John Kennedy: Da Ragazzo Problematico a Eroe d’America

jk diniz fluminense campeão champions campioni copa libertadores 2023

John Kennedy, fin dai tempi di Xerém (come è conosciuta la base del Fluminense), è stato sempre molto quotato.

Tutti credevano nel potenziale del giovane. Tuttavia, la sua carriera non è stata lineare come si pensava.

Scopriamo insieme come è stata la storia di John Kennedy e quali sono le prospettive per il futuro.

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio esteroInstagramFacebook e X.

Il percorso tortuoso di John Kennedy

John Kennedy è nato il 18 maggio 2002 a Itaúna, una città nell’entroterra dello stato di Minas Gerais, Brasile.

Il ragazzo porta questo nome chiaramente in omaggio all’ex presidente degli Stati Uniti d’America, assassinato a Dallas, in Texas, nel 1963.

Secondo quanto dichiarato dal giocatore, il nome è stato scelto da suo padre, che nutre una grande ammirazione per la storia americana.

JK ha fatto i suoi primi passi nel calcio con il settore giovanile dell’América Mineiro. L’anno successivo si è trasferito nell’Under 13 del Cruzeiro.

Il passaggio al Fluminense, il club in cui ha iniziato a fare successo, è avvenuto solo nel 2018, quando aveva 17 anni.

Nel 2019 ha iniziato a giocare in modo più consistente. Già nella sua stagione di debutto, ha partecipato a 39 partite e segnato 16 gol.

Joia 2021: pedido no profissional, John Kennedy prega paciência, mas sonha com dupla com Fred | fluminense | ge

Immagine: Gilvan de Souza / FFC

Nel 2020, l’anno è stato una montagna russa di emozioni per il giovane. In quell’anno ha giocato in quattro categorie diverse: Under 19, Under 20, Under 23 e infine è stato integrato nella prima squadra del Fluminense.

Il 2021 è stato segnato da momenti di grande instabilità nella vita personale e professionale dell’atleta. Secondo i rapporti, ha iniziato ad avere diversi problemi disciplinari, come il ritardo alla partenza per una partita di campionato carioca e la partecipazione a una trasmissione in diretta durante la notte prima di una partita.

Le difficoltà sono continuate nel 2022, quando si è infortunato giocando una partita informale con gli amici. Inoltre, si è diffusa la voce che avesse addirittura saltato delle sessioni di fisioterapia per trattare il suo infortunio.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso per la dirigenza del Fluminense è stata quando, nel maggio del 2022, l’auto di John Kennedy è stata sequestrata. Il suo amico, che stava guidando il veicolo, aveva con sé due panetti di marijuana.

John Kennedy, do Fluminense, pode pegar 1 ano de detenção após autuação - Super Rádio Tupi

Immagine: Reprodução Rádio Tupi

Le notizie negative hanno reso John Kennedy un problema nei corridoi del club. Tutti sapevano del suo potenziale e della sua qualità, ma cosa fare?

Per disciplinarlo, è stato rimandato nuovamente nell’Under 20 e nell’Under 23, per allenarsi con le squadre giovanili. Ovviamente, ha ottenuto risultati sorprendenti, segnando 9 gol e fornendo un assist in 13 partite.

Nel frattempo, Fernando Diniz è arrivato al Fluminense e in varie interviste ha dichiarato di voler utilizzare e recuperare il giocatore, facendo riferimento al lato umano dell’atleta professionista.

Arriva il 2023 e il Fluminense mette alla prova Kennedy. Il giovane è stato mandato in prestito alla Ferroviária per partecipare al Campionato Paulista.

Il ragazzo sembra aver capito il messaggio. Già nella sua partita di esordio, ha segnato un tripletta contro l’Água Santa e in 11 partite ha realizzato 6 gol.

Nonostante le buone prestazioni, la popolare Ferrinha è stata retrocessa nella competizione. Indipendentemente da ciò, ha dimostrato impegno, che era ciò che Fernando Diniz cercava.

Terminato il Campionato Paulista, è tornato in prestito al Fluminense e sotto la guida di Diniz, che lo ha orientato in ogni modo possibile, sia tecnicamente che tatticamente, per migliorare le sue prestazioni da giocatore, sia fornendo consigli e mostrando il cammino per diventare un professionista e una persona migliore.

L’attenzione costante ha prodotto gli effetti desiderati.

Gradualmente e sotto supervisione, il centravanti di 21 anni è stato integrato nella squadra. Finora ha giocato 20 partite in Brasileirão, segnando 4 gol e fornendo un assist, oltre a 3 partite e un gol in Copa do Brasil.

Ma è stato nella Coppa Libertadores che ha ottenuto lo status di “predestinato” e persino di idolo.

John Kennedy joga hoje? Os suspensos e lesionados do Fluminense para pegar o Grêmio na 19ª rodada do Brasileirão

Immagine: Buda Mendes/GettyImages

La Coppa Libertadores di JK

Come menzionato in un articolo precedente, John Kennedy può essere considerato, insieme a Cano e Diniz, uno dei pilastri della storica vittoria del Fluminense nella Coppa Libertadores.

Un giocatore che, all’inizio della stagione, era considerato possibile candidato alla cessione, si è rivelato veramente indispensabile.

Non è un’esagerazione dire che senza JK, il Fluminense avrebbe continuato a essere senza una Coppa Libertadores. Il destino ha voluto che il suo percorso si svolgesse a Rio de Janeiro.

Il Fluminense ha iniziato la competizione contro lo Sporting Cristal, ma non è stato schierato in campo nella vittoria per 3-1.

Contro il The Strongest al Maracanã, ha giocato per 60 minuti e ha contribuito alla vittoria per 1-0.

Nell’episodio di gala contro il River Plate nella fase a gironi, gli sono bastati 2 minuti in campo per fornire l’assist al quinto gol segnato da Arias. Erano i segnali che Diniz cercava.

Un giocatore che entra in campo nel recupero, stampa velocità e offre un assist è un chiaro segno di impegno.

Non è stato utilizzato nella partita contro lo Sporting Cristal né contro l’Argentino Juniors nella partita d’andata degli ottavi di finale.

Non si è lasciato abbattere da queste circostanze, anzi. Nella partita di ritorno degli ottavi di finale ha dimostrato che sarebbe stato fondamentale per questa vittoria.

Era una partita molto difficile. La prima partita era finita 1-1. Entrambe le squadre avevano possibilità di passare il turno, dato che anche gli argentini stavano giocando bene.

Ma tutto è cambiato al 72′ quando Fernando Diniz ha sostituito Keno con John Kennedy. Mentre la partita si faceva sempre più nervosa e sembrava stesse andando verso i calci di rigore, John Kennedy ha servito Samuel Xavier, che ha aperto le marcature per il Fluminense.

Anche se il gol subito dagli argentini sembrava non avere impedito loro di cercare la qualificazione, è diventato inevitabile negli ultimi minuti della partita, quando John Kennedy ha segnato il suo primo gol nella competizione, il secondo del Fluminense, e ha siglato il pass per i quarti di finale.

In poco più di 25 minuti in campo, è stato in grado di cambiare le sorti della partita. Nonostante la giovane età, ha assunto la responsabilità e ha fornito un assist, segnato un gol e ottenuto la qualificazione.

Da lì in poi, la sua fiducia e la consapevolezza di essere un elemento indispensabile per la campagna vincente si sono tradotte in ottime prestazioni. Questo ha portato alla conquista della titolarità, in quanto Keno era infortunato. JK è stato scelto per sostituire il veterano esterno.

Contro l’Olímpia, buona vittoria casalinga per 2-0.

Nella partita di ritorno, ha semplicemente dominato il match. Ha segnato un grande gol per aprire il punteggio e dare al Fluminense una vittoria chiara. All’80’, ha anche servito Cano per siglare la qualificazione alle semifinali.

Contro l’Internacional, ha offerto altre due prestazioni di livello.

Al Maracanã, ha fornito l’assist per il gol di Cano. La partita è finita 2-2, e la decisione è stata completamente aperta per il Rio Grande do Sul.

Nel Beira-Rio, il Fluminense stava vedendo svanire la possibilità di raggiungere la sua seconda finale di Coppa Libertadores. Ma al 81′, è entrato in campo il Predestinado. Ha pareggiato la partita e sei minuti dopo, Cano ha chiuso la qualificazione.

John Kennedy diz que tinha certeza que Fluminense iria virar contra o Inter: "Estava bem tranquilo" | fluminense | ge

Immagine: Gustavo Garcia

È arrivato il momento della grande finale.

Sebbene Kennedy abbia avuto prestazioni straordinarie, Diniz ha scelto Keno, che era tornato dall’infortunio e aveva all’attivo grandi prestazioni in campionato brasiliano.

Inoltre, Keno si adattava meglio allo stile di gioco del Fluminense considerando il Boca Juniors come avversario, dal momento che Fernando Diniz aveva bisogno di velocità sulle fasce del campo per aprire la difesa degli argentini.

L’idea dell’allenatore del Tricolor e della nazionale era giusta, poiché è stato Keno a fornire l’assist per il primo gol, segnato da Cano, in una giocata sulla fascia destra dell’attacco del Fluminense.

Con il punteggio di 1-1 e il tempo che scivolava verso i tempi supplementari, Diniz ha chiamato JK e gli ha detto che sarebbe entrato al posto di Ganso, il che è avvenuto all’80’.

Conosciamo le parole del tecnico al giovane, prima dell’inizio dei tempi supplementari.

Ma ora, ascoltiamo eventuali messaggi vocali di John Kennedy inviati agli amici quando gli è stato chiesto se fosse nervoso per la finale:

Non sono ansioso, amico. Sarà proprio io a decidere la partita, lo sto visualizzando, fratello. Quando dico che farò gol, mi vengono i brividi. Il gol è mio, amico.

La finale è una questione d’onore, il gol è mio. Diventerò un eroe di questo club (Fluminense), a 21 anni.

E così è stato. Con un altro assist di Keno, al nono minuto dei tempi supplementari, il pallone è arrivato pulito ai piedi di JK all’entrata dell’area di rigore. Con tutta la sicurezza possibile nelle sue vene, John Kennedy, il predestinato, ha scaricato un destro potente.

La palla ha colpito il palo e si è infilata nella rete. L’emozione è stata così intensa che ha attraversato tutto il campo per festeggiare con i tifosi del Fluminense.

Per aver praticamente invaso la tribuna del Maracanã, l’arbitro Wilmar Roldán ha mostrato il secondo cartellino giallo e ha espulso JK.

Ha assistito da lontano ai minuti finali della realizzazione della sua profezia.

Prospettive future

Il futuro di John Kennedy è nelle sue mani.

Così come è stato in grado di avere la fiducia necessaria per essere fondamentale nella conquista dell’America, deve anche sapere che senza dedizione e duro lavoro, nessun giocatore può arrivare lontano.

Da giovane, sapeva di cosa era capace. Ha segnato gol in tutte le fasi a eliminazione diretta della Coppa Libertadores.

Naturalmente, per un giocatore con questo potere decisionale, qualità tecnica e forza fisica, il destino deve essere l’Europa.

È intelligente nella lettura delle azioni, ha giocato come centravanti, secondo attaccante, trequartista, esterno sinistro e persino come terzino sinistro.

Riesce a combinare tutte le principali caratteristiche cercate dal mercato europeo, oltre al fatto di essere ancora giovane, il che lo rende un altro punto di forza.

La questione principale ora è vedere se sarà in grado di mantenere questo livello di dedizione, come è riuscito a fare Fernando Diniz.

Nel calcio europeo di alto livello, i giocatori devono dedicarsi allo studio e al duro lavoro per imparare tutte le sfumature tattiche imposte dai loro allenatori.

Se sarà in grado di mantenere questo impegno, diventerà sicuramente un giocatore importante nel calcio europeo di massimo livello.

Speriamo che questa prospettiva si realizzi.

jk diniz fluminense campeão champions campioni copa libertadores 2023

Immagine: Lucas Merçon/FFC

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: Esclusive, In Evidenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere