In una partita emozionante, Fluminense e Internacional pareggiano 2-2 nella semifinale della Libertadores

Fluminense Inter semifinal Libertadores

Fluminense e Internacional sono state protagoniste di una partita elettrizzante nell’andata delle semifinali di Copa Libertadores. Unisciti a noi mentre ricapitoliamo questo gioco emozionante.

Fluminense bate recorde de público no Novo Maracanã no jogo da semifinal da Libertadores contra o Internacional - Lance!

Immagine: MAILSON SANTANA/FLUMINENSE FC

La partita tra Fluminense e Inter

Mercoledì sera, Fluminense e Internacional hanno giocato una partita fantastica nell’andata delle semifinali di Copa Libertadores.

Il Tricolore Carioca ha schierato una formazione composta da Fábio, Samuel Xavier, Felipe Melo, Nino e Marcelo in difesa. André e Ganso erano a centrocampo, con Arias e Keno sulle fasce, e John Kennedy e Cano in attacco.

L’Internacional ha iniziato con Rochet in porta, Hugo Mallo, Vitão, Mercado e Renê in difesa, Johnny e Aranguiz a centrocampo, Maurício e Alan Patrick nelle posizioni di centrocampo offensivo e Wanderson ed Enner Valencia come attaccanti.

Per questa partita, l’allenatore dell’Internacional, Chacho Coudet, ha sostituito il terzino Bustos con Hugo Mallo per fornire maggiore solidità difensiva e far fronte alla minaccia offensiva di Keno.

L’innovazione di Fernando Diniz nella formazione è stata il posizionamento di Paulo Henrique Ganso, che ha giocato quasi come un secondo centrocampista difensivo accanto ad André.

Come accennato, il gioco è stato frenetico.

Dopo soli 5 minuti, Maurício riceve la palla al limite dell’area, la controlla girandosi verso la porta e tira un tiro ben piazzato che manca di poco il palo.

Solo due minuti dopo, Flu ha risposto. Nonostante l’inserimento di Hugo Mallo per scopi difensivi, il ritmo di Keno era inarrestabile. Ha iniziato la sua corsa da centrocampo, ha superato il terzino e ha lanciato un tiro-cross. Rochet ha effettuato una parata incredibile, ribaltandola in corner.

Al 10′, Renê commette un errore decisivo, venendo spodestato da Arias vicino alla linea difensiva. Con la difesa completamente disorganizzata, il centrocampista colombiano si è lanciato in avanti, passato a John Kennedy, che ha schierato Cano. L’attaccante ha effettuato un primo tiro che non ha lasciato scampo a Rochet. Fluminense-Internazionale 1-0.

L’intensità della partita non è diminuita. Ancora una volta Keno, questa volta contro Hugo Mallo, si unì a Cano e scagliò un tiro incrociato. Rochet ancora una volta effettua un’incredibile parata, mostrando riflessi da futsal.

L’Internacional ha mostrato grande coraggio e non ha abbandonato il proprio stile di gioco, anche sotto la pressione di un Maracanã gremito.

L’Enner Valencia inizia a vincere la battaglia fisica contro la difesa del Fluminense, trovando lo spazio per schierare Alan Patrick uno contro uno con il portiere, ma il tiro di sinistro del centrocampista manca di potenza ed è stato facilmente parato da Fábio.

In un altro duello, l’Enner Valencia ha la meglio sulla situazione, caricandosi in avanti con la palla tra i piedi. Samuel Xavier ha fermato il gioco con un fallo tattico, guadagnandosi un cartellino giallo.

Poco dopo si è verificata una situazione simile. Il Valencia riesce a controllare un lancio lungo giocato dalla retroguardia dell’Internacional. Mentre stava per riprendere il controllo della situazione, Samuel Xavier si intromette con una sfida, bloccando lo stivale del centravanti con il suo placcaggio. L’arbitro della partita, Dario Herrera, segnala il fallo e mostra correttamente a Samuel Xavier il secondo cartellino giallo, espellendo di conseguenza il terzino al 45′.

L’Internacional ha sfruttato al meglio il proprio vantaggio numerico, soprattutto nel primo tempo. Hanno esercitato una forte pressione e, su un bellissimo cross di Renê, Hugo Mallo è arrivato inaspettatamente e ha indirizzato la palla in rete.

L’assistente inizialmente è stato segnalato per fuorigioco, ma con l’intervento del VAR il gol è stato convalidato.

Di conseguenza, l’Internacional è entrato nell’intervallo con una spinta morale ed è tornato in campo allo stesso modo.

La pressione era intensa, soprattutto con combinazioni di passaggi rapidi al limite dell’area fino a trovare le ali libere o i terzini per fornire cross.

È così che Hugo Mallo sferrò un cross in area che trovò la testa di Mercado. Il difensore ha colpito di testa nell’angolo inferiore, ma il VAR ha stabilito che la palla aveva toccato la mano di Mercado dopo il suo colpo di testa e il gol è stato annullato.

In questo momento i tifosi del Fluminense si sono scatenati, dando ancora più incoraggiamento alla loro squadra.

Nonostante il gol annullato, l’Internacional non si perde d’animo e continua a pressare.

Pertanto, al 64′, Renê passa a Maurício, che effettua un passaggio al limite dell’area. Enner Valencia tenta di controllarlo, ma la palla gli finisce sotto il piede, atterrando perfettamente per Alan Patrick. Il numero 10 dell’Internacional ha visto Marcelo avvicinarsi per il contrasto, quindi ha eseguito una bellissima finta al corpo. La palla si è spostata sul suo piede destro e lui ha sferrato un tiro potente all’incrocio dei pali, segnando un gol fantastico. L’Internazionale ha preso il comando.

Dopo il gol, alcuni dei giocatori chiave dell’Internacional, come Aranguiz, Maurício e Alan Patrick, hanno mostrato segni di stanchezza a causa del loro pressioni ad alta intensità. Di conseguenza, Coudet ha effettuato delle sostituzioni, inserendo Lucca, Dalbert e Bruno Henrique, sperando che questi giocatori potessero mantenere il ritmo della formazione titolare.

Tuttavia, non è stato così. Le sostituzioni fanno calare l’intensità dell’Internacional e il Tricolor Carioca ne approfitta, lanciando attacchi quando possibile.

In questo modo Renê ha concesso un corner con un fallo maldestro. Sul calcio da fermo, Arias consegna la palla e Nino si alza senza marcatura. La palla trovò Cano nell’area delle sei yard. L’attaccante, con il suo fiuto del gol, ha sferrato un primo tiro e ha segnato il suo secondo gol della partita (11esimo nella Libertadores, diventando così il capocannoniere della competizione). Pareggia così la partita che sembrava persa, con il pareggio arrivato al 78′.

E così si è concluso il primo capitolo di questo emozionante incontro.

L’Internacional riesce a ottenere un buon risultato fuori casa ma lascia con l’amaro in bocca, poiché ha sfruttato efficacemente il proprio vantaggio numerico ma ha concesso il pareggio a fine partita.

Il Fluminense si dirige fiducioso alla Beira-Rio, ma è consapevole delle sfide che dovrà affrontare a Porto Alegre.

Erros, acertos e arbitragem: Veja as reações de um Flu x Inter movimentado :: ogol.com.br

Immagine: MAILSON SANTANA/FLUMINENSE FC

Il duello tattico tra Diniz e Coudet

La partita descritta è stata un vero duello tattico tra due allenatori eccezionali.

Piene di intensità fisica, entrambe le squadre hanno giocato secondo i desideri dei loro allenatori, il che è uno spettacolo raro.

Diniz conosceva l’importanza di creare un buon vantaggio in casa. Pertanto, ha impostato la squadra in verticale, rendendosi conto che per proteggere la propria difesa, era necessario impedire ai centrocampisti dell’Internacional di controllare la palla a centrocampo.

Di conseguenza, il Fluminense ha insistito sul gioco di costruzione dell’Internacional quando possibile. Così hanno costruito i due gol, il primo con l’intercettazione di Arias su Renê e il secondo dopo un contrasto riuscito che ha visto Renê vittima, portandosi in corner.

Diniz critica arbitragem em Fluminense x Internacional: "Interferiu na partida" | fluminense | ge

Immagine: André Durao

D’altra parte, Chacho Coudet ha individuato due evidenti debolezze nell’avversario. Il primo è stata la mancanza di protezione davanti all’area, con André unico centrocampista difensivo. Diniz ha tentato di mitigare questa carenza abbassando Ganso più in profondità, ma non ha prodotto l’effetto desiderato.

Pertanto, Coudet ha posizionato Alan Patrick ed Enner Valencia vicino all’area. Enner era capace di controllare o dirigere passaggi lunghi, e Alan riceveva le palle velocemente e direttamente da Johnny e Aranguiz a centrocampo.

Maurício e Wanderson rispecchiano Arias e Keno, attirando i loro marcatori e lasciando scoperto il centrocampo del Fluminense.

Il secondo punto debole è stata la superiorità fisica degli attaccanti dell’Internacional su Felipe Melo. Che sia stata la velocità di Wanderson e Maurício o le battaglie fisiche con l’Enner Valencia, l’ecuadoriano le ha vinte tutte.

L’aspettativa è che la gara di ritorno sarà emozionante quanto la prima, e non c’è nessun favorito chiaro per avanzare alla finale.

L’unico lato negativo è stata la critica di Fernando Diniz all’arbitraggio a fine partita. Dal punto di vista dei criteri, l’arbitro Dario Herrera ha avuto ragione. Entrambi i falli di Samuel Xavier erano evidenti infrazioni da cartellino giallo, uno per fermare un contropiede e l’altro per un contrasto in scivolata con la gamba alzata. Non c’è altro da dire.

Chi pensi che avanzerà?

Coudet fala sobre empate do Inter com o Fluminense: 'Estamos a uma vitória da final'

Immagine: Buda Mendes/Getty Images / Esporte News Mundo

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle ultime notizie delle coppeInstagram, Facebook e Twitter.

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: Coppe, Libertadores

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere