Esclusive
Nessun commento

Jonathan Soriano Il Padre dell Triplette

Il calcio racchiude varie storie uniche ed emozionanti, e Soriano, l’attaccante spagnolo e idolo del RB Salisburgo, è il protagonista di una di queste storie. Di seguito, racconteremo come il marcatore abbia assistito alla nascita della sua figlia e segnato un fenomenale tripletta nello stesso giorno.

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio esteroInstagramFacebook e X.

La carriera di Jonathan Soriano

L’attaccante spagnolo è nato il 24 settembre 1985 nella piccola città catalana di El Pont de Vilomara i Rocafort e sin dall’età di 10 anni si è allenato nelle giovanili dell’Espanyol.

Nel 2001 è stato promosso alla squadra senior, ma alla squadra B, dove ha iniziato a distinguersi segnando molti gol, guadagnando frequenti convocazioni nelle nazionali spagnole Under-17, Under-19, Under-20 e Under-21.

Tra il 2002 e il 2009 si è costantemente spostato tra la squadra B e la squadra principale dell’Espanyol, ma non è mai riuscito a imporsi come titolare.

Durante questi anni è stato anche prestato a squadre spagnole più piccole come Almería, Poli Ejido e Albacete, dove ha mostrato il suo potenziale ma ha mancato di costanza nelle prestazioni.

Nel 2009, dopo la fine del suo prestito con l’Albacete, il giovane Soriano, allora 24enne, ha visto il suo club giovanile, l’Espanyol, rifiutarsi di rinnovargli il contratto. Tuttavia, i loro grandi rivali catalani, il Barcellona, hanno fiducia nel suo potenziale e lo hanno portato nella loro squadra B, che giocava nella terza divisione spagnola.

Dal 2009 al 2012 non ha giocato per la prestigiosa squadra senior del Barcellona, ma nella squadra B ha avuto stagioni molto interessanti, mostrando la sua capacità di trovare la rete. In totale, in queste tre stagioni, ha segnato 55 gol in 79 partite.

Jonathan Soriano nunca acabó de cuajar en el primer equipo blanquiazul | Foto: Santi Cogolludo

Con le sue forti prestazioni per il Barcellona B, l’attaccante spagnolo ha attirato l’attenzione del RB Salisburgo, che lo ha ingaggiato a metà della stagione 2011-2012.

Nella squadra austriaca, Soriano ha impiegato un po’ di tempo per adattarsi e ha segnato solo 5 gol nella sua prima stagione, ma nelle stagioni successive è diventato uno dei più grandi idoli del club.

In una delle prime partite della stagione 2012-2013, l’attaccante spagnolo è stato sostituito dall’allenatore al 37° minuto di gioco. Tuttavia, non si è lasciato influenzare e ha avuto una stagione fenomenale, segnando 29 gol in 38 partite, con tre di questi gol che hanno un capitolo esclusivo in questo articolo.

Nella stagione 2013-2014 è stato nominato capitano della squadra e ha aiutato i Rotten Bullen (RB Salisburgo) a ritrovare la strada dei successi, che non erano mai stati dimenticati. In questa stagione, Soriano è stato imprendibile, terminando come capocannoniere della Bundesliga austriaca con 31 gol in 28 partite, tra cui quattro triplette impressionanti, e guidando anche la classifica dei marcatori dell’Europa League con 8 gol. Ha sollevato i trofei della Bundesliga e della Coppa d’Austria alla fine della stagione.

Come capitano e miglior marcatore della squadra, Soriano è diventato idolatrato dai tifosi, continuando a segnare gol e sollevare trofei fino a febbraio 2017, quando si è trasferito al Beijing Guoan in Cina.

Finora, Soriano è considerato uno dei più grandi idoli del RB Salisburgo, vincendo un totale di 4 titoli della Bundesliga e 4 titoli di Coppa d’Austria con i Rotten Bullen, diventando inoltre il miglior marcatore di sempre del club con 172 gol in 202 partite.

Un mese dopo il suo trasferimento, il RB Salisburgo ha deciso di ritirare la maglia numero 26 indossata dallo spagnolo durante il suo periodo con i Rotten Bullen.

In Cina, ha continuato a segnare molti gol prima di trasferirsi all’Al Hilal, al Girona, e ha concluso la sua carriera nel 2021 con il Castellon.

Sicuramente un giocatore senza molto glamour o attenzione mediatica, ma che sapeva esattamente come trovare la porta, oltre ad essere uno dei più grandi idoli di uno dei più grandi club dell’Austria.

Il Padre delle Triplette

Dopo aver attraversato la notevole carriera di Soriano, soprattutto con l’adorazione creata al RB Salisburgo nelle sei stagioni in cui ha giocato per il club, arriviamo ora al punto centrale di questo articolo, che è stata l’impresa storica celebrata dallo spagnolo il 20 aprile 2013.

In questo giorno, Soriano attendeva la nascita della sua terza figlia con sua moglie Cristina Sabater, e il destino avrebbe voluto che la piccola Abril nascesse lo stesso giorno di una partita importante tra RB Salisburgo e Wolfsberger AC. Dopotutto, i Tori stavano lottando punto a punto con l’Austria Vienna per la leadership e il titolo della lega.

Era certo che l’attaccante non sarebbe stato con la sua squadra in quel giorno; dopo tutto, avrebbe festeggiato la nascita della sua figlia più giovane.

Poco prima della partita, la piccola Abril è nata, sana e sorridente. Con lei e la sua compagna nella stanza dell’ospedale, Soriano ha acceso la TV per guardare la sua squadra da lontano e ha cominciato a sentire il desiderio e persino l’obbligo di essere allo stadio con i suoi compagni di squadra in quella che era una partita cruciale per i Rotten Bullen.

Senza esitazione, l’attaccante si è assicurato che sua moglie e sua figlia stessero bene e, senza dire a nessuno tranne a loro, si è diretto dall’ospedale allo stadio. In un viaggio di 30 minuti, è arrivato alla partita quasi a metà tempo.

Quando i suoi compagni di squadra e l’allenatore lo hanno visto, sono rimasti sorpresi ma molto felici di vedere l’attaccante.

Vedendo questa scena, l’allenatore si è avvicinato a Soriano, lo ha congratulato e ha detto: “Poiché sei qui, ti metterò in campo nel secondo tempo”. Soriano ha risposto che era quello che voleva di più.

La partita in questione era in parità 2-2 all’intervallo, una partita molto intensa, con un giocatore addirittura espulso per il WAC alla fine del primo tempo.

Soriano si è quindi preparato ed è sceso in campo per fare la storia cinque minuti dopo l’inizio del secondo tempo. In quello che era quasi il suo primo tocco di palla, ha ricevuto un bellissimo passaggio in profondità in area, ha fatto scorrere un po’ la palla e con tutta la sua brillantezza ha superato il portiere con il piede destro, un capolavoro. Naturalmente, la sua celebrazione ha reso omaggio alla sua piccola, mentre il felice e sorridente attaccante ha festeggiato con il dito in bocca.

Otto minuti dopo, ha visto il suo compagno di squadra Alan segnare un altro gol, completando un hat-trick per il brasiliano e portando il punteggio sul 4-2 per i Rotten Bullen.

Al 21° minuto del secondo tempo, un calcio d’angolo è stato calciato dalla destra sul primo palo e lo spagnolo ha anticipato la difesa e ha colpito di testa in rete, un altro gol fantastico, con un altro omaggio nella sua celebrazione.

Negli ultimi istanti della partita, Soriano ha visto il suo compagno di squadra portare la palla sulla destra, tagliare verso l’interno e dirigersi verso il limite dell’area in mezzo al campo. Riconoscendo l’azione, ha caricato l’area, attaccando lo spazio, e ha ricevuto un bellissimo pallone, da solo. L’attaccante non ha esitato e ha scagliato un missile in rete, realizzando un bellissimo hat-trick nel giorno in cui sua terza figlia è venuta al mondo. Quasi incapace di crederci, ha festeggiato con gioia, in quel momento essendo uno degli uomini più felici e realizzati al mondo.

In un’intervista, Soriano ha detto che è stato uno dei giorni più belli della sua vita e che lo rifarebbe tutto da capo:

“Ho impiegato circa 30 minuti dall’ospedale allo stadio. Sono arrivato con il gioco a metà, era 2-2. Non avevo organizzato con lo staff tecnico di giocare, ma, per mia sorpresa, l’allenatore mi ha messo in campo nel secondo tempo. Sentivo che avevo la responsabilità di fare qualcosa per la mia squadra”.

“È stato un giorno speciale sotto tutti i punti di vista. Ho potuto assistere alla nascita di mia figlia e fare ciò che amavo di più, ovvero giocare a calcio. Ero sotto forti emozioni, ma concentrato sulla partita”.

E questa è un’altra di quelle storie che solo il calcio può regalare.

Scritto da João Felipe Miller.

Ultimi articoli
Tags: Esclusive

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere