2002, dopo mesi di trattative e un Mondiale magico, Ronaldo firmò con il Real Madrid per 45 milioni di euro.

La squadra che aveva ingaggiato Zinedine Zidane la stagione precedente, per affiancare Roberto Carlos, Guti e tanti altri, è stata la campionessa in carica della Champions League, battendo in finale il Bayer Leverkusen.

Ma Florentino Pérez non volle risparmiarsi per assemblare una delle squadre più leggendarie della storia. Presto chiamò il capocannoniere del Mondiale per comporre la sua rosa.

Il debutto di Ronnie, come viene chiamato affettuosamente dai suoi compagni di squadra, è stato rinviato di 36 giorni. Il giocatore ha avvertito un infortunio muscolare, che lo mise da parte. Le battute maliziose circolavano già in molti posti, soprattutto a Milano, dove i tifosi dell’Inter sono rimasti addolorati per la partenza travagliata di Ronaldo.

Tuttavia, le battute e le speculazioni sul fatto che la star non avrebbe giocato di nuovo ad alto livello sono cadute a terra solo 1 minuto e 2 tocchi sulla palla dopo il suo ingresso. In una partita contro il Deportivo Alavés, Ronaldo entra in campo al 19′ della ripresa e poi al 20′ l’esplosione. Con un cross di uno dei suoi migliori amici e uno dei responsabili del suo arrivo al Real Madrid, Roberto Carlos, capocannoniere della Coppa, stoppa di petto e colpisce un cross di rara felicità. La palla rimbalza sorprendentemente a terra e colpisce l’angolo del portiere.

VÍDEO: o primeiro gol de Ronaldo com a camisa do Real Madrid

Ronnie segnò ancora una volta in quella vittoria contro l’Alaves, che è finita 5-1 per i Meringues.

Lì, la stella si è unita ad altri del suo tipo, come Zidane, Roberto Carlos, Beckham, Figo e molti altri. Il calcio giocato era di altissimo livello, ma incapace di vincere la Champions League. Il periodo in cui Ronaldo è rimasto al Real Madrid, dal 2002 al 2007, è stato campione del Mondiale per club, della Supercoppa di Spagna e due volte campione della Liga. Oltre a una pioggia di gol, 103 in 177 partite, e il titolo di miglior giocatore del mondo nel 2002, alzando questo boccale per la terza e ultima volta.

Il tempo passava e Ronaldo viveva di nuovo con continui infortuni, oltre a soffrire di frequenti aumenti di peso. Così, il giocatore che era stato ceduto da Florentino Pérez per 45 milioni di euro è stato ceduto per 7,5 milioni di euro al Milan nel gennaio 2007.

Milan: Ronnie torna a Milano

Si può immaginare perché questa sia stata una transazione così controversa. Il fantasista che aveva già scambiato un rivale storico con un altro, il Barcellona per il Real Madrid, lo ha fatto di nuovo. Questa volta, Ronaldo è passato al Milan nel gennaio 2007 per unirsi ai brasiliani che erano già lì come Kaká, Dida, Cafu, Émerson, Serginho e Alexandre Pato.

Tuttavia, il passaggio del Fenomeno da parte del Milan non lascia molta nostalgia. Come detto, l’atleta soffriva di tendiniti e faticava a mantenersi in forma. Dunque, tra il 2007 e il 2008, Ronaldo ha collezionato appena 20 presenze in rossonero. Nonostante ciò, ha mantenuto una media gol invidiabile per molti attaccanti all’apice della loro forma, segnando 9 reti, quasi una ogni due partite.

Ancora una volta il fantasma degli infortuni ha perseguitato Ronaldo. Il 13 febbraio 2008, in una partita contro il Livorno in Serie A, ancora una. Uno dei peggiori della sua carriera, a 31 anni. Il pallone è crossato dalla destra e Fenomeno attende la palla in area. Si avvicina per combattere con i difensori, ma la sua gamba non è stata ben appoggiata, facendolo cadere a terra urlando per il dolore lancinante che provò. Ronaldo si ruppe il tendine rotuleo.

Milan confirma operação de Ronaldo nesta quinta - Diário Gaúcho

Impossibile immaginare cosa sia passato per la testa di Ronaldo quando sentì il dolore dell’infortunio, mentre giaceva lì ad aspettare i soccorsi, inimmaginabile il dolore all’animo. Le domande poste da lui stesso, dai media, dagli amici, dai medici a cui nemmeno lui stesso ha saputo rispondere. Riuscirà Ronaldo Nazário a ribaltare la situazione ancora una volta?

Il ritorno in Brasile, tra le braccia di un branco di matti

Dopo l’infortunio, il suo contratto con il Milan scadette nel giugno 2008, lasciandolo senza società, in quanto non c’era intenzione dei rossoneri di rinnovarlo.

Anche senza club, il fenomeno non si arrese. La sua ultima apparizione in campo non sarebbe stata lì, disteso sul prato con uno sguardo di dolore e disperazione. Quale sarebbe stato il destino di Ronaldo?

Dopo aver subito un intervento chirurgico, torna ad allenarsi a settembre. Il suo posto di lavoro era il Clube de Regatas Flamengo, una squadra che Ronaldo aveva già indicato come il suo cuore da ragazzo. Lì, si allena con qualcuno che ha capito le sue disavventure e che ha lavorato a stretto contatto con le ferite di Ronaldo, il dottor José Luiz Runco.

Il fatto che Inabalável si sia allenato al club di Gávea ha iniziato a suscitare aspettative tra i tifosi, che sapevano di cosa era capace Ronnie e che lo volevano lì. Ma a quanto pare, non c’era una proposta formale per lui per rinforzare il Flamengo, generando totale stupore nei tifosi e nei media, quando il 9 dicembre 2008, poco dopo la fine della stagione brasiliana, Ronaldo firmò con il Corinthians.

Il fenomeno è arrivato in festa e tra le braccia dei Fiel (tifosi del Corinthians). Pochi sapevano dell’ingegneria finanziaria fatta per poter contare sull’idolo nazionale.

Timão aveva già Nike come fornitore di articoli sportivi, che pagava al club circa 2 milioni di reais all’anno. Ma uno degli accordi firmati prevede che Ronaldo guadagni, oltre ai 400.000 reais netti mensili del Corinthians, anche 9 milioni di reais da questo accordo con Nike. È necessario capire che all’epoca, prima dell’avvento dei SAF e di altri meccanismi, questi valori erano considerati astronomici.

Apresentação de Ronaldo Fenômeno no Corinthians completa 12 anos neste sábado - Central do Timão - Notícias do Corinthians

Tutto questo con il sospetto dello stesso Ronaldo. L’attaccante non gioca da febbraio 2008, riuscirà a rendere redditizio economicamente e sportivamente l’investimento? Quando si tratta di Ronaldo Nazário, quale può essere la risposta?

Ronaldo doveva ancora fare i conti con le domande dei media, che erano molto concentrati sul sovrappeso. Ronnie, come al solito, ha risposto con irriverenza e carisma, affermando che se misurassero la percentuale di grasso di ogni persona all’interno della sala stampa, sarebbe sicuramente molto meglio di chi glielo chiedeva. Poi ha detto che era uno scherzo e ha promesso di non risparmiare sforzi per mantenere il fisico di un atleta.

La stella ancora una volta è scesa in campo per una partita ufficiale più di un anno dopo il fatidico giorno del suo infortunio. È entrato nel secondo tempo nella partita contro l’Itumbiara, valida per la prima fase della Copa do Brasil. La partita finì 2-0 per il Corinthians e il capocannoniere non segnò in quell’occasione, perché il meglio doveva ancora venire.

Il suo primo gol arrivò 4 giorni dopo, in una partita incisa per sempre nella storia. Il Corinthians affronta i suoi rivali storici, il Palmeiras, in un altro derby per il Campionato Paulista.

La partita si è svolta a Presidente Prudente, una lontana città nell’entroterra di San Paolo, situata a più di 560 km dalla capitale. La partita era 1-0 per il Palmeiras, quando l’allenatore Mano Menezes ha sostituito l’Escudero per far posto al Phenomenon. Con pochi tocchi sul pallone, Ronaldo ha rischiato un tiro dalla distanza che ha incrociato la traversa della porta alviverde.

Ma brillò la stella del Fenomeno, quando al 47′ della ripresa, su calcio d’angolo battuto da Douglas sulla seconda traversa, segna di testa e pareggia in uno dei più grandi classici del Brasile, 4 giorni dopo il suo ritorno.

La celebrazione è stata emozionante. Mentre il leggendario narratore Milton Leite annunciava:

“Signore e signori, il Fenomeno è tornato”

Ronaldo corse verso la recinzione e si appese per festeggiare con i tifosi del Corinthians. Insieme a lui, centinaia di fan hanno scavalcato la recinzione, che non ha resistito ed è parzialmente caduta. Questo è stato l’evento perfetto per le battute dei rivali, che hanno detto che la caduta dalla recinzione era dovuta al peso di Ronnie.

FENOMENAL: Palmeiras foi a maior vítima de Ronaldo em clássicos - Central do Timão - Notícias do Corinthians

Il successo al Corinthians non si è fermato qui. Solo un mese dopo, Ronaldo ha giocato la sua prima finale da giocatore del Timão. Una finale epica giocata tra i veterani del Corinthians contro la generazione d’oro del Santos.

Lì ebbe luogo uno storico incontro. Da una parte Ronaldo, campione del mondo e tre volte Pallone d’Oro, dall’altra il giovane Neymar, appena 17enne, alla sua prima finale da professionista.

In questa occasione, Neymar e il Santos non sono riusciti a fermare Ronaldo e compagnia. La partita era 2-1 per il Corinthians, quando in mezzo a Vila Belmiro, casa di Pelé, ha segnato un gol clamoroso. È stato lanciato in velocità per disputare con il lato Triguinho, ma con un taglio, il giocatore del Santos era completamente fuori dai giochi. Poi si è ritrovato a tu per tu con Fábio Costa, portiere del Peixe, ma ancora lontano dalla porta. Ronaldo ha notato che Fábio Costa era in anticipo, quindi non ha avuto dubbi e ha applicato una “cavadinha” geniale.

Il Corinthians ha aperto 3-1 e ha pareggiato la partita di ritorno 1-1, diventando campione.

Questo non era tutto. Ronaldo vinse ancora un altro titolo. Ha vinto la Copa do Brasil con il Corinthians. La vittima dell’epoca fu l’Internacional, che aveva grandi giocatori come D’Alessandro, Taison e Nilmar.

Nella precedente edizione del torneo, nel 2008, anche il Corinthians raggiunse la finale, ma fu sorpreso dallo Sport Club do Recife. Nonostante avesse vinto la prima partita a San Paolo per 3-1, è stato sorpreso nella partita di ritorno a Pernambuco ed è stato sconfitto per 2-0.

Questa volta, Timão aveva Ronaldo. Nella prima partita, Jorge Henrique segna al 26′ del primo tempo e proprio all’8′ della ripresa, con una mossa controversa, Ronaldo viene lanciato in velocità da Elias. Il Fenomeno aveva bisogno solo di due tocchi. Uno per dare un taglio secco a Índio, difensore del Colorado. L’altro a colpire forte con la gamba sinistra e battere il portiere Lauro.

La partita di ritorno, a Porto Alegre, fini in pareggio 2-2 e il Corinthians divenne ancora una volta campione della Copa do Brasil.

Lì, Ronaldo è rimasto fino al 2011. Nonostante i risultati, Ronaldo ha concluso la sua carriera con imbarazzo.

Il Corinthians ha giocato la fase pre-libertadores contro il modesto Deportes Tolima, dalla Colombia. Tuttavia, le stelle di Ronaldo e Timão come Danilo e Paulinho ebbero una prestazione deludente. Dopo aver pareggiato la prima partita 0-0 a Pacaembu, il Corinthians è stato sconfitto 2-0 dai colombiani.

Con ciò si è instaurata una grave crisi nel club, che fino ad allora aveva subito una pressione inimmaginabile per vincere la Libertadores, titolo che era già stato vinto dai suoi più grandi rivali, Palmeiras, Santos e San Paolo.

Così, Ronaldo disse addio ai prati con la sconfitta e l’eliminazione.

Anche con l’avvento della sua triste partenza dal campo, Ronaldo ha lasciato una gigantesca eredità al Clube do Povo. Ronaldo segnò una svolta nella storia del Corinthians, un vero salto di qualità.

Ronaldo è arrivato al Corinthians poco dopo che il club è passato dalla Serie B del Brasileirão e la sua faccia, il suo calcio, il suo marchio, hanno fatto sì che il Corinthians, proprietario della seconda maggiore tifoseria brasiliana, iniziasse a ricevere introiti mai ottenuti prima, oltre che ad un altissimo riconoscimento sulla scena mondiale, che ha permesso di strutturare una squadra forte che è stata campionessa della tanto attesa Libertadores e del Mondiale 2012.

Dai prati alle sedie esecutive e da gaming

Ronaldo, durante la sua carriera ha avuto alcuni stabilimenti e ha sempre avuto una vena imprenditoriale. Il fuoriclasse sapeva già che il calcio non sarebbe durato per sempre.

Nel 1998, ha creato una ballata nel quartiere di Leblon nella città di Rio de Janeiro, il compianto “Boate R9”. Nel 2002, dopo essersi ripreso da un grave infortunio al ginocchio e aver sollevato magistralmente la Coppa del Mondo 2002, ha creato il “Centro di Fisioterapia R9”, che esiste ancora oggi, aiutando nella fase di recupero numerosi atleti dilettanti e professionisti. .

Sempre lavorando per Corinthians, nel 2010, la star ha aperto la società di marketing “9ine”, che gestiva campagne e gestiva le carriere di atleti e artisti.

Pertanto, è chiaro che con l’avvento della sua uscita dal campo, Ronnie non avrebbe avuto una pensione tranquilla, anzi, un futuro da grande uomo d’affari e investitore.

Nel 2014 ha preso il controllo del Fort Lauderdale Strikers Club, che ha giocato in una sorta di serie B della Major League Soccer negli Stati Uniti. Ronaldo ha anche gestito bene il club, ma non è stato sufficiente terminando le loro attività nel 2016.

L’esperienza di dirigere una squadra di calcio ha risvegliato in Ronaldo passione e attitudine per la cosa, così una delle sue società, Tara che ha sede a Madrid, ha acquistato nel 2018 più della metà del club spagnolo Real Valladolid, diventandone il principale azionista. Ronaldo è poi diventato amministratore delegato del club.

L’obiettivo principale di Ronaldo al Valladolid è quello di rendere il club un appuntamento fisso della Liga, e dal suo arrivo nel 2018 è riuscito a farlo, ad eccezione della retrocessione subita nel 2021, ma il club nel 2022 ha avuto una buona stagione a La Liga 2 e ha ottenuto l’accesso al 2° posto con gli stessi 81 punti del campione Almeria.

Il Valladolid è attualmente 14esimo nella Liga con 28 punti, appena 2 dalla zona retrocessione.

Ronaldo e la sua vena imprenditoriale, ora con più esperienza nella gestione, nel 2021 con la creazione della Sociedade Anônima do Futebol in Brasile, la Legge SAF, ha visto un’opportunità nel gigantesco club celeste che lo ha rivelato, il Cruzeiro.

All’epoca il Cruzeiro stava attraversando un momento orribile, sia finanziario che strutturale, che si rifletteva molto sul calcio, visto che dopo la caduta nel 2019 per il campionato brasiliano di serie B, nei due anni successivi non riuscì ad accedere alla A, ritratto insolito per squadre della statura di Fox.

Pertanto, una parte del Cruzeiro voleva diventare una società per azioni e, per questo, Ronaldo era uno dei potenziali investitori. Dopo aver segnalato il Fenomeno a fine 2021, si è discusso molto nel direttivo del club celeste. Una parte del consiglio e dei fan non ha voluto il nuovo modello, un’altra parte è stata favorevole.

Infine, con sollievo di un’istituzione che era sull’orlo del precipizio, il Club si trasformò in società per azioni e Ronaldo acquistò la maggioranza delle azioni, diventando così azionista di controllo e azionista di maggioranza.

Il fenomeno iniziò con l’applicazione di nuovi modelli sia nella struttura che nel calcio e soprattutto nell’aspetto finanziario del club. Ronaldo valorizza un club che ha requisiti minimi per condizioni strutturali e che spende in base alle entrate che arrivano nelle casse.

Un tale concetto di gestione gli ha fatto perdere alcuni buoni giocatori, incluso l’idolo Fábio, ma è stato di grande valore quando i risultati hanno cominciato a mostrarsi. Oggi, dopo più o meno 1 anno dalla fusione Ronaldo-Cruzeiro, il club è tornato in Serie A del Brasileirão, dopo essere stato campione di Serie B nel 2022, con una stagione magistrale.

Oltre ad essere un ottimo manager, l’asso è anche uno streamer a tutti gli effetti. Nel 2020, in mezzo alla pandemia di Covid-19, Ronaldo, sentendo il bisogno di avvicinarsi ai suoi fan e amici, ha deciso di creare un canale su Twitch, dove ha iniziato a streammare giochi come Call of Duty, oltre ad aprire semplicemente la videocamera per scambiare una chiacchierata con i suoi abbonati.

R9 Lives dura fino ad oggi. Quasi settimanalmente, il capocannoniere parla e gioca con il suo pubblico, esponendo anche importanti questioni calcistiche durante le sue dirette, in particolare il calcio brasiliano, di cui Ronaldo fa parte, come “presidente” del Cruzeiro.

Un argomento molto importante sollevato in una delle sue live, è stato lui che ha spiegato ai suoi abbonati cos’è il nuovo Progetto della Lega Calcio Brasiliana – LIBRA, le conseguenze del suo avvento, gli ostacoli alla sua creazione, la divisione dei valori per il club e tante altre questioni.

Ronaldo em uma de suas lives pedindo para que os torcedores do Cruzeiro parassem com gritos homofobicos.
Ronaldo in una delle sue dirette chiedeva ai tifosi del Cruzeiro di smetterla con urla omofobe.

Ronaldo, il fenomeno, l’R9, Ronnie, il ragazzo con i dentoni, l’incrollabile è un’immagine unica del calcio mondiale, che ispira le persone dentro e fuori dal campo. Per molti, il più grande 9 mai esistito, anche da chi ha scritto questo articolo, sotto forma di omaggio all’immagine di una delle più grandi leggende del Calcio.

 

Scritto da João Felipe Miller e Vitor FL Miller

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle prossime uscite della rubrica ProtagonistiInstagram, Facebook e Twitter.

Ultimi articoli
Tags: Calciatori, In Evidenza, Protagonisti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere