Operazione Pena Massima e case di scommesse in Brasile

Operação Penalidade Máxima Operation Maximum Penalty

Scopri cos’è Penalidade Máxima (traduzione letterale – Operazione Pena Massima) e cosa indaga in Brasile. Attualmente si sta indagando sulla possibile manipolazione delle partite nei campionati statali e persino nella Serie A brasiliana. Dai un’occhiata!

Scommesse in Brasile

Le scommesse hanno sempre fatto parte della vita quotidiana del popolo brasiliano. Negli anni ’30, l’allora presidente Getúlio Vargas portò in Brasile luoghi di intrattenimento, come i casinò, per esempio. In breve tempo le scommesse in questi ambienti divennero estremamente popolari, ma furono improvvisamente bandite nel 1946.

No tempo dos cassinos - Editora Intrínseca

Eurico Dutra, il presidente dell’epoca, aveva una linea politica volta esclusivamente a soddisfare gli interessi americani. Così, per segnalare che il Brasile era un paese di valori forti, oltre che per non rivaleggiare con l’emergente industria dell’intrattenimento statunitense, ha vietato tutto il gioco d’azzardo con un decreto.

Eurico Gaspar Dutra – Wikipédia, a enciclopédia livre

In questo modo, solo nel 1961 il gioco d’azzardo fu legalizzato dall’Unione, essendo di competenza della lotteria federale e regolato dallo stato.

Naturalmente, molte operazioni clandestine persistevano e persistono ancora quando si tratta di gioco d’azzardo. Tuttavia, siamo qui per riferire sulle scommesse sportive, in particolare sul calcio.

Nel 2018, il presidente Michel Temer ha approvato la legge n. 13.756, che regola le scommesse sportive, a condizione che abbiano una quota fissa. Cioè quelli che presentano le “quote” (coefficiente moltiplicatore della scommessa), prima che la scommessa venga piazzata.

Quindi, è importante sottolineare che tali società che desiderano operare in questo segmento devono avere sede in paesi in cui l’esistenza delle case di scommesse è completamente legalizzata, cioè al di fuori del territorio brasiliano.

Dal 2018 ad oggi, questa pratica è diventata una febbre tra i brasiliani. Le case di scommesse raggiungono numeri di clienti molto significativi, generando profitti assurdi per loro stesse, ma non solo. Ha creato uno stile di vita per un gruppo di persone.

Pertanto, sono state create ramificazioni di mercato originate dalle scommesse sportive. Oggi, quando accendi un canale sportivo brasiliano, noterai che la stragrande maggioranza degli annunci sono per le case di scommesse. Alcuni dei più grandi club del Brasile come Santos, Fluminense, São Paulo, Vasco da Gama, Bahia, Atlético Mineiro e altri, presentano case di scommesse sulle loro maglie.

Sites de apostas esportivas patrocinam clubes

Possiamo anche osservare, in una breve navigazione in Internet, l’esistenza di corsi, suggerimenti e tanti altri modi per avere successo in questo settore.

Pertanto, era prevedibile che un mercato di nuova creazione, con poca o nessuna regolamentazione, avrebbe generato una serie di incertezze e incidenti.

La mafia del fischietto, 2005

Gli schemi di partite truccate non sono nuovi in Brasile. Nel 2005, il giornalista André Rizek ha denunciato uno schema di corruzione che coinvolge scommettitori e arbitri.

As apostas frustradas da Máfia do Apito - Por Felipe de Queiroz

Si noti che nel 2005 le scommesse sportive sono state totalmente criminalizzate in Brasile, motivo per cui non esistevano case di scommesse legalmente operative. Ma questo non era un impedimento alla formazione di un piano tra scommettitori clandestini e arbitri di calcio.

A quel tempo, l’ex arbitro Edilson Pereira de Carvalho fu arrestato, essendo solo uno degli sviluppi dell’operazione. Si è convenuto di rigiocare le partite arbitrate dagli arbitri indagati. Di conseguenza, il Corinthians, che sarebbe finito un punto dietro l’Internacional e sarebbe arrivato secondo, è riuscito a vincere le partite riprogrammate ed è stato incoronato campione quell’anno.

Polícia Federal descarta versão de ameaça a Edílson Pereira - 24/09/2005 - UOL Esporte - Futebol

Questo è stato uno degli eventi più controversi nella storia dello sport brasiliano. Anche perché la partita tra Corinthians e Internacional che ha deciso il campionato ha avuto uno degli arbitraggi più dubbi mai visti e la partita è finita 1-1. Di conseguenza, questo campionato è stato considerato da molti “contaminato”.

Se un pasticcio così grande era già avvenuto con le case da gioco completamente vietate, immaginate il terreno fertile che si trova ora

Operazione Pena Massima

L’operazione di pena massima è stata divisa in due parti. Il primo è iniziato nel febbraio 2023 e ha esaminato solo le partite della Serie B 2022.

Il giocatore Romário, di Vila Nova de Goiás, avrebbe ammesso di essere stato avvicinato da un gruppo che cercava di attirarlo nel piano criminale. Pertanto, le indagini e le procedure giudiziarie sono state avviate dallo stato di Goiás, guidato dal Gruppo speciale per la lotta alla criminalità organizzata (Gaeco), dal Coordinamento per la sicurezza istituzionale e l’intelligence (CSI), nonché dall’Ufficio del pubblico ministero di Goiás (MPGO).

Futebol: Operação Penalidade Máxima movimenta os bastidores da bola

Le indagini sono andate avanti e le autorità hanno concluso che si tratta di un regime nazionale, motivo per cui sono stati emessi mandati di arresto preventivo, perquisizione e sequestro in 6 stati della federazione, dando inizio alla seconda fase dell’operazione.

Finora, è stato rivelato che il presunto schema avrebbe interessato non solo le partite di Serie B del 2022, ma anche la Serie A e i campionati statali del 2023, ovvero:

  • Santos – Avaí
  • Bragantino – America-MG
  • Goias – Juventude
  • Cuiaba – Palmeiras
  • Santos – Botafogo
  • Palmeiras – Juventus

Inoltre, i giocatori coinvolti e indagati sono Eduardo Bauermann (Santos), Kevin Lomonaco️️️ (Red Bull Bragantino), Victor Ramos (Chapecoense), Igor Cariús (Sport Recife) e Gabriel Tota (Juventude). Questi giocatori avrebbero ricevuto importi compresi tra R $ 50.000 e R $ 100.000 per ricevere cartellini gialli o rossi.

Alcuni dei club con giocatori presumibilmente coinvolti hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali sui propri account sui social media, affermando di essere a disposizione della giustizia affinché i casi vengano chiariti il ​​più rapidamente possibile.

Sport, scommesse e criminalità

L’Operazione Pena Massima mostra somiglianze e differenze con lo scandalo mafioso “Apito” del 2005.

Tra le differenze c’è il fatto che questa volta i bersagli non sono gli arbitri ma i giocatori. Inoltre, gli eventi da alterare artificialmente sono questioni di routine nelle partite, come i cartellini gialli e i calci d’angolo, che non influiscono necessariamente sull’esito delle partite e sull’andamento dei campionati, come nel 2005.

Come similitudine emerge il rapporto problematico tra sport, scommesse e criminalità. Come nel 2005, un gruppo di criminali si è riunito per cercare di ottenere profitti da scommesse fraudolente, uccidendo l’anima dello sport. Questo non è cambiato, tende solo a diventare più frequente.

Questo perché, come abbiamo visto, si tratta di un mercato multimilionario, un’area estremamente delicata senza un’adeguata regolamentazione.

È un’attività sensibile perché coinvolge giochi d’azzardo e, quindi, stimola aree del cervello generatrici di piacere e soddisfazione, che possono portare a una forte dipendenza.

È un settore privo di una regolamentazione adeguata perché dalla sua approvazione non sono stati creati organi speciali per il suo monitoraggio, regole per la pubblicità e la distribuzione, la tassazione e il controllo dei flussi di capitale, e nemmeno l’educazione e la consapevolezza dei pericoli delle scommesse sportive.

Dopo aver elencato questi problemi, possiamo concludere che lo sport sta lentamente morendo. Ancora una volta, il capitale ad ogni costo inonda un ambiente magico per trasformarlo in un ingranaggio del modello di società in cui viviamo. Ed è una malattia silenziosa.

La prossima volta che un giocatore della tua squadra riceve un cartellino giallo con una mossa stupida, cosa ti verrà in mente? E tutti gli altri cartellini gialli e calci d’angolo concessi che non avremmo mai immaginato fossero frode, forse lo erano, in effetti.

La logica delle scommesse in Brasile oggi fa male a tutti coloro che ne sono coinvolti. Clienti onesti di case di scommesse, club, giocatori, tifosi e sport. Lo sport nella sua essenza. Sport nella bellezza di mettere in competizione gli atleti, ad armi pari, cercando un solo risultato, la vittoria.

Infine, vedendo il lato positivo della questione, l’operazione Maximum Penalty potrebbe essere una pietra miliare. Può portare alla regolamentazione dell’area, creare misure preventive e restrittive per tali atti e punire severamente tutti i soggetti coinvolti. Tuttavia, avremo le risposte solo in futuro.

Qual è la tua opinione?

Seguici sui social per rimanere aggiornato sulle ultime notizie del calcio all’esteroInstagram, Facebook e Twitter.

Scritto da Vitor FL Miller.

Ultimi articoli
Tags: Esclusive, Giurisprudenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere