Bundesliga
Nessun commento

Il Bayer Leverkusen di Xabi Alonso nel 2023

Xabi Alonso temporada absurda bayer leverkusen amazing season 2023/24

Le prestazioni del Bayer Leverkusen nella stagione 2023/24 sotto la guida di Xabi Alonso sono state assolutamente stupefacenti.

Qui affronteremo i fattori che hanno contribuito al successo della squadra tedesca fino a questo punto.

Seguici sui social network per rimanere aggiornato sulle ultime notizie ed esclusive sul calcio esteroInstagramFacebook e X.

Il percorso del comandante: Xabi Alonso

Tutti nel mondo del calcio conoscono la figura di Xabi Alonso.

Per coloro che sono un po’ più giovani e forse non sono familiari con il suo curriculum calcistico, ecco alcune informazioni.

Alonso ha giocato come centrocampista difensivo durante la sua carriera. Era un eccellente giocatore nella sua posizione, sempre molto lodato dai suoi allenatori in diversi campi, soprattutto per tre aspetti principali: posizionamento, tecnica e leadership.

Il centrocampista ha avuto una carriera straordinaria. Cresciuto nel vivaio della Real Sociedad, è stato acquistato dal Liverpool nel 2004 per 16 milioni di euro.

Lì, sotto la guida di Rafa Benítez, è stato campione della Champions League, nella storica finale contro il Milan.

È rimasto in Inghilterra fino al 2009, quando si è unito a un’altra generazione di Galacticos del Real Madrid, acquistato per 35 milioni di euro.

Ha vissuto anni di successi in Spagna. Nel 2014, su richiesta di Pep Guardiola, il Bayern Monaco lo ha acquistato per 9 milioni di euro. Come di consueto nella sua carriera, è stato molto vincente e ha concluso la sua carriera professionale in Germania nel 2017.

Tutto questo senza considerare il suo ruolo fondamentale in una delle più grandi generazioni delle nazionali di sempre. Con la maglia della Spagna, è stato due volte campione d’Europa e campione del mondo.

Quello che non tutti sanno è che Xabi Alonso è cresciuto nell’ambiente del calcio.

Su padre, Periko Alonso, come suo figlio, è stato un giocatore della Real Sociedad negli anni ’70. Ha giocato anche per il Barcellona negli anni ’80.

Dopo la sua carriera da giocatore, è diventato anche allenatore, con un passaggio, ancora una volta, alla Real Sociedad.

Quindi, questa è un’eredità che non può essere cancellata. Senza dubbio, fin dal suo sviluppo come giocatore nell’infanzia, Xabi era guidato dal padre nell’osservare gli spazi e capire la dinamica del gioco, punti così importanti che porta con sé ancora oggi.

Ogni tanto dobbiamo riconoscere che fortuna e talento vanno di pari passo.

Il centrocampista ha avuto una carriera incredibilmente privilegiata quando si tratta di allenatori che lo hanno guidato.

È arrivato al Liverpool sotto la guida di Rafa Benítez, che ha uno stile di gioco reattivo, spesso disfacendosi del pallone e applicando la transizione veloce. Xabi era fondamentale in questo schema per marcare e guidare la protezione dell’area, nonché per verticalizzare i passaggi nel momento del recupero della palla, concetti appresi che vedremo più avanti.

In seguito è arrivato al Real Madrid per essere allenato da José Mourinho. Il tecnico portoghese non ha bisogno di presentazioni, soprattutto quando si tratta di visualizzare schemi di gioco che favoriscono le specifiche caratteristiche dei giocatori della sua rosa. Inoltre, è un tecnico che predilige dedizione e intensità indipendentemente dal possesso palla, imponendo leadership e guadagnando il rispetto dei suoi giocatori, concetti appresi che vedremo più avanti.

Entre José Mourinho e Xabi Alonso há uma profecia para cumprir | MAISFUTEBOL

Immagine: Riproduzione Mais Futebol

Infine, c’è chi è considerato uno dei più grandi, se non il più grande allenatore nella storia del calcio, Pep Guardiola. Con il connazionale, Xabi ha imparato e ha eseguito con maestria i concetti del gioco posizionale e le necessità per sviluppare un sistema di scambio di passaggi per trovare spazi in una frazione di secondo.

Questo senza contare gli insegnamenti del grande Vicente del Bosque nella nazionale spagnola.

Ha iniziato la sua carriera da allenatore nelle giovanili del Real Madrid. Niente male. È rimasto lì come una sorta di stage, per soli un anno.

Nel 2019, ha assunto il Sanse, la squadra riserve della Real Sociedad che gioca nella terza divisione del campionato spagnolo. Sono stati 90 i match allenati con la squadra, con 40 vittorie, 23 pareggi e 35 sconfitte.

Quando ha assunto la squadra, il Sanse era in terza divisione della Liga spagnola. Con Xabi, hanno ottenuto la promozione in La Liga B nella stagione 2021/22.

Tuttavia, la squadra non è riuscita a mantenere il buon ritmo e ha concluso il torneo al 20º posto, ritornando in terza divisione.

Nella stagione attuale, ormai senza Xabi Alonso da 18 mesi, si trovano al quarto posto nel gruppo A della terza divisione, idonei ai playoff per la promozione.

Questo è una prova che, nel calcio, l’audacia e il progetto sono fondamentali. Il Bayer Leverkusen voleva qualcosa di nuovo. La scommessa è stata un allenatore che nemmeno è riuscito a rimanere in seconda divisione spagnola. Ma che aveva idee, leadership e uno stile di gioco.

La scommessa è stata già vinta nella stagione d’arrivo. È arrivato nell’ottobre del 2022 a Leverkusen, per allenare la squadra locale.

Alonso ha sostituito il tecnico Gerardo Seoane, che non stava ottenendo buoni risultati con la squadra.

Da subito, Xabi ha iniziato a implementare il suo stile di gioco, con un focus su giovani giocatori, che costituiscono la maggior parte della base della squadra.

Il risultato finale è stato un ottimo sesto posto in Bundesliga, la qualificazione all’Europa League e la speranza di un luminoso 2023/24.

Xabi Alonso fala do poder de Guardiola nas partidas

Immagine: AFP

La stagione 2023/24 del Bayer Leverkusen

Composizione della squadra

Per la stagione 2023/24, il Leverkusen ha perso giocatori importanti e molto promettenti. Soprattutto il olandese Bakker, venduto all’Atalanta per 10 milioni di euro, e Moussa Diaby, acquistato dall’Aston Villa per 55 milioni di euro.

Con liquidità a disposizione, la squadra tedesca, il suo allenatore e il dipartimento di scouting hanno svolto un lavoro spettacolare.

Hanno cercato tre giovani giocatori con prospettive brillanti per il futuro: Tella del Southampton; Boniface dall’Union SG e Arthur dall’América-MG.

I primi due hanno avuto un successo immediato, soprattutto Boniface. L’attaccante centrale ha disputato una stagione sensazionale con la squadra belga, con una prestazione eccezionale nell’Europa League. Si è integrato perfettamente nello schema di Xabi Alonso.

Per mescolare giovani e esperienza, sono arrivati Xhaka, Grimaldo e Hofmann. La sinergia tra i nuovi arrivati e i veterani è stata impressionante.

La squadra ha una formazione originale basata sul 5-2-3. Inusuale, non è vero?

Il trio difensivo è composto da Kossounou, Tah (al centro) e Tapsoba. Sulle fasce, le improbabili “stelle” del team, Frimpong e Grimaldo.

A centrocampo, la coppia di centrocampisti, Palacios e Xhaka. In attacco, i falsi esterni Wirtz e Hofmann, con Boniface come centravanti.

Anche se questa formazione è considerata la titolare, Xabi promuove una grande rotazione all’interno della rosa, dando opportunità a molti giocatori e offrendo loro un considerevole minutaggio, soprattutto durante le partite di coppe, nazionali e internazionali.

E i cosiddetti giocatori di riserva stanno giocando altrettanto bene quanto i titolari. Giocatori come Tella, Adli e Hlozek sono nomi importanti in questa rotazione tra coppe e campionato. Nonostante lo stile di gioco complesso dell’allenatore, loro e tutta la squadra sono riusciti a comprendere bene i meccanismi richiesti.

In questo modo, il Leverkusen è stata l’unica squadra a concludere la fase a gironi dell’Europa League con il 100% di vittorie.

Granit Xhaka: Bundesliga leaders Bayer Leverkusen's unsung hero | Bundesliga

Immagine: DFL

Variazioni tattiche e stile di gioco

Possiamo tranquillamente affermare che Xabi Alonso sta rivoluzionando il calcio.

Utilizzare la parola “rivoluzionare” può sembrare strano, ma la usiamo nel senso di portare qualcosa di nuovo, mai visto prima, in modo estremamente innovativo.

Come accennato, la squadra gioca con un 5-2-3, uno schema piuttosto atipico, soprattutto nell’era eterna del 4-3-3.

In fase offensiva, l’obiettivo chiaro di Alonso è allargare il campo il più possibile. A tal fine, assegna compiti molto specifici ai terzini, che hanno un ruolo unico nel sistema di gioco della squadra.

Ciò che è più impressionante è che, negli ultimi tempi, il ruolo del terzino è stato trascurato, facendo sì che i giocatori di quella posizione svolgessero ruoli monotoni, causando una carenza generale in quel settore del campo.

Pertanto, Frimpong e Grimaldo, insieme a Wirtz e Hofmann, sono aperti sulle rispettive fasce, costringendo l’avversario a scomporsi a centrocampo per rispondere alle richieste provenienti dalle fasce.

Quando ciò accade, si crea spazio a centrocampo e nell’area avversaria affinché Xhaka e Palacios possano agire. Quando vengono coinvolti, non hanno solo il centravanti Boniface da servire, ma anche gli esterni e i terzini.

In altre parole, Grimaldo e Frimpong partecipano a quasi tutte le azioni della squadra. Per questo motivo, hanno rispettivamente 9 gol e 7 assist e 7 gol e 9 assist, numeri sorprendenti. Terzini di alto livello europeo passano intere carriere con contributi ai gol inferiori a quelli di loro in questa stagione, che non è neanche a metà.

Altri aspetti molto interessanti sono le influenze dei tecnici che hanno allenato Alonso nel corso della sua carriera. L’allargamento del campo richiede molta consapevolezza e disciplina posizionale, acquisite con Guardiola.

D’altra parte, presta molta attenzione alla consistenza difensiva. Nella stagione attuale, in 24 partite, il Leverkusen ha segnato 77 gol e ne ha subiti solo 18.

Per evitare l’esposizione del sistema difensivo, il blocco della squadra, basso, medio o alto, è sempre molto compatto. Ma non solo questo, innova ancora una volta.

Quando preme alto sulla costruzione del gioco avversario, eguaglia la marcatura dei terzini. In altre parole, Grimaldo e Frimpong, invece di aspettare la marcatura sulla linea dei loro difensori, superano la linea dei loro stessi attaccanti per marcare i terzini avversari.

In questo modo, la squadra ottiene una superiorità numerica in difesa e, se recupera il possesso, avrà anche una superiorità numerica in attacco. Un’eccellente marca di compattezza, marcatura e intensità, apprese nella scuola di José Mourinho.

Attualmente, il Leverkusen è in testa alla Bundesliga, con 39 punti, seguito dal Bayern Monaco con 35, ma con una partita in meno.

Credete che il Leverkusen riuscirà a conquistare il tanto agognato titolo di Bundesliga? E l’Europa League? E la Pokal? Sono vivi e protagonisti in tutte le competizioni.

How Grimaldo and Frimpong are helping Leverkusen overwhelm Bundesliga defences - The Athletic

Immagine: Riproduzione The Athletic

Scritto da Vitor F L Miller.

Ultimi articoli
Tags: Bundesliga

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere